"Dobbiamo impugnare le armi e respingere questi dannati russi". Tymoshenko intercettata

"Dobbiamo impugnare le armi e respingere questi dannati russi". Tymoshenko intercettata

"Mobiliterò l'intero mondo non appena potrò per assicurarlo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


A un mese esatto dalla intercettazione tra l'assistenza del Dipartimento di Stato Victoria Nuland e l'inviato in Ucraina degli Stati Uniti, Geoffrey Pyatt che confermava come fossero gli Usa dietro il colpo di stato che ha determinato l'allontanamento del presidente eletto Yanukovich, un'altra telefonata intercettata e pubblicata interamente da RT tra il parlamentare ucraino Nestor Shufrych e l'ex primo ministro ucraino, nonchè candidato a prossimo presidente del paese, Yulia Tymoshenko crea scalpore. 
 

Il leader spirituale della cosiddetta rivoluzione arancione è arrivata a esclamare: "E' andata troppo oltre! Dobbiamo impugnare le armi e respingere questi dannati katsaps [la parola ucraina usata in tono dispregiativo verso i russi] insieme con i loro leader". E ancora: "Utilizzerò tutte le mie conoscenze, mobiliterò l'intero mondo non appena potrò per assicurarlo.  Neanche la terra bruciata resterà dove si trova la Russia". Anche se poi tutte le minacce cadono nell'ultima frase intercettata con il riferimento alla Corte Penale Internazionale.
 
Alla domanda precisa di Shufrych: "Cosa dovremo fare ora con gli otto milioni di russi che sono ancora in Ucraina. Sono reietti", la Tymoshenko risponde: "Devono essere uccisi con armi nucleari". Questa conclusiva è l'unica parte della conversazione che, non misteriosamente, l'ex premier ucraino non ha voluto confermare come valida. 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti