/ Un veterano iraniano scrive a Trump: "La pace č la nostra mission...

Un veterano iraniano scrive a Trump: "La pace č la nostra missione", la storia degli USA č piena di guerre perse

 

Un veterano iraniano della guerra Iran-Iraq, dopo aver sottolineato il carattere pacifico e difensivo del paese persiano, ricorda a Trump "la storia piena di guerre perse" negli Stati Uniti.


Habib Ahmadzadeh, veterano della guerra Iraq-Iran (1980-1988), ha inviato una lettera aperta al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in cui ha offerto un paio di raccomandazioni e risposte al presidente.

Nella lettera, pubblicata ieri dal portale LobeLog, Ahmadzadeh evoca un recente messaggio pubblicato sul social network Twitter da Trump, in cui il presidente ha affermato che "gli iraniani non hanno mai vinto una guerra, ma non hanno mai perso nei negoziati!”

Come cittadino del mondo e veterano di guerra, devo avvertire il presidente americano che nelle guerre tutti perdono e non ci sono vincitori, e la storia degli Stati Uniti, piena di guerre perse, dimostra questa realtà.

A questo proposito, invita Trump a vedere i risultati delle guerre americane in Vietnam, Iraq, Afghanistan, Siria e Yemen. "Nessuna di queste esperienze orribili, né qualsiasi altra guerra, ha raggiunto i suoi obiettivi", sottolinea.

In tutti i combattimenti, il primo passo è conoscere molto bene l'avversario, afferma Ahmadzadeh e quindi invita di nuovo Trump a studiare la cultura e la storia dell'antica civiltà iraniana. Sulla stessa linea, sottolinea che gli iraniani, che Trump chiama "nazione terrorista", non hanno mai iniziato una guerra negli ultimi 250 anni.

"Questa è una caratteristica che separa l'antica nazione iraniana dal presidente Trump e dalla sua aggressiva" squadra B ", perché la guerra non è un'opzione per noi. Non scegliamo mai di andare in guerra, rispondiamo solo alla guerra", precisa.

Con "Team B", il veterano si riferisce al consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton; il principe ereditario saudita, Muhamad bin Salman Al Saud; il ministro degli Esteri degli Emirati, Muhamad bin Zayed Al Nahyan, e il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu.

“Signor Presidente, l'Iran non ha mai iniziato una guerra.
L'Iran non ha mai rubato le risorse, le cose e i mezzi degli altri per ottenere ricchezza e trarne vantaggio. L'Iran difende solo i suoi averi, le sue risorse e la sua identità, come ha fatto con vigore durante i suoi quattromila anni di storia", ricorda il veterano.

A questo proposito, Ahmadzadeh ha evocato gli otto anni della sacra difesa del popolo iraniano durante la guerra contro l'Iraq.

“Signor Presidente, è così che gli iraniani definiscono vincere e perdere una guerra. Nel nostro lessico, chi inizia una guerra è l'unico perdente. Chi ha intenzione di rubare la felicità, la vita e il benessere degli altri è colui che subisce una vera perdita”, afferma il veterano.

Le guerre non sono una questione dell'Iran che domina l'arte della diplomazia

“La guerra non è affar nostro, ma lo sono la negoziazione e la diplomazia. La guerra non è il nostro scopo. La pace è la nostra missione. La pace è la nostra filosofia di vita ed ha ragione: la diplomazia è la nostra arte", afferma in riferimento a un tweet del presidente repubblicano.

A questo proposito, Ahmadzadeh evidenzia che le spese milionarie per la vendita di armi non possono garantire la sicurezza di paesi che non conoscono la diplomazia. Se Washington vede i suoi alleati regionali come Bin Salman e Netanyahu, capirà molto bene questa realtà.

I regimi in Israele e in Arabia Saudita, “nonostante abbiano dedicato decine di miliardi di dollari ai loro budget militari, si sentono insicuri e assillati dalle minacce. La loro devozione al potere militare, spesso a spese della diplomazia, ha portato loro seri rischi", osserva.

Di fronte al fallimento della sua strategia militare e aggressiva nella regione, la squadra B ha convinto con successo il presidente Trump a sanzionare il ministro degli Esteri iraniano Mohamad Yavad Zarif, per minare la sua azione diplomatica, ma vincerà ancora in questa partita a scacchi politica, conclude il veterano.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa