Ursula Von der Leyen si aumenta lo stipendio: guadagnerà 31.250 euro al mese!

Ursula Von der Leyen si aumenta lo stipendio: guadagnerà  31.250 euro al mese!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“Un elemento importante affinché l'inflazione non si rafforzi è evitare spirali prezzo - salari” aveva affermato all' inizio dell'estate scorsa il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

Peccato che la teoria differisca dalla pratica, o meglio che la si applichi solo alla quasi totalità dei lavoratori dipendenti italiani (ed europei), mentre per alcune ristrette categorie le cose vadano diversamente.

Infatti, già lo scorso giugno dipendenti e funzionari Ue, commissari compresi, avevano goduto di un aumento di stipendio dello 2,4% con arretrati annessi a partire da gennaio 2022, visto che tale scatto era relativo agli adeguamenti decisi secondo l'inflazione dell'anno precedente. La stessa  Commissione si era affrettata a chiarire che si trattasse di un calcolo automatico introdotto nel 2013 per adeguare gli stipendi dei dipendenti al costo della vita.

L'aggiustamento nei fatti, però era in antitesi con le raccomandazioni dell'esecutivo europeo stesso sulla fissazione dei salari.

Da tempo la Commissione, infatti, si oppone alla cosiddetta indicizzazione automatica dei salari all'inflazione sulla base dell'assunto che così facendo si innescano spirali salari-prezzi, spingendo l'inflazione ancora più in alto.

 Insomma l'aumento in questione era una “contraddizione in termini” rispetto ai proclami.

“Lo stesso sistema di indicizzazione dovrebbe essere applicato a tutti i lavoratori europei e la Commissione dovrebbe raccomandarlo chiaramente agli Stati membri, sapendo che la depressione salariale porta alla recessione economica- aveva affermato in una nota Luca Visentini, all'epoca segretario generale della Confederazione europea dei sindacati, commentando la misura apportata -Non potremmo essere più d'accordo!"

Nella pratica però l'applicazione a “tutti” i lavoratori europei continua a non esserci ma di contro è arrivato il bis per la Von der Leyen e i per i 50.000 dipendenti dell'UE che  possono aspettarsi il secondo aumento di stipendio in sei mesi (questa volta con effetti di retrodatazione a luglio 2022): i loro stipendi aumenteranno complessivamente del 7% rispetto al 2021!

A darne notizia il tabloid tedesco “BILD” in un articolo pubblicato lo scorso 4 gennaio.

Nello specifico la Von der Leyen arriverebbe così a percepire  circa 1000 euro al giorno o anche di più: lo stipendio base della presidente della Commissione Ue  aumenta infatti di 2.044 euro rispetto al 2021 arrivando a 31.250 euro mensili (superando per la prima volta i 30.000 euro).

Anzi, considerando anche le indennità di salario la Von der Leyen arriverebbe a guadagnare circa 36mila euro mensili.

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti