/ Un'ondata di fallimenti: l'altra faccia del boom del petrolio att...

Un'ondata di fallimenti: l'altra faccia del boom del petrolio attraverso lo 'shale-oil' americano

 

I peggiori dubbi delle aziende statunitensi specializzate nella produzione di olio di scisto-shale oil, sembrano essere soddisfatte. Weatherford, uno dei principali fornitori di servizi di perforazione, si sta preparando a dichiarare bancarotta. Forse si è scoperto perché gli alti prezzi del petrolio non aiutano le aziende statunitensi?


Il boom della produzione di olio di scisto, detto anche 'shale oil' negli Stati Uniti sta camuffando i persistenti problemi di un gran numero di piccole imprese che lavorano nel settore, riferisce il portale Bloomberg.
 
A febbraio, la produzione di petrolio negli Stati Uniti ha battuto un record superando i 12 milioni di barili al giorno. Secondo il giornale WSJ, per sostenere alti tassi di estrazione, dovranno perforare i pozzi sempre più, cosa che certamente richiede enormi spese.

Questo è il motivo per cui un'ondata di fallimenti potrebbe presto portare le aziende del settore e diverse imprese locali a puntare allo sviluppo di questo scenario che può già essere osservato in questo campo, evidenzia la giornalista Natalia Dembínskaya nel suo articolo per la versione russa di Sputnik.
 
La scorsa settimana, Weatherford ha dichiarato che si stava preparando a dichiarare bancarotta. Explorers Halcon Resources e Alta Mesa Resources hanno sollevato domande sulla loro capacità di rimanere a galla. Nel frattempo, le obbligazioni della California Resources vendevano a una performance "tipica dei cosiddetti valori di spazzatura", secondo l'autore. Questo è 10 punti percentuali al di sopra della performance dei buoni del tesoro statunitensi.
 
"Queste società sommerse in una crisi rivelano un'altra faccia del" boom americano ". Gli alti costi associati ai pessimi bilanci dei produttori statunitensi non attirano l'attenzione degli investitori che tendono a perseguire i profitti, piuttosto che investire più risorse in l'espansione dell'estrazione di olio di scisto", scrive il portale Bloomberg.
 
Dembínskaya crede che tutte le speranze che sono state introdotte nel settore siano legate all'aumento dei prezzi del petrolio. Da dicembre i marcatori WTI e Brent sono aumentati del 40%, raggiungendo rispettivamente i 60 e i 70 dollari al barile.
 
"Dopo aver visto i prezzi di 60 o 70 dollari, molte persone credono che tutto stia andando bene, penso che il 2019 sarà più ricco di fallimenti rispetto al 2018", ha affermato Spencer Cutter, analista di Bloomberg Intelligence.
 
Il danno causato dalla crisi all'industria statunitense ha raggiunto il suo picco nel 2016, quando 142 società hanno accumulato debiti per 70,3 miliardi di dollari, secondo i dati raccolti dalla società Haynes e Boone.
 
Nel 2019, solo il fallimento di Weatherford aggiungerà circa $ 8 miliardi al volume combinato del debito societario.
Sarà il più grande naufragio di quelli che si sono verificati nell'industria statunitense negli ultimi quattro anni, riferisce Bloomberg.
 
"Gli analisti sottolineano che l'industria dell'oil shale americana non è riuscita a giustificare le sue speranze", ha affermato Dembínskaya, secondo la società Evercore ISI, che ha speso oltre 280 miliardi di dollari in entrate energetiche negli ultimi dieci anni.
 
Inoltre, l'autore ricorda che oggi il reddito ottenuto dalla vendita di un quarto di olio di scisto estratto negli Stati Uniti è interamente utilizzato per pagare gli interessi sul debito societario che ha raggiunto almeno 300.000 milioni di dollari nell'ultimo decennio , secondo quanto sostiene il quotidiano Financial Times.
 
Per anni, le aziende statunitensi hanno provato diversi metodi di perforazione. Il geologo David Hughes ha spiegato al portale Oil Price che il prezzo del petrolio che lo sviluppo di nuovi metodi ha ridotto i costi e aumentato l'efficienza dei pozzi, tuttavia, non ha contribuito ad aumentare l'estrazione. In altre parole, la perforazione più aggressiva aumenta la produzione solo nella fase iniziale e esaurisce più rapidamente le risorse di un pozzo.
 
"È un errore credere che la produzione di olio di scisto possa sempre crescere grazie al miglioramento delle tecnologie di estrazione". Infine, è la geologia che determina (...) il volume di risorse che possono essere estratte dai pozzi", ha concluso lo scienziato.
 
Fonte: Bloomberg, Sputnik, Financial time, The Wall Street journal, Oil Price - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa