UNICEF: "Nello Yemen 10.200 bambini sono stati uccisi o feriti

UNICEF: "Nello Yemen 10.200 bambini sono stati uccisi o feriti

Foto Reuters 7 ottobre 2018

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Premettiamo che questi bambini se non sono morti per la fame, sono stati uccisi o feriti con armi occidentali, in particolare prodotte da Usa e Gran Bretagna che ora si ergono a difensori dell'Ucraina. Basta andare sul web, c'è una sterminata pubblicazione di dossier in tal senso.

I media nostrani come quelli occidentali quando si degnano di parlare di quetso conflitto, che finora ha provocato 377.000 vittime, lo definiscono uno scontro tra Iran e Arabia Saudita. Senza ricordare le atrocità che ha commesso Riad, in quanto è un alleato dell'occidente.

"Lo Yemen è il peggior e più grande disastro umanitario e di sviluppo del mondo e continua a peggiorare", ha dichiarato il 23 novembre scorso, il responsabile dell'UNDP Achim Steiner.

Intanto, il rappresentante del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF) in Yemen, Philippe Duamelle ha denunciato che “da quando è scoppiato il conflitto in Yemen quasi sette anni fa, le Nazioni Unite hanno verificato che più di 10.200 bambini sono stati uccisi o feriti. È probabile che la cifra reale sia molto più alta".

Allo stesso modo, ha affermato che, in conseguenza dell'intensificarsi del conflitto nel 2021 in questa regione, quest'anno la violenza è aumentata e, come sempre, i bambini sono quelli che soffrono di più. Al riguardo, ha riportato il numero di minori uccisi nei primi due mesi dell'anno in corso, precisando che 47 bambini yemeniti hanno perso la vita o sono rimasti feriti.

Inoltre, ha invitato tutte le parti coinvolte nella guerra in Yemen e coloro che esercitano influenza su di essa a proteggere i civili. " La sicurezza dei bambini, il loro benessere e la loro protezione devono essere garantiti in ogni momento", ha sottolineato.

La  grave situazione umanitaria in cui versa la popolazione yemenita si è aggravata nel marzo 2015, con l'inizio della campagna di bombardamenti e blocchi da parte dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati, con l'intenzione di riportare al potere l'ex presidente yemenita Abdu Rabu Mansur Hadi.

Le organizzazioni per i diritti umani non cessano di mettere in guardia sulle conseguenze catastrofiche del conflitto in Yemen, tuttavia Riad ha ignorato le voci che le chiedono di porre fine alla guerra e di essere ritenuta responsabile dei crimini che ha commesso contro il paese più povero del mondo arabo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti