Vertice tra Patrushev e Lukashenko a Minsk contro la destabilizzazione

Vertice tra Patrushev e Lukashenko a Minsk contro la destabilizzazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'obiettivo finale delle forze esterne è il regime change in Bielorussia, ha dichiarato il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev a margine di un incontro con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko a Minsk. 

“L’obiettivo finale è quello di cambiare la struttura e il potere in Bielorussia. Come abbiamo visto ultimamente”, scrive l'agenzia di stampa statale bielorussa BelTA citando Patrushev.

Il capo della sicurezza russo ha affermato di aver scambiato opinioni e impressioni con il presidente bielorusso sui temi della sicurezza. "Le nostre valutazioni non sono solo vicine, ma coincidono pienamente. Al di là di ogni dubbio, ci stiamo unendo e uniremo i nostri sforzi e agiremo insieme contro queste sfide e minacce”, ha assicurato il dirigente russo. 

Patrushev ha affermato che è necessario "concentrarsi sull'influenza esercitata dall'esterno". "Ho parlato dei problemi della information security. Ed è necessario prestare attenzione alle organizzazioni non governative e alla loro attività. Anche se dicono di essere indipendenti, non è assolutamente così", ha sottolineato Patrushev. "È necessario vedere da dove ottengono i loro finanziamenti, a chi devono rendere conto e come vengono spesi questi fondi", ha affermato il capo della sicurezza russo.

Uno scenario che si ripete uguale in tutti i paesi del mondo che finiscono nel mirino della destabilizzazione imperialista. Un ruolo cruciale in questo senso viene svolto dalle ONG che ricevono lauti finanziamenti dall’estero e spianano il terreno in vista di operazione cosiddette di regime change. Lo abbiamo visto in Venezuela, lo vediamo in Nicaragua e anche in Bielorussia come evidenziato da Patrushev. 

Per questo sia le forze dell'ordine che i servizi di sicurezza di ciascuno dei due paesi dovrebbero lavorare in questo settore e scambiarsi informazioni, ha sottolineato Patrushev. "E, naturalmente, contiamo sulla popolazione, che ci fornisce anche informazioni. Quindi capiamo il ruolo che (le organizzazioni non governative) svolgono, a chi rispondono e gli obiettivi che cercano di raggiungere”.

Come riportato dall'ufficio stampa del Consiglio di sicurezza russo, nella loro riunione a Minsk, Lukashenko e Patrushev "hanno discusso le questioni della stabilità globale e regionale e alcune questioni della cooperazione Russia-Bielorussia".

“Abbiamo sempre questioni da discutere, soprattutto in questo momento complicato. Ho tenuto d'occhio le vostre dichiarazioni, gli indirizzi. Sono assolutamente in sintonia con la mia opinione e le opinioni dei nostri specialisti. Pertanto, abbiamo davvero di cosa parlare, sono molto felice che tu sappia, che sei profondamente coinvolto in questo problema”, ha affermato il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko. 

Durante l'incontro Aleksandr Lukashenko ha inoltre invitato Nikolai Patrushev a discutere non solo di cooperazione in materia di sicurezza, ma anche nel settore della difesa e dell'industria militare. "Dobbiamo sapere più chiaramente come coopereremo in determinati campi", ha aggiunto. “E penso che condivideremo le informazioni su questioni importanti che sono importanti sia per la Bielorussia e la Russia che per la Bielorussia e la Russia separatamente. Soprattutto sullo sfondo dei recenti eventi e fatti risonanti di cui si discute sui mass media”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti