Ricordare i 70 anni della NATO "con un minuto di silenzio nel solenne ricordo delle sue innumerevoli vittime"

Ricordare i 70 anni della NATO "con un minuto di silenzio nel solenne ricordo delle sue innumerevoli vittime"

"L'esistenza della NATO a 70 anni dalla sua creazione è un insulto ai milioni di persone che sono morte affinché potesse nascere la Carta delle Nazioni Unite", secondo l'analisi del giornalista John Wight.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


A seguire l'analisi del giornalista John Wight che ha scritto per vari blog e testate come The Independent, Morning Star, Huffington Post, Counterpunch, London Progressive Journal, and Foreign Policy Journal.


 
L'esistenza della NATO a 70 anni dalla sua creazione è un insulto ai milioni di persone che sono morte affinché la Carta delle Nazioni Unite potesse nascere.

La testimonianza più significativa e duratura di coloro che morirono nella lotta per sconfiggere il fascismo nella seconda guerra mondiale rimane la Carta delle Nazioni Unite , il documento di fondazione delle Nazioni Unite alla sua nascita nell'ottobre del 1945. La Carta nacque dalle ceneri di quella lotta epica come un tangibile simbolo di speranza. Nei suoi articoli c'era una solenne promessa che d'ora innanzi la giustizia, la legge internazionale e la tolleranza avrebbero regnato al posto del potere brutale, della forza e dell'intolleranza.
 
Considera per un momento la prima sezione del preambolo della Carta:
 
NOI I POPOLI DELLE NAZIONI UNITE DETERMINIAMO
 
  • di salvare le generazioni successive dal flagello della guerra, che due volte nella nostra vita ha portato un indicibile dolore all'umanità, e
  • di riaffermare la fiducia nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della persona umana, nella parità dei diritti di uomini e donne e delle nazioni grandi e piccole, e
  • stabilire condizioni alle quali sia possibile mantenere la giustizia e il rispetto degli obblighi derivanti dai trattati e da altre fonti di diritto internazionale, e
  • promuovere il progresso sociale e migliori standard di vita in una più ampia libertà
 
È impossibile leggere quelle parole e non rimpiangere lo squilibrio tra i nobili ideali che abbracciano e la triste realtà alla quale si è arrivati. L'umanità invece di essere salvata dal flagello della guerra, il flagello della guerra e del conflitto è diventato una realtà quasi quotidiana in tutto il mondo.
 
La domanda urgente con cui dobbiamo confrontarci oggi è: perché? Cosa si trova alla radice e qual è il denominatore comune responsabile del fallimento estremo dell'umanità nel raggiungere la visione stabilita nella Carta delle Nazioni Unite?
 
A ragione, non abbiamo dubbi sul fatto che, fondamentalmente, la serie di conflitti che sono venuti a definire la nostra esistenza sono una conseguenza della spinta di un blocco ideologico a dominare e imporre un particolare sistema politico, economico e di valori a un mondo definito dalla sua diversità di lingue, culture, storie e tradizioni.
 
Il risultato è la normalizzazione della guerra e l'apoteosi del duro potere.
 
Settanta anni fa, la NATO, un'alleanza militare la cui esistenza e il cui ethos è fondato sulla forza, è emersa dal ventre degli obiettivi della Guerra Fredda ideata dai falchi fanatici dell'amministrazione Truman, consumati con l'obiettivo di dominare.
 
Nel suo saggio del 1997, "L'ultimo impero", Gore Vidal salva la storia ufficiale offerta dagli ideologi occidentali quando si tratta del cambiamento improvviso che ha avuto luogo da quando Mosca considerata come un alleato indispensabile nella guerra contro la Germania nazista agli occhi del Amministrazione di Roosevelt, a nemico implacabile quando Truman entrò alla Casa Bianca alla morte di Roosevelt nell'aprile 1945.
Gore Vidal: "Lo stato di sicurezza nazionale, l'alleanza della NATO, la quarantennale Guerra Fredda sono stati tutti creati senza il consenso, molto meno il consiglio, del popolo americano ... L'impeto dietro la NATO erano gli Stati Uniti ... la divisione permanente della Germania tra la nostra zona occidentale (più le zone britanniche e francesi) e la zona sovietica a est. Serenamente, abbiamo rotto ogni accordo che avevamo stipulato con il nostro ex alleato, ora orrendo nemico comunista."
 
Muovendo le cose, non è ormai un segreto che il segretario di stato americano James Baker abbia assicurato il premier sovietico Mikhail Gorbachev in una riunione del 9 febbraio 1990, secondo cui la NATO non si sarebbe estesa "un pollice verso est" alla riunificazione della Germania. Secondo documenti declassificati , l'impegno di Baker fu fatto come parte di una "cascata di garanzie" sulla sicurezza sovietica data dai leader occidentali in quel momento e nel 1991, quando l'Unione Sovietica finì. È la rottura di quelle assicurazioni che si trova al centro del deterioramento delle relazioni tra Oriente e Occidente che si è verificato da allora ad oggi.
 
Colma di trionfalismo per la fine dell'Unione Sovietica nei primi anni '90, la NATO è stata lanciata sul mondo non in nome della democrazia, ma nella causa dell'imperialismo. Lo scrittore Neocon Thomas Friedman, più di tutti i suoi simili, ha scritto apertamente l'etica trainante della politica estera occidentale dopo la scomparsa dell'Unione Sovietica: "La mano nascosta del mercato non funzionerà mai senza un pugno nascosto - McDonald's non può prosperare senza McDonnell Douglas, il costruttore dell'F-15. E il pugno nascosto che tiene al sicuro il mondo per le tecnologie della Silicon Valley è chiamato Esercito degli Stati Uniti, Aeronautica, Marina e Corpo dei Marines. "
 
La celebrazione allegra di Friedman delle opportunità economiche che si aprivano agli Stati Uniti nel mondo post-sovietico era condivisa dagli agenti di potere a Washington su entrambi i lati del corridoio. Inebriato da un senso mal riposto di eccezionalità e virtù, il mondo ora giace davanti a loro come un vasto banchetto sul quale sono stati invitati a banchettare. E il primo corso di questa festa fu l'ex Jugoslavia con le sue abbondanti risorse umane e naturali, per non parlare della posizione strategica nei Balcani, pronta per la presa.
 
Michael Parenti, nel suo lavoro definitivo sulla distruzione della Jugoslavia, 'To Kill A Nation,' ci ricorda che dopo la caduta del comunismo nell'Europa orientale, "la Repubblica Federale di Jugoslavia (FRY) rimase l'unica nazione in quella regione che non avrebbe scartare volontariamente ciò che è rimasto del suo socialismo e installare un sistema di libero mercato senza regole. Inoltre, non ha alcun interesse ad unirsi alla NATO. " Più tardi, Parenti rivela anche: " L'obiettivo finale è stato la completa privatizzazione e la Worldization della Jugoslavia, l'Europa dell'Est ... È sostituire il salario sociale con un libero mercato globale neoliberale, un processo che fornirebbe ancora più ricchezza e potere nelle mani di coloro che sono al vertice ".
 
Il ruolo della NATO nel raggiungere gli obiettivi dell'Occidente in Jugoslavia non ha bisogno di trattenerci; sono stati esposti in modo potentissimo in una serie di articoli che commemorano il ventesimo anniversario dell'inizio della guerra aerea di 78 giorni dell'Alleanza militare occidentale contro la FRY in loro considerazione. Qui, in particolare, vi rimando al lavoro del giornalista di RT Neil Clark .
 
Il punto è che oggi - tenendo presente il ruolo della NATO nel distruggere la Jugoslavia, aiutando a trasformare l'Afghanistan in uno stato fallito piuttosto che in uno stato democratico, distruggendo la Libia e minacciando la Russia - non è più fattibile o possibile nutrire alcuna convinzione che la NATO è qualcosa di diverso da una bestia ringhiante del duro potere degli Stati Uniti, schierata non per proteggere e difendere, ma distruggere e dominare.
 
Il 70° anniversario della nascita della NATO è motivo di lamento, non di celebrazione. L'unico modo appropriato per ricordarla è con un minuto di silenzio nel solenne ricordo delle sue innumerevoli vittime.
 
 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti