/ Accantonata l'accusa sulle armi chimiche, l'Occidente minaccia la...

Accantonata l'accusa sulle armi chimiche, l'Occidente minaccia la Siria per evitare la sconfitta dei terroristi

 

In un suo Tweet il Presidente degli USA Trump ha avvertito Russia e Siria di non causare un'altra tragedia umanitaria a Idlib in vista della prossima offensiva. Caduta l'opzione di creare un falso attacco chimico da attribuire all'esercito siriano, USA, Francia e Gran Bretagna escono allo coperto. A Idlib, Russia, Siria e Iran, non devono effettuare nessuna operazione militare, non bisogna sconfiggere i gruppi terroristici che l'Occidente che per anni ha appoggiato inutilmente per rovesciare Assad.


In un suo articolo, il corrispondente di RT Finian Cunningham, ritiene che ormai gli USA non potendo ormai sfruttare un attacco chimico da attribuire all'esercito siriano, abbiano semplicemente avvertito Russia e Siria a non attaccare i terroristi Idlib, controllata da gruppi affiliati ad al Qaeda.
 
Trump ha twittato il suo avvertimento alla Siria, così come alle sue forze alleate della Russia e dell'Iran, di non lanciare un'offensiva militare per riconquistare il controllo della di Idlib. L'area è l'ultima roccaforte di gruppi armati legati ad al Qaeda in Siria. Potenzialmente prendere il controllo di Idlib rappresenterebbe la fine della guerra che dura da quasi otto anni.
Lunedì scorso Trump ha dichiarato: "Il presidente siriano Bashar al-Assad non deve attaccare senza scrupoli la provincia di Idlib: i russi e gli iraniani commetterebbero un grave errore umanitario per prendere parte a questa potenziale tragedia umana:"
L'alto generale degli Stati Uniti, Joseph Dunford, presidente dei Joint Chiefs of Staff, ha anche ripetuto l'ansia per le vittime umanitarie, chiedendo una "operazione su misura ".
 
Quindi, le presunte armi chimiche non fanno più parte della logica nordamericana. Fondamentalmente: non fare alcuna mossa militare. Il presidente americano ha aggiunto che "centinaia di migliaia di vite" potrebbero essere perse se la Siria e i suoi alleati si spostassero per liberare la provincia dove ci sono circa 10.000 miliziani e una popolazione civile di tre milioni.
L'apparente preoccupazione "umanitaria" di Trump sembra allarmante, se non cinica. Ha espresso dubbi in modo simile quando le forze aeree statunitensi hanno fatti Raqqa a pezzi l'anno scorso, causando migliaia di morti tra i civili?
 
Questa settimana, funzionari russi e iraniani stanno lavorando con la Siria per istituire corridoi umanitari a Idlib per rimuovere i civili dai danni.
 
Anche il presidente russo Vladimir Putin arriverà nella capitale iraniana, Teheran questo fine settimana per dare impulso a un accordo di pace definitivo. Eliminare l'ultimo bastione di gruppi terroristici siriani in Idlib è cruciale per ripristinare la pace per l'intero paese. Perché Washington e i suoi alleati stanno cercando di ostacolare questo risultato finale?
 
Il terribile avvertimento di Trump per un'ultima offensiva militare a Idlib segna un significativo cambiamento rispetto ai precedenti avvertimenti emessi dagli Stati Uniti e dai suoi alleati della NATO, la Gran Bretagna e la Francia. Tutte e tre le potenze avevano promesso la scorsa settimana di intraprendere un'azione militare se le armi chimiche fossero state utilizzate dall'esercito siriano nella prevista offensiva.
 
Queste ammonizioni sono state ampiamente considerate come un tentativo da parte delle potenze occidentali di creare una provocazione sotto falsa bandiera per incolpare le forze governative siriane e quindi darsi un pretesto per lanciare attacchi militari contro il presidente Assad. Per cominciare, il governo siriano non possiede più tali armi, avendo cancellato il suo arsenale sotto controllo ONU.
 
L'allarme delle armi chimiche occidentali era uno stratagemma trasparente. La stessa formula drammatica è stata usata all'inizio di quest'anno in aprile, quando un presunto attacco chimico a Douma vicino a Damasco è stato attribuito dai media occidentali all'esercito siriano, provocando una raffica di oltre 100 attacchi missilistici da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia sulla Siria. Si è scoperto, tuttavia, che l'incidente era uno strumento di propaganda orchestrato dai White Helmets, sostenuti dall'Occidente, che hanno avuto a più riprese il collegamento con gruppi terroristici per la guerra dell'informazione.
 
Questa volta, numerosi rapporti citati dall'intelligence militare russa ritengono che i materiali delle armi chimiche sono stati trasportati a Idlib dai gruppi terroristici e dai White Helmets per ripetere lo stratagemma della falsa bandiera. Questi rapporti hanno rivelato la menzogna degli avvertimenti di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia di imminenti attacchi aerei come nient'altro che sforzi coordinati per giustificare l'intervento militare.
Inoltre, è stato ampiamente osservato che gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO si sono dimostrati in effetti attivamente in combutta con i gruppi terroristici nella preparazione di un attacco sotto falsa bandiera con armi chimiche.

 
Sembra che, essendo state sorprese nell'orchestrare una trovata di propaganda, le potenze occidentali siano tornate alla semplice linea di un attacco diretto.
Come ammette l'ultimo avvertimento di Trump, qualsiasi operazione offensiva da parte dell'esercito siriano e dei suoi alleati per sconfiggere i militanti residui di Idlib è, secondo l'opinione americana, "inaccettabile" .
Dimenticato il presunto uso di armi chimiche - per Washington, la semplice azione di offensiva militare da parte del governo siriano è illegittima.
 
Fortunatamente, i leader siriani, russi e iraniani sono immuni da una così ridicola repressione dei diritti sovrani e del diritto internazionale. Come ha sottolineato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la Siria ha il mandato legale di sradicare i gruppi terroristici che occupano il suo territorio e di esercitare piena autorità sul paese.
 
Il governo americano, britannico o francese accetterebbe l'occupazione del loro territorio da gruppi armati illegalmente che sono stati segretamente sponsorizzati dalla Siria, dalla Russia o dall'Iran?
La logica razionale degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO sta  emergendo, non si nasconde più dietro la retorica sulle armi chimiche o della "protezione dei ribelli moderati ", o anche "protezione dei civili".
 
È ampiamente evidente che i terroristi che gravitano su Idlib sono i vari gruppi terroristici affiliati ad Al-Qaeda, principalmente Hayat Tahrir al Sham (ex Fronte di Al-Nusra). Questa organizzazione è designata come entità terrorista dal Dipartimento di Stato americano, così come da Mosca e molti altri governi.
Non c'è nemmeno una menzione malinconica nei media occidentali a proposito di " ribelli moderati " o del cosiddetto "esercito siriano libero ", che gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO precedentemente sostenevano di appoggiare perché diversi dagli estremisti. Quell'apparente distinzione è evaporata nel nulla come l'illusione prodotta che è sempre stata.
 
Ciò che abbiamo in Idlib sono le vili rovine dell'esercito terrorista che i governi occidentali hanno segretamente sponsorizzato e armati per il loro obiettivo criminale di cambio di governo in Siria.
L'avvertimento di Trump contro una campagna militare per distruggere l'esercito terrorista in Siria equivale a un'ammissione stupefacente. Il finale dei protagonisti è ora esposto a tutto il mondo.
 
Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia stanno ammettendo che il loro vero problema non sono le presunte violazioni con armi chimiche. Il loro vero problema è che l'ultima posizione dei gruppi terroristici sta per essere sconfitta. Tutti questi anni di intrighi e complotti occidentali contro il governo siriano e la sponsorizzazione di sanguinari gruppi terroristici stanno affrontando una sconfitta spettacolare.
 
 
E non solo, queste potenze occidentali come è dimostrabile , dalle loro parole, dalla parte dei terroristi che hanno saccheggiato e brutalizzato la Siria in un ossario.
Gli appelli di Trump riguardo Idlib a proposito di un "grave errore umanitario" sono nauseanti. Le "centinaia di migliaia di vite " di cui sembra preoccupato sono già andate perse a causa della guerra segreta promossa dagli Stati Uniti e dai suoi alleati usando i gruppi terroristici.
 
Si suppone che questi gruppi terroristici siano il nemico contro il quale gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO hanno lanciato una guerra globale negli ultimi due decenni, durante i quali questi autoproclamati difensori dei valori civilizzati hanno devastato interi paesi dall'Asia centrale, dal Medio Oriente al Nord Africa. Milioni di vite sono state distrutte dagli Stati Uniti e dai loro alleati occidentali presumibilmente in una crociata contro gruppi terroristici che questi stessi poteri stanno evidentemente cercando di proteggere in Siria. Trilioni di dollari sprecati e società occidentali gravate dall'austerità per pagare queste guerre.
 
I critici informati hanno sempre sospettato che la "Guerra al terrore" guidata dagli Stati Uniti fosse una frode gigantesca da coprire per obiettivi criminali imperialisti di conquista.
In Siria, la fine della guerra in quel paese sta dimostrando che gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO perseguono interessi che non hanno nulla a che fare con la lotta al terrorismo. I loro interessi sono integrati con i terroristi.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa