Vincenzo Costa - Democrazia sospesa: stato di emergenza permanente 

Vincenzo Costa - Democrazia sospesa: stato di emergenza permanente 

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ormai è chiaro che la cultura democratico-progressista ha idee molto vaghe sulla democrazia. La esporta facilmente, sostiene guerre di ogni genere per regalarla ovunque, e a furia di esportarla non ne è rimasta per noi.

Così lo huffpost esulta annunciando che il Parlamento è un manipolo di gentaglia che sta lì per  ascoltare e obbedire, senza alcun diritto di esprimersi. 

Il Migliore ha preso gli ordini dal grande capo, gentilmente concede qualche minuto del suo tempo per comunicare le decisioni già prese, ma che nessuno osi esprimersi. Ascoltare e tacere.

Mica come Lavrov eh. Mica come quei dittatori che senza essere eletti comunicano decisioni, senza contraddittorio, senza mandato parlamentare. Noi siamo in democrazia

A che cosa serva il parlamento è una domanda oziosa che solo i filoputin, nemici dei valori della democrazia e fiancheggiatori dei regimi totalitari, possono farsi, secondo la gentaglia di huff-huff, questi radiosi annunciatori del nuovo verbo radical-fascista.

E la sovranità popolare non sarà tollerata ulteriormente. Quest idea di sovranità popolare, per cui il popolo vuole esprimere la sua volontà, è un residuo del passato che ostacola l’operare luminoso e illuminato dei costruttori del progresso.

Così, questo governo ve lo tenete, vi piaccia o non vi piaccia. 

Che abbia il sostegno del parlamento o non lo abbia ve lo tenete e zitti. Sino al 2023. Poi si vedrà se sospendere del tutto la carta costituzionale.

E intanto siamo in guerra (chi la ha dichiarata?) e dunque lo stato di emergenza ha un nuovo motivo per essere prorogato. E poiché la guerra durerà anni lo stato d’emergenza durerà anni. 

Stato di emergenza permanente

Una nuova idea, progressista, illuminata, avanza:

Il governo si riserva di sfiduciare il popolo se questo non si comporta come da sue indicazioni. 
Sappiate regolatevi

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti