/ Sfidando le sanzioni statunitensi, Cina e altri paesi continuano ...

Sfidando le sanzioni statunitensi, Cina e altri paesi continuano a comprare petrolio dall'Iran

 

Almeno 12 petroliere iraniane continuano a trasportare petrolio greggio in Asia e nel Mediterraneo, nonostante le sanzioni statunitensi, ha rivelato un'indagine del quotidiano The New York Times (NYT).


Il giornale statunitense ha studiato i movimenti di oltre 70 petroliere di proprietà iraniana attraverso i servizi MarineTraffic e Refinitiv, nonché con l'aiuto delle immagini satellitari dei Planet Labs.

 
Dopo il 2 maggio, quando sono entrate in vigore le sanzioni contro Teheran, solo 12 di loro hanno fornito petrolio. La metà di queste navi lo riforniva in Cina, mentre altre erano state inviate nel Mar Mediterraneo attraverso il Canale di Suez e, secondo gli analisti intervistati dalla NYT, avrebbero potuto consegnare petrolio in Siria e Turchia.
 
"Il continuo flusso di petrolio sottolinea la difficoltà che l'amministrazione Trump ha avuto nell'utilizzare le sanzioni per ridurre a zero le esportazioni di petrolio iraniano dopo aver rinviato con i suoi alleati e partner la politica iraniana", spiega il NYT .

 
"Non puoi fare questo tipo di minacce se non puoi metterle in pratica. Ciò dimostra che ci sono limiti al potere degli Stati Uniti. La Cina e altri luoghi sono disposti a dire:" No, non seguiremo l'esempio degli Stati Uniti" ha dichiarato Richard Nephew, studioso della Columbia University ed ex funzionario della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato, che ha contribuito ad applicare sanzioni contro l'Iran durante l'amministrazione Obama.
 
 
Fonte: The New York Times
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa