Una vergognosa pagina di Colonia Italia contro Assange

Una vergognosa pagina di Colonia Italia contro Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Vergognosa pagina della politica italiana contro Assange, il giornalista australiano mai processato, in attesa di sentenza di estradizione negli Usa. Torturato, psichicamente e fisicamente allo stremo, dentro le carceri britanniche, per aver osato rendere disponibili a tutti documenti già pubblici.

Per aver osato lottare per la verità. 

La Camera dei Deputati ha bocciato la mozione a firma Alternativa su Julian ASSANGE. I voti favorevoli sono stati 22, 225 i contrari e 137 gli astenuti. La mozione chiedeva al Governo di "intraprendere, anche in aderenza alle convenzioni internazionali e specificatamente alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ogni utile iniziativa di competenza finalizzata a garantire la protezione e l'incolumità di Julian ASSANGE da parte delle autorità britanniche e a scongiurarne l'estradizione". 

Hanno votato contro tutti i partiti, il PD insieme a Fratelli d'Italia, il Movimento 5 Stelle, che aveva fatto del caso Assange una bandiera, si è astenuto.

Dante collocò gli ignavi lontani anche dai dannati, perché neppure i dannati, che comunque hanno scelto, li avrebbero voluti.

Evidentemente i casi di Patrik Zaki o di Regeni sono più facilmente gestibili mediaticamente, sempre con estrema ipocrisia, senza turbare equilibri internazionali. E il blogger truffatore neonazista Navalny è da difendere e premiare.

La conclusione migliore di questa triste pagina di colonia Italia la offre la giornalista Stefania Maurizi su Twitter

 

 

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti