World Affairs/Stati Uniti: il caos passerà ma i conflitti di classe, le dispari...

Stati Uniti: il caos passerà ma i conflitti di classe, le disparità di ricchezza e l'attrito razziale continueranno

 


di Sun Chenghao - Global Times
 

Il caos è iniziato a Minneapolis in un momento in cui l'epidemia di COVID-19 sta ancora imperversando negli Stati Uniti. E alcune persone sono preoccupate che il caos possa portare a un nuovo picco dell'epidemia degli Stati Uniti.

 

Molti statunitensi disoccupati si sono uniti ai manifestanti, approfittando delle proteste per procurarsi beni di prima necessità. Le proteste sono diventate un'opportunità per i nordamericani di sfogarsi emotivamente durante l'epidemia.

 

Tali rapine distruggeranno l'ordine sociale, faranno fallire più persone e si uniranno ai manifestanti e peggioreranno nuovamente la situazione epidemica. Questo è un circolo vizioso.

 

Prima del caos, alcuni Stati degli Stati Uniti si stavano preparando a riprendere gradualmente il lavoro e la produzione. Ma ora, il caos infuriato ha portato a raduni su larga scala di persone, e molte foto e video sul posto mostrano che la maggior parte dei manifestanti non indossava mascherine né prendevano misure di protezione. Non si può escludere che molti manifestanti potrebbero ora aver contratto il COVID-19. Riunioni su larga scala in cui le persone gridano slogan aiuteranno ulteriormente a diffondere il virus.

 

Molte città statunitensi hanno imposto il coprifuoco a causa del caos. Alcuni commercianti possono scegliere di chiudere i loro negozi per evitare che vengano colpiti e derubati dai manifestanti. Questo è un duro colpo al piano statunitense di riprendere gradualmente il lavoro e la produzione. Ciò influenzerà ulteriormente l'intera economia nordamericana.

 

Tuttavia, di fronte a tale caos, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato su Twitter che "quando inizia il saccheggio, iniziano gli spari”. Sta rispondendo alla violenza con la violenza e questo è un modo terribile per affrontare i disordini. Invece di dialogare con i manifestanti, Trump li considera semplicemente come rivoltosi. Ma molti di loro erano inizialmente manifestanti pacifici e avevano appelli specifici, come punire l'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin e scoprire la verità. Tuttavia, le risposte radicali di Trump hanno incitato questi manifestanti pacifici alla violenza.

 

Trump avrebbe potuto usare metodi migliori per affrontare i disordini. Ad esempio, avrebbe potuto tenere un discorso nazionale in televisione e invitare le persone a rimanere calme e unite. Avrebbe potuto concentrarsi maggiormente sulle ragioni alla base del caos, come le politiche sull'immigrazione, i conflitti razziali e la lotta al COVID-19.

 

Invece di calmare il paese, Trump ha evitato di menzionare questi argomenti. Non è riuscito a cogliere la chiave dei problemi e le misure per risolverli.

 

Domenica Trump ha anche affermato che gli Stati Uniti designeranno ANTIFA un'organizzazione terroristica. Tuttavia, ANTIFA è più una rete libera piuttosto che un'organizzazione rigorosa. Sebbene sia un po' estrema, designarla un'organizzazione terroristica potrebbe non sembrare appropriato perché coloro che inizialmente si opponevano ad ANTIFA possono a loro volta diventare dei simpatizzanti dell’associazione. Potrebbero pensare che il governo stia usando metodi coercitivi per reprimere gli appelli delle persone, e questo non farà altro che istigare alla violenza e all'antagonismo.

 

Il caos in corso alla fine sarà alleviato, ma porterà molte conseguenze a breve e lungo termine. Ad esempio, avrà un impatto diretto sulle imminenti elezioni presidenziali del 2020 e minerà il vantaggio di Trump. Con l'epidemia di COVID-19 che si sta ancora diffondendo, il caos peggiorerà ulteriormente l'economia nordamericana. È risultato in maniera lampante che Trump non è un presidente in grado di rispondere efficacemente a tali crisi nazionali. Ha fallito entrambi i test, sull'epidemia e sul caos nazionale. Molte minoranze etniche negli Stati Uniti si oppongono a Trump, e se Trump non riuscirà ad alleviare rapidamente il caos, andrà a beneficio della corsa presidenziale del suo rivale Joe Biden.

 

Se il conflitto razziale negli Stati Uniti non può essere risolto, simili ribellioni potrebbero ripetersi in futuro. Il caos iniziato a Minneapolis aggraverà ulteriormente le divisioni sociali degli Stati Uniti. Non importa come il caos sarà alleviato, i problemi strutturali profondamente radicati nella società nordamericana non vengono risolti. I conflitti di classe degli Stati Uniti, le disparità di ricchezza e l'attrito razziale continueranno.


L'autore è un assistente professore di ricerca presso l'Institute of American Studies, China Institutes of Contemporary International Relations

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa