Venezuela. Detenuti confessano e fanno i nomi dei deputati dell'opposizione che hanno finanziato le violenze e il vandalismo

Venezuela. Detenuti confessano e fanno i nomi dei deputati dell'opposizione che hanno finanziato le violenze e il vandalismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Da Telesur

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro ha annunciato questa domenica che le agenzie di sicurezza statali hanno le prove che collegano la leadership dell'opposizione agli atti di vandalismo e di violenza per creare il caos e la destabilizzazione con l'obiettivo di arrivare, come già tentato in passato, alla destituzione del governo. Il classico schema delle "rivoluzione colorate".





"Vi presento le prove dopo aver avuto l'autorizzazione dal Procuratore Generale e dal Pubblico Ministero, sono solo alucne. Ora la giustizia farà il suo corso", ha annunciato Maduro, che ha mostrato un video in cui un giovane detenuto ammette di essere stato pagato 300 mila Bolivar per distruggere il quartier generale della magistratura.
  Guido Rodríguez, uno dei giovani che hanno condotto l'attacco alla Direzione esecutiva della magistratura a Chacao, stato di Miranda, l'8 aprile 2017, ha accusato  i fratelli "morochos" Jose e Alejandro Sanchez (giovani leader del partito Primero Justicia nel comune di Libertador) di averlo pagato per compiere queste azioni di terrorismo.
I detenuti hanno anche ammesso che gli atti di violenza sono stati preparati già dai primi di marzo, presso la sede del partito di opposizione Primero Justicia. Lo scopo era quello di creare uno scenario favorevole per un intervento militare. "Queste sono prove evidenti, come lo sono le testimonianze e le prove che presenteremo nei prossimi giorni", ha proseguito il presidente Maduro.

Durante il suo discorso, Maduro ha anche riferito che il costo di vandalismo contro le istituzioni pubbliche è stato fino adesso di 50 miliardi di bolivares. Gli attacchi sono avvenuti contro il quartier generale della rete dei mercati alimentari (Mercal), contro una clinica mobile Nevado Mission (programma pubblico dedicato alla cura per gli animali domestici, unico nel suo genere nel paese), i veicoli dell'igiene urbana, le istituzioni educative e le unità di trasporto pubblico.
Non sono le prime "marce" dell'opposizione che si concludono con atti violenti. Lo stesso è accaduto nel 2014 con le famigerate Guerimbas, costate la vita a 43 persone.
 
Dopo aver ribadito la volontà del governo di sedersi al tavolo del dialogo con l'opposizione, Maduro ha sottolineato che l'unità del popolo in difesa della pace e della rivoluzione bolivariana è lo scudo contro il violento colpo di stato in programma in questo momento. 
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti