La bolla dei farmaci antidepressivi

La bolla dei farmaci antidepressivi

In un rapporto, l'Ocse si dice "preoccupata" per l'aumento esponenziale dell'uso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Secondo un nuovo studio dell'OCSE pubblicato oggi e ripreso dal Guardian, l'uso di antidepressivi è aumentato nel mondo ricco in modo esponenziale nell'ultimo decennio, accrescendo le preoccupazioni tra i medici che questi farmaci vengano prescritti in modo eccessivo.

 
Secondo le statistiche rilevate dall'Ocse si vede come in alcuni paesi i dottori stanno prescrivendo questi farmaci ormai ad un adulto su 10 - l'Islanda registra il livello più alto con 105.8 dosi al giorno ogni 1,000 abitante nel 2011 rispetto a 70.9 nel 2000 ed il 14.9 nel 1989; ma, in generale, Australia, Canada ed i paesi del Nord Europa mostrano le statistiche più alte. Dagli Usa emerge una conferma con oltre il 10% degli americani adulti che usa regolarmente questi farmaci; ed in Cina, infine, il mercato degli antidepressivi è aumentato del 20% negli ultimi tre anni. 
 
Secondo l'Ocse il consumo crescente può essere spiegato dall'uso dei farmaci in casi lievi che non lo richiederebbero. "L'estensione aumenta la preoccupazione", si legge nel rapporto. La crisi finanziaria è un altro fattore evidenziato nello studio - ad esempio in Spagna e Portogallo, le prescrizioni antidepressive sono aumentate del 20% negli ultimi cinque anni. 
 
Molti psichiatri concordano che i farmaci possono essere utili di fronte a forme gravi di depressione, ma non sono lo strumento efficace per quelle lievi. "L'esplosione dei farmaci antidepressivi in molti paesi riflette il fatto che molte persone con una forma media o grave di depressione è sotto trattamento, ed è una buona cosa. Ma l'aspetto negativo è che anche molte persone ne fanno uso anche se non dovrebbero. I dottori dovrebbero essere in grado di riconoscere la depressione correttamente in modo che si prescrivano farmaci solo a chi ne hanno bisogno",  ha dichiarato Mark van Ommeren, del Dipartimento di salute mentale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio.
 
La bolla, conclude il Guardian, è destinata a scoppiare a breve, con l'aumento di coloro, soprattutto giovani, che tentano il suicidio mentre utilizzano questi farmaci. Alcune compagnie hanno pagato immense somme nel 2013 per patteggiare sentenze nei tribunali inglesi ed americani che hanno intimato di non prescriverle più ad i minorenni.

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti