"Volete fare la guerra alla Russia". La trascrizione completa dell'intero messaggio di Putin all'Europa

"Volete fare la guerra alla Russia". La trascrizione completa dell'intero messaggio di Putin all'Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“Volete fare la guerra con la Russia”? Questa domanda Vladimir Putin la rivolge non tanto a Emmanuel Macron o alla stampa francese, ma all’Occidente intero! Putin non getta mai le parole al vento. E' un avvertimento all'Occidente. La Russia non scherza. Putin avvisa, forse per l'ultima volta, e usa la parola guerra molto consapevolmente. Dipende dall'Occidente adesso.

Macron è venuto in Russia nel momento in cui la campagna propagandistica occidentale dell’“imminente invasione russa in Ucraina” ha raggiunto il suo massimo picco di follia. Secondo me, lo stesso presidente francese non ci crede. I suoi movimenti verso Putin stati interpretati dalla stampa occidentale come “un estremo tentativo di fermare la guerra di Putin in Ucraina”, in realtà Macron ha bisogno di vantaggio e affermazione personale in vista delle elezioni presidenziali fra due mesi. Non a caso ci ha messo particolare cura, all’incontro personale sono precedute tre telefonate a Putin.

Macron aspira ad alzare lo status non tanto della Francia, quanto dell’Europa unita, nella quale intende avere uno dei ruoli chiave, per questo alla Eu serve una certa autonomia strategica che non c’è, essendo ancora la Ue prigioniera dell’atlantismo. E’ venuto a Mosca per portare le sue “idee per abbassare la tensione”, ha dichiarato che coordina le sue azioni con il cancelliere tedesco Schulz e che “il dialogo con la Russia è indispensabile per conservare la stabilità nel mondo e per risolvere molti problemi internazionali. Il dialogo con la Russia è condizione indispensabile per costruire la pace in Europa”, ha detto il presidente francese, e ha aggiunto che “non è possibile costruire un sistema di sicurezza europea senza la Russia e tanto più contro la Russia”; poi ha definito la Russia “paese europeo con il quale bisognerà lavorare per costruire il futuro in Europa”.

All’apertura della conferenza stampa, dove i due capi di Stato hanno risposto alle domande dei giornalisti, Putin ha dichiarato che “la situazione che si è venuta a creare in Europa nella sfera della sicurezza è motivo di comune preoccupazione per Mosca e Parigi”, poi ha ringraziato Macron per il fatto che “la Francia continua come prima a prendere una parte molto attiva nell’elaborazione di decisioni di principio su questa direzione ed è simbolico che ci incontriamo proprio oggi, 7 febbraio, perché esattamente trent’anni fa fu firmato l’ “Accordo sui rapporti particolari tra Russia e Francia” – un documento fondamentale che ha gettato per i decenni a venire le basi per un partenariato di reciproco rispetto e collaborazione”.

Dunque, il tema centrale dell’incontro non è stato, - come dicono i giornali italiani, “fermare l’invasione di Putin dell’Ucraina” (che doveva succedere prima a dicembre, poi a gennaio, adesso hanno spostato la data a febbraio!), bensì quello delle garanzie della sicurezza alla Federazione Russa e della sicurezza europea, perché essa passa proprio attraverso la sicurezza della Russia. Questo ha voluto far capire Putin. Il suo portavoce, Peskov ha detto che la situazione è talmente complicata che è davvero difficile aspettarsi dei cambiamenti decisivi da un incontro.

Macron ha usato la parola guerra: “l’incontro di oggi può tracciare il cammino, per il quale noi dobbiamo andare e che è la de-escalation. Conosciamo la situazione militare-politica, la questione ucraina e le questioni importanti della sicurezza collettiva, perciò possiamo collettivamente elaborare una risposta pratica per la Russia e per tutta l’Europa, una risposta utile e pratica è una risposta che permette di evitare la guerra e costruire la stabilità, la trasparenza e la fiducia per tutti”. Macron sa benissimo che c’è nessuna minaccia di guerra, infatti alla vigilia del suo viaggio a Mosca aveva dichiarato che “grazie al dialogo intensivo con la Russia e a questo incontro con Putin, riusciremo senz’altro a prevenire l’invasione russa e poi discuteremo le condizioni della distensione perché al momento attuale, lo scopo geopolitico della Russia non è certamente l’Ucraina, ma è il voler chiarire le regole della coesistenza con la Nato e l’Unione Europea”.

Tuttavia Macron ha dichiarato che sostiene la politica delle “porte aperte” della Nato, mentre Putin è tornato a spiegare la posizione ferma della Russia: esige che vengano attuati i 3 punti fondamentali per la sua sicurezza, ma che la Nato e USA continuano a ignorare sostenendo che ogni Stato è libero di affidare la sua sicurezza a chi vuole. E qui Putin non è d’accordo, la sicurezza non è un principio “divisibile” e gli Stati hanno fissato gli obblighi sulla carta, secondo cui non si può rafforzare la propria sicurezza senza tener conto e rispettare la sicurezza degli altri Stati, Putin ha poi aggiunto che la politica delle “porte aperte” è interpretata molto “liberamente” e costituisce motivo di dubbio; ha ricordato l’articolo 10 dell’Accordo Nordatlantico del 1949, secondo il quale gli Stati membri, con il benestare degli altri membri, possono invitare altri Stati europei nella Nato, ma che siano Stati in grado di apportare un contributo alla sicurezza europea; tuttavia questo non significa che la Nato sia obbligata per forza a prendere tutti coloro che chiedono di essere inclusi - ha sottolineato Putin. E poi Putin ha incalzato: “ci vogliono tranquillizzare dicendo che la Nato è un’alleanza “pacifica e prettamente difensiva”, un’ “Alleanza di difesa” – quanto questo corrisponda alla verità lo hanno accertato con la propria esperienza i cittadini di molti Stati: Iraq, Libia, Afghanistan … e poi prendiamo le grandi operazioni militari della Nato condotte contro Belgrado e senza il permesso del Consiglio di Sicurezza dell’ONU .. Un’attività molto lontana da quella che dovrebbe fare un’alleanza pacifica! Inoltre, vorrei fare presente che non possiamo ignorare la strategia militare della Nato del 2019, dove la Russia è chiamata “nemico e principale minaccia per la sicurezza”. E poi, dopo aver portato le proprie infrastrutture militari a ridosso della nostra frontiera, la Nato e i suoi Stati membri si credono in diritto di “metterci al nostro posto”, insegnandoci come e dove spostare le nostre forze armate e si credono perfino in diritto di esigere da noi di non svolgere le esercitazioni e manovre militari pianificate.

Il movimento dei nostri soldati dentro – sottolineo - il nostro proprio territorio - viene rappresentato come una minaccia militare di invasione dell’Ucraina. Da ciò si sentono minacciati anche altri Stati vicini, tra cui quelli baltici e su quale base si sentano minacciati non è chiaro, ad ogni modo viene usata come tesi per costruire la politica di inimicizia verso la Russia. Sotto questo accompagnamento gli Stati membri della Nato continuano a rimpinzare l’Ucraina di armi moderne, vengono elargiti considerevoli finanziamenti per ammodernare l’esercito ucraino, mandano specialisti militari e istruttori, di questo ne abbiamo parlato a lungo oggi con il presidente francese Macron, al quale ho fatto anche presente che le autorità di Kiev non vogliono adempiere agli obblighi del complesso delle misure di Minsk e degli accordi del Formato Normanno, compreso quelli raggiunti ai summit di Parigi e Berlino. E’ evidente a tutti che Kiev ha iniziato lo smantellamento degli Accordi di Minsk, non c’è stato alcun movimento su punti basilari, quali la riforma costituzionale, l’amnistia, le elezioni locali, lo status speciale per il Donbass. Kiev ignora come prima la possibilità di ristabilire in modo pacifico l’integrità territoriale dell’Ucraina tramite il dialogo diretto con il Donezk e Lugansk (Donbass).

Putin ha fatto presente a Macron la sistematica violazione dei diritti umani in Ucraina, che vengono chiusi i mass media che non vanno a genio al potere, che gli oppositori vengono perseguitati e qui Putin ha detto: "a Poroshenko, quando era presidente dell’Ucraina avevo detto che in caso dovessero sorgere delle difficoltà in futuro la Russia è pronta a dargli rifugio politico, lui ironizzò molto su questo, oggi riconfermo questa proposta, nonostante le forti divergenze sulla regolazione della questione Donbass, dove ritengo lui abbia fatto molti errori, oggi viene perseguitato in Ucraina come criminale di Stato, noi siamo pronti a dare rifugio politico a lui e quelli come Poroshenko. Ma ciò che mi preoccupa di più è che in Ucraina viene discriminata la popolazione russofona con misure legislative. Ritornando alla questione dell’allargamento della Nato ad est per conto di nuovi Stati, Putin ha dichiarato la Russia è categoricamente contro perché ciò rappresenta una minaccia per la Russia per due motivi.

Per primo “non siamo noi che andiamo verso la Nato, è la Nato che si avvicina a noi! E dire poi che la Russia “si comporta in modo aggressivo” - come minimo non corrisponde alla logica, a un modo di ragionare sano! Per secondo, perché è così pericoloso prendere l’Ucraina nella Nato?

L’Unione Europea, la Francia ritengono che la Crimea è parte dell’Ucraina, noi riteniamo che fa parte della Federazione Russa, potranno essere fatti tentativi di cambiare questa situazione con metodi bellici, poiché nei documenti dottrinali dell’Ucraina c’è scritto che la Russia è il nemico e che sono disposti a riprendersi la Crimea anche tramite la guerra.

Ora figuratevi che l’Ucraina sia parte della Nato, l’articolo 5 non è stato abrogato, il presidente Biden ha detto che è un imperativo assoluto e sarà messo in pratica, questo significa che ci sarà un confronto militare fra Nato e Russia.

Ora vi voglio chiedere: voi volete fare la guerra con la Russia? Chiedete ai vostri lettori, ascoltatori, a chi usa i social, chiedete se la Francia vuole fare la guerra con la Russia perché questo accadrà! Ma voi capite o no che se l'Ucraina verrà assorbita nella Nato e tenterà di prendere la Crimea, gli Stati europei automaticamente saranno coinvolti nella guerra con la Russia? Non ci saranno vincitori! E sarete coinvolti nella guerra anche se non lo volete, non farete nemmeno in tempo a battere ciglio mentre vi preparate ad adempiere al punto 5 del Trattato di Roma! Siete preoccupati della sicurezza europea ma il Donbass? cosa deve dire? Kiev dice che non adempirà agli accordi di Minsk e questo distrugge lo Stato ucraino. Ci dicono che siamo noi – Russia - che dobbiamo dare le garanzie di sicurezza e a noi chi le dà le garanzie di sicurezza? Già due volte Kiev ha tentato di risolvere la questione del Donbass con violente operazioni di guerra e dopo l’ennesima sconfitta sono nati gli Accordi di Minsk, ora gli ucraini li eseguiranno o no? Chi ci garantisce che non tentino per la terza volta?? Qui è in gioco la sicurezza non solo della Russia, ma anche dell’Europa e di tutto il mondo. Voglio ricordare infine che noi siamo anche contro l’installazione dei sistemi missilistici offensivi vicino le nostre frontiere, se tutti sono per la pace, cosa c’è di male a non installare queste armi di attacco vicino alle nostre frontiere? Qualcuno può rispondere a questa domanda? Se la Nato è un’alleanza pacifica, cosa c’è di male per la Nato ritornare alle posizioni che occupava al momento in cui ha firmato l’Accordo con la Russia nel 1997?

Poi un giornalista ha rivolto la domanda a Putin sulla questione del Mali e qui il presidente russo ha risposto che sì ne hanno parlato con Macron, ha ribadito che lo Stato, il governo russo non ha nulla a che fare con le compagnie che operano nel Mali, è totalmente estraneo, e se il governo del Malì non ha alcuna obiezione sull’attività commerciale di tali compagnie, allora secondo la logica che applica la Nato, se il Malì preferisce lavorare con quelle compagnie significa che ne ha diritto.

Erano appena iniziati i colloqui tra Putin e Macron quando sulle agenzie d’informazione è apparsa la notizia che l’Ucraina chiede agli Stati Uniti di mandare nei pressi della città di Kharkov il “THAAD” - sistema antimissile dell’esercito statunitense, destinato anche a colpire i missili balistici a medio e corto raggio. “Ciò diventerebbe un altro passo verso la destabilizzazione della situazione – ha dichiarato il portavoce di Putin.

I colloqui tra Putin e Macron sono durati quasi 6 ore e solo dopo la conferenza stampa, oramai mezzanotte sono riusciti a cenare, poi Macron ha voluto tornare a piedi in hotel attraversando la Piazza Rossa, forse aveva bisogno di aria fresca. Dopo i colloqui al Cremlino, Macron è appena atterrato a Kiev, dopo di che telefonerà di nuovo a Putin per riferire sui risultati e mettere a punto la situazione e come procedere oltre. Intanto Macron si è già preso il merito di aver “fermato la guerra”, appena atterrato a chi ha dichiarato che è riuscito a convincere Putin a non proseguire sul cammino della “escalation”. I giornali francesi scoppiano di frasi che sottolineano il grande successo e che Macron è riuscito ad ottenere la de-escalation. Davvero un successo incredibile, alla luce del fatto che alla Russia non è nemmeno mai passato per la mente di “andare per la via dell’escalation”.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti