/ Abbraccia un jihadista: te lo chiede Repubblica

Abbraccia un jihadista: te lo chiede Repubblica

 
 

Commovente campagna del Gruppo Repubblica-l’Espresso (chi non è abbonato può leggere l’articolo qui) per accogliere in Italia i tagliagole dell’ISIS; ai quali garantire – sulla scia dell’incredibile iniziativa danese “Abbraccia un jihadista” - vitto, alloggio, qualche soldo e un colpo di spugna sui passati crimini.


Intendiamoci, anche qui da noi, per i sicari della Mafia che si “pentono”, è riservato un trattamento simile; ma, almeno, da essi si pretende una piena confessione che porti all’arresto dei mandanti.

Per i jihadisti “da abbracciare” (magari, fatti arrivare con un imperscrutabile “corridoio umanitario”) nulla di tutto questo. Anzi è bene che stiano zitti altrimenti rischierebbe di rivelare che armi, soldi e protezioni, per andare a massacrare i Siriani, sono stati ad essere forniti ad essi dai governi. Magari, uno dei passati governi italiani.

 

Francesco Santoianni

 

P.S. Sullo scandaloso trattamento riservato dall’Occidente ai jihadisti in fuga, vedi qui, qui o qui.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa