/ Studio conferma le terribili conseguenze sui bambini dell'uranio ...

Studio conferma le terribili conseguenze sui bambini dell'uranio impoverito usato degli Stati Uniti in Iraq

 

Una nuova ricerca rivela i terribili effetti dell'uso dell'uranio impoverito da parte degli Stati Uniti nell'invasione dell'Iraq, specialmente sui bambini.


Dopo aver analizzato i capelli e i denti dei corpi dei bambini con gravi anomalie congenite, nati in zone di sanguinosi scontri, nonché vicino alle basi militari statunitensi in Iraq, i ricercatori hanno scoperto alti livelli di torio, un elemento chimico, prodotto dal decadimento radioattivo dell'uranio impoverito (DU).
 
L'indagine mostra, ad esempio, una relazione diretta tra il vivere vicino alla base aerea americana Al-Talil. nell'Iraq sud-orientale, con un rischio maggiore di dare alla luce un bambino con disabilità congenite, tra cui malattie cardiache, deformazioni spinali e labbro leporino, ha affermato Mozhgan Savabieasfahani, un ricercatore indipendente del Michigan e coautore dello studio in un'intervista con il portale americano TruthOut.
 
L'indagine evoca, in questo senso, l'uso di migliaia di bombe e munizioni ricoperte di uranio impoverito dagli Stati Uniti. nei suoi bombardamenti contro il territorio iracheno, nel quadro dell'invasione autorizzata dall'allora presidente George W. Bush (2001-2009) in Iraq, con il pretesto che il paese possedeva armi di distruzione di massa.
 
Tuttavia, dopo anni di questa guerra devastante con conseguenze sanguinanti, Washington ha riconosciuto che l'Iraq non aveva quelle armi.
 
“Quando una bomba ricoperta di uranio impoverito colpisce il bersaglio, l'incendio e il fuoco provocano emissioni nell'aria di piccole particelle radioattive.
(...) Il vento può trasportare quella polvere radioattiva per molte miglia, potenzialmente contaminando l'aria che respirano persone innocenti", si denuncia nello studio.
 
L'inalazione di questa aria inquinata, aggiunge, può causare cancro ai polmoni, danni ai reni, cancro alle ossa, cancro della pelle, nonché disfunzioni alla nascita e avvelenamento chimico.
 
Questi attacchi non furono l'unica fonte di contaminazione radioattiva in Iraq, poiché l'esercito americano portò anche migliaia di tonnellate di equipaggiamento militare nel paese arabo, come veicoli corazzati, carri armati e jet da combattimento, la cui armatura era stata rinforzata con uranio impoverito.
 
Un gran numero di questi armamenti finì per essere distrutto sul campo di battaglia o arrugginito nei depositi di rottami in tutto il paese, trascinando la sostanza chimica radioattiva nell'aria e nell'acqua del paese.
 
Medici ed esperti iracheni hanno descritto l'uso di uranio impoverito da parte  Washington contro il loro paese come "genocidio" e hanno denunciato il numero crescente di bambini nati con disabilità congenite in aree di intenso combattimento durante l'invasione degli Stati Uniti, come nella città di Falluja, situata a 50 chilometri a ovest della capitale, Baghdad, dove si sono verificati drammatici aumenti di cancro infantile, leucemia e aborti spontanei.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa