Roger Waters in Colombia incontra il presidente Petro: "Fermare il genocidio a Gaza!"

Roger Waters in Colombia incontra il presidente Petro: "Fermare il genocidio a Gaza!"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente colombiano Gustavo Petro ha ricevuto il cantante britannico Roger Waters con il quale ha avuto un incontro emozionante di quasi un'ora, come riportano i media del paese sudamericano e lo stesso presidente ha reso noto attraverso i suoi canali social.

Durante l'incontro si è discusso di vari argomenti, come la guerra in Medio Oriente, il sostegno allo Stato di Palestina e la musica, che ha portato la stella della musica rock in Colombia.

Il co-fondatore della band Pink Floyd, durante il suo concerto a Bogotà, ha elogiato Petro e si è inoltre congratulato con il pubblico per aver votato per l'attuale presidente. Ha anche espresso la sua ammirazione per i recenti commenti e le coraggiose prese di posizione del presidente colombiano sul conflitto in Palestina, condannando con forza il genocidio compiuto da Israele.

Waters ha anche apprezzato il modo in cui Petro ha promosso la pace e i diritti umani, tanto da invitarlo a nuove azioni per fermare il genocidio a Gaza.

"L'artista ha condiviso con il presidente colombiano il suo sostegno e la sua ammirazione per la sua leadership a favore della pace e dei diritti umani, e ha ribadito il suo invito a condurre un'azione presso la Corte Internazionale di Giustizia per rispettare la convenzione contro il genocidio e per fermare il genocidio a Gaza, in Palestina", si legge nella dichiarazione rilasciata dalla Presidenza della Colombia.

Un altro degli assi tematici dell'incontro tra Petro e Waters ha riguardato l'arte e la musica per generare un cambiamento nel mondo. "È come rompere il muro", ha detto Roger Waters.

Tra i sorrisi, il compositore ha regalato a Petro un basso autografato appositamente per la figlia minore, Antonella Petro.

La visita si è conclusa con il capo di Stato e il musicista concordi. Waters ha detto a Petro che l'obiettivo comune è "lottare per i diritti umani di tutti nel mondo", e il capo di Stato ha risposto: "Siamo d'accordo su questo".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti