L'intervista/A Napoli interessante manifestazione No War delle Sardine. Un seg...

A Napoli interessante manifestazione No War delle Sardine. Un segnale di discontinuità con il PD?

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Come redazione de l’AntiDiplomatico, lo sapete, non siamo mai stati teneri nel descrivere il cosiddetto Movimento delle Sardine. Come è nostra consuetudine, tuttavia, siamo sempre pronti a sottolineare e rimarcare ogni segnale di discontinuità che dovesse portare questo movimento della società civile a discostarsi dal sentiero buio che porta al Pd.

 

E’ il caso, ad esempio, di una Manifestazione - “No alla guerra tra Stati Uniti e Iran!” - indetta dalle Sardine per il 25 gennaio a Napoli, che chiede, tra l’altro, il ritiro delle forze armate straniere in Iraq. Tra cui, ovviamente, le truppe italiane mandate lì dai governi PD: dapprima per proteggere una impresa italiana impegnata, nel Kurdistan iracheno, in opere di manutenzione di una diga, poi per addestrare le forze armate del corrottissimo regime del curdo clan Barzani, poi, intruppate con Gli Stati Uniti per combattere un ISIS fino a quel momento addestrato e finanziato dagli USA. Situazione che, anche a seguito dell’omicidio USA di Soleimani, (avvenuto a Bagdad) ha spinto il parlamento iracheno a chiedere l’immediata uscita dal Paese di tutte le truppe straniere.

 
Su questa manifestazione (che su Facebook sta già ottenendo molte adesioni)  una breve intervista ad uno dei promotori: Riccardo Festa delle Sardine di Napoli
 
Scusa la sfacciataggine, ma Afghanistan, Mali, Libia, Gibuti… e soprattutto Iraq sono missioni militari volute dal PD.
“E questo dovrebbe sfatare il mito delle Sardine longa manus del PD. Noi ci limitiamo a chiedere quanto sancito nell’art. 11 della Costituzione che, tra l’altro, consente, “in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni.” È ovvio che quando queste condizioni di parità con gli altri stati (vedi il voto del parlamento irakeno) non sussistono, dobbiamo richiamare i nostri militari”
 
Quando dici “noi” ti riferisci alle sole Sardine di Napoli o alla generalità del Movimento delle Sardine?
“Intanto, questa di Napoli non è la prima iniziativa delle Sardine contro la guerra; penso, ad esempio alla manifestazione “Articolo 11: Sardine Per La Pace” tenutasi ad Aviano il 12 gennaio. Per quanto riguarda il coinvolgimento nell’iniziativa del nascente coordinamento nazionale delle Sardine, prefigurato nella riunione nazionale tenutasi a Roma, il 15 dicembre, c’è stato uno scambio di mail che non hanno certamente ostato l’iniziativa. Tra l’altro, mi auguro che la manifestazione del 25 gennaio a Napoli (che si inserisce nel Global Day of Protest - No War on Iran! che si terrà a livello mondiale) non sia delle sole Sardine. A tal riguardo, già stanno circolando documenti prodotti da varie organizzazioni No-War che intendono promuovere a Napoli una manifestazione unitaria. Sarebbe un’ottima cosa.”
 
Francesco Santoianni
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa