Sudan: Riad appoggia Burhane, nuovo uomo forte di Khartoum, responsabile dell'invio dei soldati sudanesi nella guerra contro lo Yemen

Sudan: Riad appoggia Burhane, nuovo uomo forte di Khartoum, responsabile dell'invio dei soldati sudanesi nella guerra contro lo Yemen

Il nuovo uomo forte del Sudan, nominato venerdì scorso come capo del consiglio di transizione militare all'indomani del rovesciamento del presidente Bashir, è il principale responsabile per il coinvolgimento dei soldati sudanesi nella guerra contro lo Yemen. Come non poteva essere appoggiato dall'Arabia Saudita?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Come riferisce Al Manar, Abdel Fattah al-Burhane, Ispettore Generale delle Forze Armate, era responsabile del dossier yemenita con la coalizione guidata dai sauditi nella sua guerra contro "l'influenza dell'Iran" nello Yemen. È grazie a questo ruolo che è stato scelto a capo dello Stato, specificano gli analisti.
 
Va ricordato che un gran numero di soldati e ufficiali sudanesi sono stati uccisi e feriti nello Yemen. Le immagini dei loro cadaveri postate sui social network hanno spinto i sudanesi a chiedere il loro ritiro dallo Yemen.
 
La reazione di Ansarullah
 
Nello Yemen, il presidente del Comitato rivoluzionario dello Yemen ha reagito al rovesciamento del presidente sudanese, Al-Bashir e sui recenti sviluppi in questo paese africano.
 
Mohammed Ali al-Houthi ha dichiarato, venerdì scorso, che la "rivoluzione" in Sudan non priverà il popolo sudanese del suo diritto di prendere l'iniziativa e di porre fine al regime dispotico di Omar al- Bashir. E poi, lo stato di emergenza, decretato dall'esercito sudanese, dimostra che tratta le persone come loro nemico. Una vera rivoluzione non ha paura della nazione e non fa appello allo stato di emergenza", ha affermato Al-Houthi.
 
Il ministro della Difesa sudanese Aouad Ibn Aouf ha annunciato in una dichiarazione la rimozione di Omar al-Bashir, aggiungendo che era stato arrestato e detenuto in un luogo sicuro. Aouad Ibn Aouf ha anche dichiarato lo stato di emergenza per un periodo di tre mesi prima di rinunciare alla leadership del consiglio transitorio di venerdì.
 
Gli attuali sviluppi in Sudan sono seguiti esattamente a Sanaa. Un potere civile a capo del Sudan potrebbe portare a un cambio di mano nel campo saudita in quanto geograficamente parlando, il Sudan non ha alcun interesse a partecipare alla guerra contro lo Yemen.
 
Riad mostra il supporto per il consiglio militare
 
Tuttavia, le autorità saudite hanno annunciato ieri il loro sostegno al consiglio militare transitorio in Sudan, invitando la popolazione a dare la priorità all'interesse nazionale.
 
L'agenzia di stampa ufficiale della SPA ha riferito che il regno "dichiara il proprio sostegno ai passi annunciati dal Consiglio militare di transizione e si schiera con il popolo del Sudan".
 
E aggiunge: "Il re saudita Salman bin Abdul Aziz ha ordinato aiuti umanitari al Sudan, compresi farmaci, prodotti petroliferi e grano".
 
Dopo settimane di manifestazioni che chiedevano la sua partenza, Bashir, 75 anni e al potere da un colpo di stato nel 1989, è stato rovesciato giovedì dall'esercito, che ha istituito un "Consiglio di transizione militare" per un durata di due anni.
 
Nonostante questo sviluppo, la folla ha continuato a mobilitarsi davanti al quartier generale dell'esercito.
 
I leader della protesta, l'Associazione dei professionisti sudanesi (SPA) ha chiesto al generale Burhane di trasferire rapidamente "i poteri del consiglio militare a un governo di transizione civile".
 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti