ALBA LATINA/Sospensione degli affitti per abitazioni e negozi e divieto di li...

Sospensione degli affitti per abitazioni e negozi e divieto di licenziamento: il Venezuela risponde alla crisi coronavirus

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il presidente, Nicolás Maduro, ha annunciato questa domenica l'entrata in vigore di un decreto che contempla una serie di misure economiche con cui i venezuelani saranno protetti durante la contingenza che il paese sta attraversando a causa del coronavirus.

 

«Lavoratori e imprenditori, sappiate che abbiamo gli strumenti, il potere e la decisione assoluta per proteggere tutti i lavori nel paese, commerci e imprese», ha affermato il presidente in un discorso alla nazione.

 

Le misure annunciate includono:

 

1- Conferma del divieto di licenziamento - fino al 31 dicembre - in difesa dei lavoratori.

 

2- Piano speciale di pagamento dei salari per le PMI per un periodo corrispondente a 6 mesi.

 

3- Sospensione immediata del pagamento dell'affitto per negozi e abitazioni principali per 6 mesi.

 

4- Piano prioritario per gli investimenti agroalimentari per garantire i sette milioni di CLAP (programma che provvede a fornire alla popolazione cibo sovvenzionato).

 

5- Una serie speciale di bonus viene attivata per i lavoratori nell'economia informale e le società private attraverso il Sistema Patria.

 

Inoltre il presidente Maduro ha annunciato che la quarantena sociale decisa in modo tempestivo dal paese sudamericano ha permesso di ridurre la catena di contagio del coronavirus. 

 

«Grazie a misure audaci e coraggiose, siamo riusciti a tagliare la catena di trasmissione del coronavirus in Venezuela del 3 percento», ha affermato Maduro. 

 

«Abbiamo adottato le misure più drastiche per neutralizzare l'arrivo della pandemia... la quarantena in tutto il territorio è necessaria per proteggere le persone. Grazie a misure audaci, abbiamo tagliato la catena di trasmissione del coronavirus di un'alta percentuale in Venezuela", ha detto il capo dello Stato.

 

Allo stesso modo, il presidente ha ribadito che valeva la pena decretare la quarantena per tagliare la catena di trasmissione, «secondo le statistiche, abbiamo ridotto il numero di infezioni al 3 percento per aver adottato le misure corrispondenti in tempo». 

 

Maduro ha poi spiegato che «10.965.569 venezuelani hanno risposto al sondaggio di screening su Internet. Dobbiamo tutti completare il sondaggio condotto in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Abbiamo reclutato 135 persone con CDI per effettuare le rispettive proiezioni».

 

Di fronte al blocco economico, finanziario e commerciale illegale, il capo dello Stato ha indicato che il Venezuela sta effettuando test alle persone attraverso la Cina e le organizzazioni internazionali, «ogni volta che chiamiamo un laboratorio internazionale, gli Stati Uniti li chiamano per minacciarli e non permettere loro di venderci i test e i farmaci», ha denunciato Maduro.

Fonte: Alba Ciudad - teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa