"Terza distribuzione". Come la Cina mira a ridurre il divario di ricchezza nel paese

"Terza distribuzione". Come la Cina mira a ridurre il divario di ricchezza nel paese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un articolo di China Daily di oggi che pubblico integralmente. Si può vedere che la Cina non a caso intrattiene informalmente rapporti con il Vaticano e la stessa Italia, che sono modelli universali di terzo settore, di carità e di raccolta fondi per i poveri. Sembra quasi che la Cina voglia prendere spunto dalle lezioni del Vaticano per combattere le disuguaglianze di reddito. 4 anni fa Guido Salerno Aletta ebbe a dire che la Cina guardava il nostro Paese come modello di Terzo Settore. Quest'articolo sembra ne dia conferma, anche se Vaticano e Italia non sono citati. Buona lettura: Le autorità mirano a ridurre il divario di ricchezza della nazione.

 

Di LI LEI | China Daily 


Gli esperti dicono che il sistema di distribuzione del reddito non riguarda "derubare i ricchi per aiutare i poveri"


Le autorità centrali che si sforzano di ridurre il divario di ricchezza della Cina e promuovere la prosperità comune stanno guardando al settore caritativo in rapida espansione come una delle rotte per fare una svolta nella "terza distribuzione" della ricchezza sociale.

Gli esperti hanno detto che la volontarietà e la trasparenza sono il fondamento degli sforzi filantropici e si sono scagliati contro le interpretazioni errate secondo cui il governo sta "derubando i ricchi per aiutare i poveri".

I principali leader cinesi hanno dichiarato ad agosto di volere un sistema di distribuzione del reddito a tre livelli per bilanciare l'efficienza e l'equità dello sviluppo economico. L'obiettivo è quello di espandere le dimensioni dei gruppi a medio reddito e creare un modello di reddito a forma di oliva con relativamente poche persone povere o ricche.

Le donazioni pubbliche, che sono aumentate vertiginosamente man mano che le tasche cinesi sono diventate più profonde negli ultimi dieci anni, sono state a lungo indicate dagli operatori di beneficenza come la terza distribuzione.

Gli economisti cinesi hanno soprannominato gli stipendi, i rendimenti degli investimenti e altre forme di reddito la prima distribuzione, guidata dai "fattori essenziali della produzione" come il lavoro, il capitale e le competenze.

Ciò che chiamano la seconda distribuzione include sforzi di ridistribuzione della ricchezza guidati dal governo come la tassazione e i pagamenti dei trasferimenti, con l'obiettivo di ridurre le disuguaglianze derivanti dalle forze di mercato che dominano la prima distribuzione.

Il termine "terza distribuzione" è entrato nel discorso politico cinese in una riunione del Partito Comunista Cinese nel 2019. I partecipanti hanno convenuto di sostenere lo sviluppo del settore caritativo e lasciare che la terza distribuzione svolga un ruolo più importante nella governance sociale.

A marzo, il termine si è fatto strada nel 14 ° piano quinquennale del paese (2021-25) e si è classificato tra una serie di obiettivi socioeconomici a lungo termine fissati per il 2035, quando la Cina mira a "raggiungere fondamentalmente la modernizzazione socialista".

Deng Guosheng, professore di studi sulle ONG e innovazione sociale presso l'Università Tsinghua di Pechino, ha affermato che con l'accumularsi della ricchezza, la società cinese ha raggiunto una fase in cui i gruppi ad alto reddito e le imprese redditizie sono ben in grado di restituire alla società.

Ma ha sostenuto che i rimborsi sono volontari e orientati all'amore, e non mirano a derubare le persone più ricche.

Deng ha sostenuto che le donazioni non saranno percepite come un privilegio dei ricchi o delle grandi imprese perché la gente comune può anche contribuire attraverso donazioni di piccole somme e servizi di volontariato, che sono più resilienti in tempi di difficoltà finanziarie. "Soldi o energia, dai tutto ciò che hai da aiutare", ha detto.

 

Coefficiente di Gini

La Cina ha abbracciato riforme orientate al mercato alla fine del 1970 e ha dato priorità allo sviluppo delle aree costiere e urbane. L'ex leader Deng Xiaoping, architetto delle riforme, disse nei primi anni 1980: "Lascia che alcune persone si arricchiscono prima". Ha sottolineato con lungimiranza che la ricchezza generata dai ricchi alla fine si sarebbe diffusa nella società più ampia.


Deng aveva ragione. La Cina era una nazione impoverita nel 1978 con un PIL pro capite di $ 156. Tuttavia, ha superato il Giappone come seconda economia più grande del mondo nel 2010 ed è diventato noto come la "fabbrica del mondo" a causa della sua abilità manifatturiera.
Il PIL pro capite della Cina ha superato i 6.100 dollari nel 2012, spingendo la Banca Mondiale a designare la Cina come "un paese a reddito medio-alto". Il numero ha raggiunto $ 10.000 nel 2019 ed è proiettato dall'economista cinese Justin Yifu Lin per superare $ 23.000 nel 2035.
Il rovescio della medaglia del galoppante progresso economico è stato il rapido ampliamento della disuguaglianza di reddito.


Il coefficiente di Gini della Cina - una stima comunemente usata della disuguaglianza - era di 0,18 nel 1978. Un coefficiente pari a zero indica una distribuzione perfettamente equa della ricchezza all'interno di una popolazione, mentre uno rappresenta una perfetta disuguaglianza. Il numero ha raggiunto il picco nel 2008 a 0,491, è sceso a 0,47 nel 2012 e poi ha intrapreso una spirale discendente dopo che la Cina ha lanciato una vasta campagna antipverty. Era 0,468 l'anno scorso.


Tuttavia, il reddito disponibile dei residenti urbani era quasi tre volte quello dei residenti rurali nel 2019. Il premier Li Keqiang ha detto l'anno scorso che circa 600 milioni di cinesi guadagnano circa 1.000 yuan ($ 141) al mese, che è appena sufficiente per l'affitto nelle città di medie dimensioni.


Tasche più profonde
Lo zelo del pubblico per la filantropia è emerso più di 30 anni fa, quando la China Youth Development Foundation con sede a Pechino ha lanciato Project Hope per aiutare gli studenti rurali a pagare l'istruzione e mantenere la mobilità sociale verso l'alto.


Ma Xu Yongguang, che ha contribuito a implementare il programma, ha descritto i donatori del programma in un articolo online come "persone povere che sono desiderose di aiutare coloro che sono più poveri", in un cenno alla mancanza di donatori istituzionali e incentivi politici sistematici.


Man mano che i cinesi hanno acquisito tasche più profonde, le donazioni pubbliche e aziendali sono aumentate vertiginosamente.
Il fervore per le azioni caritatevoli è stato alimentato anche dal dolore nazionale generato dal terremoto di magnitudo 8 che ha devastato Wenchuan nella provincia del Sichuan nel 2008 e dall'orgoglio nazionale di Pechino che ospita i 29 ° Giochi Olimpici Estivi.


L'umore filantropico ha anche portato a un'ondata di sforzi di crowdfunding sui social media che mirano a pagare le pesanti spese mediche delle famiglie finanziariamente a corto di risorse.


L'enorme quantità di denaro che scorre attraverso enti di beneficenza o gruppi informali ha suscitato preoccupazioni per la trasparenza e ha spinto l'Assemblea nazionale del popolo a intensificare gli sforzi legislativi.


Le preoccupazioni sono scoppiate nel 2011, quando una donna di nome Guo Meimei ha pubblicato online le foto del suo stravagante stile di vita e ha affermato di lavorare per la Società della Croce Rossa cinese, il principale fornitore di assistenza umanitaria del paese. Anche se in seguito è emerso che non aveva nulla a che fare con l'organizzazione, un'indagine ha rivelato difetti di gestione.
Nel 2016, la Cina ha promulgato la legge sulla beneficenza, ha limitato le qualifiche di raccolta fondi a un piccolo numero di enti di beneficenza con record di credito perfetti e ha reso obbligatorio per loro rivelare come intendono spendere i soldi.


Il Blue Book of Philanthropy del 2020 ha affermato che le donazioni pubbliche della Cina hanno raggiunto i 133 miliardi di yuan nel 2019, con un aumento di quasi il 5% su base annua. Il valore dei servizi di volontariato dell'anno è stato stimato in circa 90 miliardi di yuan. La lista Hurun China Philanthropy nel 2019 ha mostrato che 114 imprenditori hanno donato 22,5 miliardi di yuan, in crescita del 3% su base annua.
La tendenza è stata sfruttata con successo dalle autorità negli ultimi anni per aiutare a combattere la povertà rurale, le epidemie e i disastri COVID-19 e per aiutare le principali strategie nazionali come la vitalizzazione rurale.


L'ultimo annuncio volto a rafforzare la terza distribuzione ha spinto le grandi aziende a intensificare i loro sforzi di beneficenza.
Il gigante di Internet Tencent si è impegnato a mettere da parte 50 miliardi di yuan per promuovere la prosperità comune. Aveva già annunciato un piano di responsabilità sociale da 50 miliardi di yuan per sostenere lo sviluppo sostenibile all'inizio di quest'anno.
Il conglomerato di e-commerce Alibaba ha seguito l'esempio, svelando un progetto per donare fino a 100 miliardi di yuan prima del 2025 per aiutare a frenare il divario di ricchezza.


Xu ha detto che la spinta politica per la terza distribuzione è senza dubbio un vantaggio per lo sviluppo di iniziative caritatevoli.
"Solo insistendo sulla volontarietà e la trasparenza e prendendo la fiducia sociale come ancora di salvezza della terza distribuzione possiamo garantire il regolare progresso del sistema", ha affermato.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti