Studio: Algoritmi dei social impostati contro la causa palestinese

Studio: Algoritmi dei social impostati contro la causa palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"In che modo i social media alimentano la polarizzazione politica negli Stati Uniti e cosa si dovrebbe fare al riguardo?" è il titolo di uno studio condotto dal Center for Business and Human Rights della Leonard N. Stern School della New York University nel quale si rivela che, in reazione a un'ondata di fake news sulla tensione tra la Resistenza palestinese e Israele nel maggio scorso, Facebook ha istituito un centro operativo speciale nei territori occupati per monitorare i contenuti che violavano le regole del social network.

Facebook e Twitter hanno riconosciuto di aver erroneamente bloccato o limitato milioni di post e account, per lo più filo-palestinesi, perché, in alcuni casi, gli algoritmi di rimozione dei contenuti interpretavano parole come "martire" e "resistenza" come un segno di violenza, rivela il rapporto.

Secondo lo studio, molti palestinesi hanno subito un grado ingiustificato di censura sui social media perché il regime israeliano dispone di un'unità informatica competente che segnala grandi quantità di presunto contenuto palestinese di odio e violenza, mentre i palestinesi non dispongono di questa struttura.

Per anni, Facebook ha disattivato gli account palestinesi in coordinamento con il regime israeliano e le agenzie di sicurezza, con il pretesto di evitare "l'incitamento" all'odio dei palestinesi.

I direttori di questo social network e le autorità israeliane hanno firmato nel settembre 2016  un accordo che obbliga Facebook a rimuovere tutti i tipi di contenuti considerati anti-israeliani.

I palestinesi credono che il patto cerchi di censurare ogni tipo di critica a Israele e non lasciare che attivisti e cittadini usino Facebook per mostrare al mondo le pratiche brutali e la repressione che l'esercito israeliano esercita sui palestinesi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti