'Snowden aveva ragione': Illegale lo spionaggio online dell'agenzia di britannica GCHQ

'Snowden aveva ragione': Illegale lo spionaggio online dell'agenzia di britannica GCHQ

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo aver vinto una sentenza storica contro l'agenzia di spionaggio GCHQ del Regno Unito, i gruppi di attivisti hanno elogiato l'ex contractor della NSA Edward Snowden per aver fatto sollevato il coperchio al regime di sorveglianza del Regno Unito. Per questo motivo hanno chiesto ancora una volta il suo perdono.

In una sentenza emessa questa mattina, la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha dichiarato che l'intercettazione di massa delle comunicazioni online da parte di GCHQ, Government Communications Headquarters, che è stata portata alla luce per la prima volta dall'ex contractor dell'Agenzia per la sicurezza nazionale statunitense Edward Snowden nel 2013, era illegale. 

Nelle sue scoperte, la CEDU ha rilevato tre "carenze fondamentali" nel processo di intercettazione del GCHQ: era stato autorizzato da un politico e non da un ente indipendente, i termini di ricerca che sarebbero stati segnalati dall'agenzia di spionaggio non erano stati inclusi nella richiesta di un mandato e termini di ricerca collegati a persone, ad esempio nomi, indirizzi e-mail e numeri di telefono, non erano stati autorizzati internamente prima del loro utilizzo.

L'ex editorialista del Guardian Alan Rusbridger, che ha pubblicato le rivelazioni di Snowden nel 2013 e ha distrutto i dischi rigidi appartenenti all'informatore piuttosto che consegnarli al governo, ha celebrato la sentenza. "Ci è voluto molto tempo", ha twittato, "ma risulta che @Snowden aveva ragione".

Il Big Brother Watch, un cane da guardia della sorveglianza statale coinvolto nel caso contro GCHQ, ha descritto la sentenza del tribunale come "una constatazione che rivendica le denunce di @ Snowden".

Lo stesso Snowden ha minimizzato il proprio ruolo. “Senza giornalisti a raccontare la storia, il pubblico non l'avrebbe saputo. Senza gli avvocati dei diritti umani che difendessero quel pubblico, i tribunali non se ne sarebbero preoccupati. Senza quei tribunali, i politici continuerebbero a negarlo", ha twittato, aggiungendo " Non avrei potuto farlo da solo ".

Tuttavia, Snowden rimane in esilio a Mosca ed è ancora ricercato dalle autorità statunitensi con l'accusa di spionaggio. Con il suo passaporto annullato da Washington, la Russia rimane un rifugio sicuro per Snowden e all'inizio di quest'anno ha chiesto la cittadinanza russa. A seguito del verdetto della CEDU, il direttore del Grande Fratello Watch Silkie Carlo ha invitato i leader europei a proteggere Snowden, affermando che "merita chiaramente la protezione delle nazioni democratiche in tutta Europa per la sua disinteressata difesa dei diritti umani".

Eppure, anche se Snowden avesse un passaporto, lasciare la Russia sarebbe un pericolo. Nel 2013, il presidente boliviano Evo Morales trovò il suo aereo costretto ad atterrare in Austria dopo che funzionari in Francia, Italia e Spagna avevano chiuso il loro spazio aereo a causa di una soffiata che Snowden era a bordo. Snowden era in effetti a Mosca e si ritiene che gli Stati Uniti siano stati dietro la soffiata e il dirottamento. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti