World Affairs/Studio Università di Tel Aviv, nessun caso dalla Cina e il 70% de...

Studio Università di Tel Aviv, nessun caso dalla Cina e il 70% degli israeliani aveva una variante SARS CoV-2 originaria degli USA

 

La propaganda sinofobica distrutta da questa ricerca condotta dalla dottoressa A. Stern



di Adriel Kasonta - Asia Times
 

Al momento in cui scriviamo, gli Stati Uniti hanno il maggior numero di casi di Covid-19 e decessi nel mondo, quindi è importante non respingere l'idea di esaminare in che misura gli Stati Uniti potrebbero aver contribuito alla diffusione del virus in altre parti del globo.

 

Il presidente Donald Trump e il suo Segretario di Stato, il falco Mike Pompeo, hanno preferito demonizzare la Cina e ricattare l'Organizzazione Mondiale della Sanità piuttosto che assumere una posizione prudente nell'affrontare la pandemia di Covid-19.

 

La dott.ssa Adi Stern e il suo team di ricercatori della School of Molecular Cell Biology and Biotechnology presso la George S Wise Faculty of Life Sciences dell'Università di Tel Aviv hanno scoperto che il 70% degli israeliani infetti aveva una variante SARS CoV-2 originaria degli Stati Uniti.

 

Lo studio di TAU si basa su un'analisi delle sequenze genomiche di oltre 200 pazienti negli ospedali israeliani e sul loro confronto con genomi sequenziati di 4.700 pazienti in altri paesi. È stato pubblicato lunedì sul sito web medRxiv.org.

 

Ciò che è particolarmente interessante dello studio è che la ricerca non ha riscontrato alcuna infezione importata in Israele dalla Cina, dalla Corea del Sud o da Singapore.

 

Stern afferma che lo studio è stato condotto per circa due mesi "così dall'inizio [dello scoppio della pandemia in Israele], a partire da alcuni dei primi pazienti fino alla fine di aprile".

 

Il primo caso israeliano confermato di Covid-19 è stato registrato il 21 febbraio, tre settimane dopo che il paese ha iniziato a limitare i viaggi dall'Asia e a chiudere i suoi confini ai turisti mentre implementava quarantene obbligatorie per i viaggiatori. Anche i voli dall'Europa sono stati limitati all'inizio, ma non dagli Stati Uniti.

 

"C'è stato un ritardo nella politica. I voli dall'Europa sono stati fermati tra il 26 febbraio e il 4 marzo e tutti i viaggiatori hanno dovuto essere messi in quarantena, ma i voli dagli Stati Uniti sono stati fermati solo il 9 marzo", ha spiegato Stern.

 

Ha aggiunto che "i viaggiatori di ritorno dagli Stati Uniti hanno contribuito maggiormente alla diffusione del virus in Israele rispetto a quelli provenienti dall'Europa". Chiudendo i confini ai voli dall'Europa, prosegue la dottoressa, "ha funzionato davvero bene visto che da lì abbiamo visto pochissime catene di trasmissione".

 

Un'altra scoperta significativa è stata che oltre l'80% delle infezioni da Covid-19 in Israele erano il risultato diretto di solo il 10% di "super-diffusori”.

 

"Alcuni dei gruppi di sequenze nei dati che abbiamo visto erano identici al 100%, e questo ci dice che c'erano alcuni super-diffusori”, ha detto Stern, suggerendo allo stesso tempo che la diffusione potrebbe essersi verificata in eventi come come matrimoni e altri incontri sociali.

 

Dato interessante dello studio è che "il nuovo coronavirus è caratterizzato da mutazioni che si verificano a un ritmo prestabilito", ha affermato Stern in un comunicato universitario. "Queste mutazioni non influenzano il virus, ovvero rimangono stabili, ma queste mutazioni possono aiutarci a tracciare la catena di infezione da un paese all'altro.

 

"In futuro, i dati ottenuti dal sequenziamento genomico serviranno come base importante per le decisioni informate su quali istituti chiudere, per quanto tempo e con quali modalità”, ha affermato.

 

"Nel nostro studio, abbiamo eseguito il primo massiccio sequenziamento genomico del coronavirus in Israele", ha detto Stern. “Questa tecnologia e le informazioni che fornisce sono di grande importanza per comprendere il virus e la sua diffusione nella popolazione, come base scientifica e obiettiva per il processo decisionale locale e nazionale. I dati ottenuti dalla ricerca possono aiutare notevolmente i responsabili politici su questioni quali chiusure e quarantene.

 

"I responsabili politici possono utilizzare lo studio per concentrarsi sugli sforzi [preventivi] contro una seconda ondata del virus", ha concluso.

 

Stern ha affermato che non più dell'1% della popolazione in Israele ha contratto il virus - una quota lontana dall'immunità del gregge.

 

Come dimostra questo caso, all'inizio della pandemia di Covid-19, Israele ha vietato i voli da quasi tutti i paesi tranne uno - gli Stati Uniti, e potrebbero essere stato un errore monumentale.

 

A partire dal 21 maggio, ci sono stati 16.659 casi di Covid-19 riportati in Israele, con 278 morti per malattia, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University.

 

È interessante notare che non molto tempo fa Trump ha avuto il coraggio di etichettare la pandemia come "virus cinese". Visto che la situazione si è capovolta in direzione degli Stati Uniti, è chiaro che molti israeliani ora hanno motivi legittimi per etichettare Covid-19 come "virus americano".


(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 

 

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa