Stati Uniti, i falchi sono ossessionati dall'Iran

Stati Uniti, i falchi sono ossessionati dall'Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Piccole Note
 

Al “Pentagono sono sempre più preoccupati che il consigliere della sicurezza nazionale del presidente Trump, John R. Bolton, possa scatenare un conflitto con l’Iran”. Così sul New York Times.


Bolton e l’ossessione Iran


Già lo scorso anno Bolton chiese di bombardare l’Iran, continua il giornale, dopo l’esplosione di alcuni missili iraniani nelle vicinanze di postazioni militari Usa a Baghdad.


Il ministro della Difesa Mattis e altri generali delle Forze armate si “opposero categoricamente” alla richiesta.


“Da quando Bolton è subentrato all’HR McMaster, nell’aprile scorso – annota il giornale Usa -, egli ha intensificato la spinta dell’amministrazione Usa a isolare e a fare pressione sull’Iran – riflesso di un’ostilità verso i leader iraniani che risale” ai tempi in cui era parte “dell’amministrazione di George W. Bush”.

 

L’ondivago Pompeo


Bolton non è l’unico anti-iraniano dell’amministrazione. Il NYT ricorda come all’inizio di questo mese il Segretario di Stato Mike Pompeo abbia avvertito l’Iran dopo il lancio di tre veicoli spaziali, che sarebbero serviti per “testare la tecnologia missilistica necessaria per trasportare una testata contro gli Stati Uniti e altre nazioni”.


Un avvertimento che mirava “a costruire una base legale per azioni diplomatiche, militari o segrete contro il programma missilistico iraniano”.


Spiegazione che non convince affatto le fonti della Difesa interpellate dal NYT, che l’hanno trovata “sorprendente”, dal momento che l’Iran fin “dal 2005 ha usato queste modeste missioni spaziali, per lo più per dispiegare satelliti”.


Ma a quanto pare, pur ingaggiato contro Teheran, Pompeo avrebbe un freno ignoto a Bolton. Così, nel suo recente tour in Medio oriente, pur martellando sulla necessità di contenere l’Iran, “non ha mai parlato di interventi militari”.


“Bolton non vuole sentire opinioni contrastanti, hanno riferito le fonti [della Difesa], odia le fughe di notizie e vuole controllare tutto ciò che arriva al presidente. Il risultato è che non vengono prese in considerazione opzioni diverse [dalle sue] e, cosa più importante, c’è il rischio di un’escalation“.

 

Le vittorie e le sconfitte di Bolton


Bolton ha ottenuto una grande vittoria con il ritiro degli Stati Uniti dal trattato nucleare iraniano, continua il NYT, ottenuto contro il parere di McMaster, Mattis e dell’allora Segretario di Stato Rex Tillerson. E dello stesso Pompeo, che sperava potesse restare in vigore limitatamente agli Stati europei.


Ma ora Bolton ha perso con il ritiro dalla Siria, come spiega anche al Monitor, che ricorda come egli avesse rassicurato Israele sulla vacuità dell’ordine di Trump. Invece, venerdì scorso il ripiegamento è iniziato (da vedere se e come proseguirà).


Nel rilevare lo scacco del Consigliere per la sicurezza nazionale, il Wall Street Journal, ha riportato le affermazioni di un alto esponente dell’Us Army, che spiegava come essi stessero eseguendo l’ordine firmato dal ministro della Difesa dimissionario, Mattis.


“Noi non prendiamo ordini da Bolton“, ha aggiunto significativamente l’anonimo. La guerra all’interno dell’amministrazione Usa è alle stelle.

 

L’annuncio del ritiro è giunto proprio nel giorno in cui Trump si è recato al confine tra Messico e Stati Uniti per confermare la necessità di un Muro anti-clandestini.


Questa iniziativa del presidente sta scuotendo l’America, con drammatizzazione crescente. Non entriamo nel merito, ci limitiamo a rilevare che l’escalation della polemica è stata innescata da Trump con la sua visita.


Così non sembra affatto casuale la coincidenza tra tale escalation e l’annuncio del ritiro. Come se Trump avesse volutamente accentrato l’attenzione su una problematica per poter ottenere altro, altrove…


Per i presidenti Usa il ritiro di truppe è simbolo di disfatta, come avvenne per il rovinoso ripiegamento dal Vietnam.


Nel caso specifico, è invece una vittoria. Trump ha (temporaneamente) sconfitto gli assatanati cultori della guerra, del quale Bolton è irriducibile alfiere.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti