+72%. L'export italiano in Cina vola nei primi 6 mesi

+72%. L'export italiano in Cina vola nei primi 6 mesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La crescita delle esportazioni italiane in Cina nei primi 6 mesi di quest'anno, secondo la General Administration of Customs, segna +72%, la percentuale più alta dei paesi occidentali, il doppio dell'aumento registrato in media da tutti i paesi europei e 20 punti percentuali in più rispetto agli Usa, che pure hanno siglato un accordo commerciale per diminuire l'avanzo cinese nei confronti di quel paese e aumentare l'import dei suoi beni.

Solo a giugno 2,8 miliardi di dollari, 15,5 miliardi interi sei mesi, avvicinandosi l'Italia alla Francia che segna complessivamente 19 miliardi primi 6 mesi. Nel periodo gennaio giugno del 2019, il 2020 non fa testo, complessivamente l'export italiano raggiugeva 8 miliardi, ora 15, praticamente il doppio. Il deficit commerciale italiano è di 4 miliardi complessivamente, in diminuzione rispetto agli scorsi anni. Nonostante la martellante ed ossessiva campagna di stampa contro questo paese, la Cina onora il Memorandum Italia-Cina del 2019. Non badano a queste quisquilie, vedono decenni avanti e ritengono il nostro Paese un partner commerciale di prim'ordine, oltretutto con la popolazione che apprezza il Made in Italy.

Questa notizia non la troverete nel media, tranne classhnsilkroad, di Milano Finanza, che è gemellata con l'agenzia di stampa Xinhua. Non trovando interlocutori istituzionali e con i media tutti ossessivamente contro, la Cina si limita a domandare prodotti italiani, quando nel 2019 si era detta disponibilissima a rilanciare l'economia del nostro Paese.

Ma siamo colonie Usa e Ue, gli altri possono, noi no. In altri tempi, e con altra gente, i benefici sarebbero stati ancora maggiori. Limitiamoci a registrare questo incredibile trend, potevamo fare di più se solo avessimo voluto.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti