Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

All'Università di Princeton ieri, in un incontro, lo riferisce Repubblica, la Von der Leyen, riferendosi tra gli altri alle elezioni italiane, ha detto: "se va male, abbiamo tutti gli strumenti..".

Si completa così un percorso iniziato nel 1972 con il Piano Werner di unificazione monetaria e della Trilaterale del 1975 tesi a svuotare le democrazie occidentali, in vista della perdita di ruolo dei movimenti operai occidentali, allora alla testa delle rivendicazioni sociali, economiche e financo democratiche. Vennero l'Atto Unico Europeo e il Trattato di Maastricht, il cui caposaldo è la stabilità dei prezzi e la cessione di sovranità, con l'effetto voluto di aumentare la disoccupazione, l'esercito industriale di riserva, la precarizzazione dei rapporti di lavoro e la deflazione salariale, in vista di una ripresa della profittabilità delle imprese.

Lo svuotamento delle democrazie si completava mediante la "programmazione economica comunitaria" che trovava, da noi, con il Def e la Finanziaria la sua declinazione, una programmazione tesa alla privatizzazione dello Stato e degli strumenti economici, secondo il principio "Più Stato per il Mercato".

Tutti gli istituti pubblici storici della storia repubblicana italiana furono soppressi ,o sminuiti. La leva del comando economico passava a Bruxelles e Francoforte, nel mentre il teatrino della Seconda Repubblica, con risse da comari, copriva lo svuotamento degli istituti democratici.

Ora, con la presa di posizione della Von der Leyen, che evidentemente si aspetta proteste continentali, arriva il tempo della repressione, per "difendere la democrazia", la democrazia plutocratica, nel vero senso del termine. Neanche la Meloni a sta gente sta bene....

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti