Volete conoscere dei veri porci? Il nuovo casinò dell'e-trading

Volete conoscere dei veri porci? Il nuovo casinò dell'e-trading

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Leo Essen


Negli ultimi tre mesi, mentre le borse andavano a picco, e tutti si attendevano un periodo di «Bear market», di letargo delle contrattazioni, limitate ai movimenti per liberarsi dei titoli più rischiosi, il volume degli scambi per i broker elettronici è cresciuto costantemente, e non mostra segni di cedimento (cnbc.com). Gli investitori al dettaglio, dice cnbc.com, durante l’emergenza Covid hanno raddoppiato le attività di trading. In particolare, gli E-broker Ameritrade ed E-Trade hanno segnato un +144% e un +129%. All’aumento delle puntate ha sicuramente contribuito l'azzeramento delle commissioni – dice Rich Repetto, analista di Piper Sandler. Ma da solo questo azzeramento non giustifica un aumento delle contrattazioni così marcato. 

Protagonisti di questo boom sono stati i Millennials. Quando le azioni hanno iniziato a crollare, facendo registrare il «Bear market» più veloce e più disastroso della storia, molti di loro, per la prima volta, hanno aperto conti presso gli E-trader, determinando una crescita degli account del 170%. Trovandosi chiusi in casa, sempre a contatto con un dispositivo elettronico, con commissioni ridotte a zero, i giovani hanno ceduto al fascino discreto della finanza.



Sia come sia, queste circostanze, da sole, non giustificano lo straordinario aumento delle attività di E-trade. Richard Thaler (Nobel per l'economia 2017), interpellato dal Newyorker, dice che un suo amico gli ha confidato che l’E-trading sta sostituendo il gioco d'azzardo. I casinò sono chiusi e non ci sono sport su cui scommettere.

L'ipotesi dell’amico del premio Nobel non è stramba. Dave Portnoy, per esempio, fondatore di Barstool Sports, un blog di sport e gioco d’azzardo, dice che quando il coronavirus ha imposto il blocco di tutte le competizioni sportive, inibendo, di conseguenza, la possibilità di scommettere su di esse, lui, invece di lamentarsi, ha visto in ciò un'opportunità. 

Ho prelevato $ 3 milioni dei $ 163 incassati dalla vendita a Hollywood Casino del 36% di Barstool Sports, e li ho piazzati in un account E-Trade (businessinsider.com). Il 23 marzo, dice, sono diventato un trader a tempo pieno. Le scommesse in borsa hanno perfettamente sostituito le scommesse sulle corse e sugli atleti. Prima di questa avventura, dice, credo di aver comprato uno o due titoli. Non ero quello che si dice un esperto del ramo. Eppure mi sono tuffato e ho iniziato a fare trading. È più semplice di quello che si crede, più semplice di scommettere sulle partite.

Poi, dice, ho cominciato a trasmettere tutto in diretta su Twitter. Non è una serie TV. È più un reality. 

Ha puntato su Boeing e ha perso $ 2 milioni - in un attimo. Poi ha recuperato con una serie di operazioni su altri titoli, ma è comunque andato sotto. 

Il suo live non è un corso su come si guadagna in borsa, tipo quei programmi sui numeri giusti da giocare al Lotto o panzane di questo tipo, che vanno in onda in Italia, su quei canali a tre cifre del digitale terrestre. Si tratta di un livello successivo, di qualcosa punto 4 o punto 5. Si tratta di vita vera, di un giocatore vero, che punta e rischia i proprio soldi, che gioca con la propria vita più di un Jim Morrison o di un Jimi Hendrix. Di qualcuno che esprime a pieno la poetica romantica, ovvero l’unione tra vita e opera, tra spettacolo e vita vissuta, trasformando, come dicevano appunto i romanici, la vita in un’opera d’arte, facendola diventare un reality show.

Affinché tutto funzioni, bisogna impedire che il punto di attaccatura tra questa realtà e il mondo banale del business, vanga, non nascosto, ma dissimulato, magari esponendolo in primo piano. 

Per il suo Davey Day Trader su Twitter, Portnoy ha siglato un accordo di sponsorizzazione con una società di abbigliamento.

Questo evento – l’attaccatura, il tornaconto, ciò che dovrebbe togliere l’alone di realtà a tutto lo show, mostrando come il rischio e le perdite in borsa siano calcolati, e come la vita veramente vissuta di questo trader è fare soldi con la pubblicità, scopo, questo, molto più prosaico che puntare e perdere  2 milioni, eccetera – questo evento non è occultato, ma è posto in primo piano, e presentato come un elemento della vita vissuta in comunione col pubblico.

Vedete, vuol dire Portnoy, io vesto come voi, sono come voi, metto le stesse magliette della nike e le stesse scarpe adidas che mettete voi, porto lo stesso lupetto che portate voi. Voglio tirare su un milioncino come voi. La mia vita è così come la vedete.

Se espongo le mie miserie, oppure mio figlio (Fedez a Gomez), non è un esporre, semplicemente non lo nascondo. Uso i social network come fanno tutti. Metto la foto di mio figlio con le magliette con il brand. Non c’è niente da nascondere. Sono magliette che mi piacciono, e mi piacciono come piacciono a voi. Cosa dovrei fare? mettere una maglietta No-logo, scimmiottare l’intellighenzia No-logo per fare il figo? Io non appartengo a questa gente, mangio quello che mangiate voi, ho i vostri stessi desideri e i vostri stessi patemi. Indosso le magliette che vedete, perché mi piacciono, e se ci tiro su un po’ di soldi, che male c’è? lo fareste pure voi. Non è questa la realtà?

Cosa c’è di più reale di vestire come il proprio pubblico; cosa c’è di più reale di avere le stesse debolezze del pubblico. 

So che ci sono delle persone che vedono in tutto ciò uno sporco trafficare. Queste persone, dice Portnoy, sono i Mismatched Collars. Sono i comunisti col rolex, i rivoluzionari da salotto. E voi ve la prendete con me, mi date addosso! … Tutto ciò mi fa venir voglia di urlare, la ridicola sproporzione della colpa! Voglio che questo mondo di bacchettoni (ma qui a parlare è il Portnoy di Philip Roth) voglio che questo mondo, zeppo di ipocrisie e di perbenismo, di tabù e sensi di colpa, eccetera, voglio, insomma, che questo mondo che puzza di naftalina, si lasci andare, si lasci fare.

Il mio eroe, dice Portnoy (quello vero), è Jordan Belfort (Di Caprio) di Wolf of Wall Street. Il mio slogan è quello di Philip Roth: Consideratevi liberi di godere, lasciate libero il vostro pisello. La mia politica mi è finita interamente nella nerchia! artisti segaioli del mondo unitevi! 

Affinché lo spettacolo funzioni, e la realtà sembri vera, bisogna dare a questo losco trafficare la parvenza di una tragedia. Bisogna cercare di giustificare la propria schifezza con la schifezza del mondo intero. 

Se volete conoscere dei veri porci – direbbe il Portony di Roth – entrate nelle stanze dei politici o dei Broker, quelli veri, date un'occhiata alle pratiche che gestiscono, e vedrete chi sono i veri porci! Le cose che combinano questi qui... e passandola liscia! Mentire, tramare, corrompere, rubare... il ladrocinio, signori miei, perpetrato senza battere ciglio. 

Mi vengono in mente i lamenti dei giovani trapper italiani, che cercano di giustificare la fame di denaro e droga, il sesso violento, il maschilismo spinto, il plagio e la sciatteria artistica, indirizzando l’attenzione su un presunto mondo di schifosi perbenisti, comunisti da salotto con Mismatched mini-bag e rolex. 

Si sgonfia il mondo circostante (l’Itala fa schifo, i partiti fanno schifo, il sindacato è venduto e le lauree comprate) per gonfiare l’ego.

Robert Shiller (premio nobile per l’economia 2013) dice che la gente crede più a Portnoy che alle valutazioni economiche serie, crede più alle lacrime versate in un Reality che ai listini dei prezzi. Una narrazione, dice, è emotivamente più avvincente e risonante di un grafico o di un’equazione (newyorker.com). 

I narcisisti come Portnoy – e i loro giovani apprendisti – sono cresciuti in quel brodo di romanticismo e libertinaggio liberista che sono il frutto – scrive D. F. Wallace – del mirabile individualismo e voglia di libertà della Me Generation di Roth & Compagni bella. I lamenti e le lacrime di Portnoy e Fedez sono lacrime vere, parlano di disgrazie vere, vissute da persone vere, lacrime cartolarizzate e cedute al pubblico di follower, ma senza avvertirlo che si tratta di spazzatura. 

Inquadrato dalla webcam mentre piange, con 1 milione e 200 mila followers che piangono con lui, a Portnoy mai una volta, però, gli viene in mente che il motivo di tanta infelicità sia che è uno stronzo.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti