Thomas Fazi: "Sui titoli di stato italiani ha ragione Commerzbank"

Thomas Fazi: "Sui titoli di stato italiani ha ragione Commerzbank"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Thomas Fazi


Tra i tanti successi dell'euro adesso possiamo annoverare anche quello di aver fomentato il pregiudizio etnico anti-tedesco anche negli europeisti più tonti.


Lo dimostra la reazione al recente report della banca tedesca Commerzbank che invita a vendere i titoli di Stato italiani. Praticamente tutti - da Salvini fino al Comitato Ventotene - sembrano convenire sul fatto che si tratta dell'ennesimo "complotto tedesco" ai danni della povera Italia.


Ora, a me sorprende dover prendere per l'ennesima volta le difese dei tedeschi (recentemente l'avevo fatto sulla questione degli eurobond: https://www.facebook.com/thomasfazi/posts/2817794161647037), ma la verità è che qui non siamo di fronte a nessun complotto ma una semplice analisi delle realtà del fatti.


Il rapporto di Commerzbank dice una cosa molto semplice: a causa delle misure anti-coronavirus, il il rapporto debito/PIL dell'Italia è destinato a superare il 150 per cento e dunque un downgrade del rating italiano (potenzialmente anche al livello di "spazzatura") l'anno prossimo sarà quasi inevitabile. Di conseguenza - in base alle regole della BCE - i titoli italiani verrebbero automaticamente esclusi dal programma QE.


A quel punto gli scenari potenziali sarebbero sostanzialmente tre (a ben vedere, anche in assenza di un downgrade):

(1) la BCE straccia tutte le regole e si mette a monetizzare il deficit/debito italiano in aeternum, l'Italia annuncia che manterrà il deficit al 10 per cento fino alla fine dei tempi e vissero tutti felici e contenti: se questo scenario vi sembra realistico ho un bellissimo attico vista Colosseo da vendervi;

(2) perché la BCE continui a sostenere il debito dell'Italia, il nostro paese è costretto a chiedere l'aiuto al MES condizionato a pesanti misure di consolidamento fiscale e possibilmente anche a una ristrutturazione del debito;

(3) l'Italia esce dall'euro, scenario che l'opzione (2) renderebbe comunque probabile nel medio termine vista l'inevitabile reazione politica che scatenerebbe.


Alla luce di questi scenari, l'invito di Commerzbank a vendere i titoli di Stato italiani è semplice buon senso, altro che complotto. Il problema piuttosto è di chi per ignavia o ignoranza - Cinque Stelle in primis - vorrebbe ispirarsi al "modello Draghi" e far credere agli italiani che un ulteriore indebitamente in euro (cioè in valuta estera) per far fronte alla crisi, anche se tamponato nel breve della BCE, non avrà pesantissime conseguenze nel futuro prossimo.
 

La tragedia, insomma, è che una banca tedesca faccia un'analisi più lucida della situazione di quanto non siano in grado di fare i nostri politici.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti