Venezuela. Sono state irregolari le elezioni vinte da Maduro nel 2018?

Venezuela. Sono state irregolari le elezioni vinte da Maduro nel 2018?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 


di Fabrizio Verde

«Il governo ritiene che le scorse elezioni presidenziali non attribuiscono legittimità democratica a chi ne è uscito vincitore, cioè Nicolas Maduro». Questo è quanto dichiarato dal ministro degli Esteri dell’Italia, Enzo Moavero Milanesi, in una comunicazione alla Camera sulla crisi in Venezuela.

 

Al termine dell'intervento del responsabile della Farnesina si è svolto un dibattito dove alla fine è stata approvata la risoluzione presentata dalla maggioranza. Movimento 5 Stelle e Lega impegnano il governo «a sostenere gli sforzi diplomatici anche attraverso la partecipazione a fori multilaterali, al fine di procedere, nei tempi più rapidi, alla convocazione di nuove elezioni presidenziali che siano libere, credibili e in conformità con l'ordinamento costituzionale».

 

Quindi, il governo italiano pur non riconoscendo l’autoproclamato presidente ad interim (golpista) Juan Guaidò, chiede «nuove elezioni presidenziali che siano libere, credibili e in conformità con l'ordinamento costituzionale».

 

Me le ultime elezioni presidenziali boicottate su ordine di Washington dai settori golpisti dell’opposizione venezuelana sono davvero irregolari?

 

Maduro non ha corso da solo

 

Alle ultime presidenziali tenute nel maggio del 2018 i candidati erano 4. Tra questi vi era Henri Falcon, già governatore dello Stato Lara e politico molto noto. Per la sua decisione di correre contro Maduro nonostante il boicottaggio imposto da Washington, Falcon è stato minacciato di sanzioni da funzionari degli Stati Uniti. Come ricorda Joe Emersberger su The Canary. 

 

Falcon candidato ‘scelto’ da Maduro?

 

Secondo la società di sondaggi venezuelana vicina all’opposizione Datanálisis, due mesi prima delle elezioni Falcón risultava essere il leader più popolare dell’opposizione insieme a Leopoldo López. Capo del partito fascista Voluntad Popular dalle cui fila proviene il semi-sconosciuto Juan Guaidò. Politico che non appariva nemmeno nei sondaggi pre-elettorali. 
 

Nessuna denuncia di brogli

 

La contesa elettorale è stata segnata da brogli? Nessuno ha mai mostrato o addirittura tentato di dimostrare che qualsiasi voto, senza badare ai milioni di voti raccolti da Maduro, è stato rubato a Falcón. Nel 2012 Jimmy Carter ha dichiarato che il sistema elettorale del Venezuela è il migliore del mondo, ricorda Joe Emersberger. 

 

I candidati hanno potuto sviluppare la propria campagna elettorale?

 

Prendiamo ancora ad esempio il principale sfidante di Maduro. A Falcón è stato negato l'accesso alla ai media durante la campagna elettorale? No. Lui e il suo consulente economico, Francisco Rodríguez, hanno viaggiato in tutto il paese e sono apparsi sulle principali reti televisive private del Venezuela, dove si sono scagliati contro Maduro. Infatti, Falcón ha lanciato la sua campagna con un discorso di 35 minuti sulla TV di Stato venezuelana, in cui ha bollato Maduro come «candidato della carestia» che aveva trasformato il popolo in «schiavi» impoveriti.

 

Quale dittatore, per utilizzare un termine tanto in voga per screditare Maduro, permetterebbe a un oppositore di lanciare tali attacchi tramite la tv di Stato?

 

A questo punto ci chiediamo: su quali basi le elezioni presidenziali dove Maduro è stato rieletto presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela vengono dichiarate irregolari e da ripetere, visto che nessun osservatore internazionale ha avanzato dubbio alcuno circa la regolarità?

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti