Afghanistan: l'occupazione Usa e la pedofilia dilagante

Afghanistan: l'occupazione Usa e la pedofilia dilagante

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

È grande la preoccupazione per la sorte delle donne afghane. In altre note abbiamo raccontato come la tragedia di questo Paese non nasce con i talebani, ma dai quasi cinquant’anni di guerra ininterrotta.

E che gli Stati Uniti non sono parte della soluzione, ma del problema, così che il loro ritiro non è la tragedia che si racconta, bensì un ovvio sviluppo della storia che pur non risolvendo affatto i problemi dell’Afghanistan, ne elimina però uno, e non di poca rilevanza.

Così torniamo alle donne afghane, che sicuramente, come altre, amano i propri figli. E che negli anni di occupazione Usa hanno visto i loro bambini presi dai membri delle forza armate afghane, quelle a supervisione Usa, per essere preda dei pedofili che abbondavano tra le sue fila.

A rivelarlo, nel 2018, fu l’autorevole New York Times, che ha riferito di una Commissione d’inchiesta Usa incaricata di indagare sul fenomeno, riscontrando tale perversione tra le fila dell’esercito afghano e di come l’esercito degli Stati Uniti abbia chiuso entrambi gli occhi per non disturbare i suoi ascari.

“Dal 2010 al 2016, – scrive il New York Times – l’esercito degli Stati Uniti in 5.753 casi ha chiesto di indagare sulle unità militari afgane per verificare possibili casi di ‘gravi violazioni dei diritti umani‘. Se fossero stati riscontrati, la legge americana prevedeva che venissero tolti all’unità incriminata gli aiuti militari“.

“Non è mai successo“.

“Questo il risultato di un’indagine sugli abusi sessuali sui minori da parte delle forze di sicurezza afghane e sull’indifferenza dei militari americani su tale crimine”, secondo il rapporto firmato da Sigar, ispettore generale speciale per la ricostruzione afghana.

“Il rapporto […] è stato considerato così esplosivo” da essere originariamente contrassegnato come ‘Secret/No Foreign'”, cioè segreto e da non rivelare all’estero, “con la raccomandazione che restasse classificato [segreto ndr] fino al 9 giugno 2042“.

“Il rapporto […] è dettagliato e, almeno nella parte resa pubblica, ha fatto poco per rispondere alle domande su quanto fossero diffusi gli abusi sessuali sui minori nell’esercito e nella polizia afghani e su come fosse usuale che l’esercito americano guardasse dall’altra parte, ignorando la pratica diffusa del bacha bazi, o ‘gioco da ragazzi’, cioè il fatto che i comandanti afgani tenessero con loro fanciulli minorenni come schiavi del sesso“.

Purtroppo, spiega il Nyt, “l’intera portata di questi incidenti potrebbe non essere mai conosciuta”, data (l’ovvia) reticenza del Comando dell’esercito Usa. “Sigar ha dichiarato di aver aperto un’indagine sul bacha bazi su richiesta del Congresso e in risposta a un articolo del New York Times del 2015 che descriveva la pratica come ‘dilagante‘. L’articolo diceva che i soldati americani che si erano lamentati avevano avuto la carriera rovinata dai loro superiori, che li avevano incoraggiati a ignorare tale pratica”.

Poi il Nyt riporta alcuni casi: “Un ex ufficiale delle forze speciali, il capitano Dan Quinn, che ha picchiato un comandante afghano per aver tenuto un ragazzo incatenato al letto come schiavo del sesso, ha poi detto che a seguito di tale episodio era stato sollevato dal suo comando. ‘Stavamo mettendo al potere persone che avrebbero fatto cose peggiori di quelle che hanno fatto i talebani’, ha poi dichiarato  il capitano Quinn, che ha lasciato l’esercito”.

E ancora: “Il sergente prima classe Charles Martland, un berretto verde pluridecorato, è stato costretto a lasciare l’esercito dopo aver picchiato un comandante della polizia locale afghana a Kunduz che era uno stupratore di bambini. Il sergente Martland si è infuriato dopo che il comandante afghano ha rapito il ragazzo, lo ha violentato e poi ha picchiato la madre del ragazzo quando ha cercato di salvarlo”.

Infine, “l’articolo del Times citava anche la morte sospetta di Lance Cpl. Gregory Buckley Jr., un marine degli Stati Uniti che è stato ucciso a un posto di blocco dove era di stanza con un famigerato comandante che aveva un seguito di ragazzi bacha bazi. Il caporale Buckley si era lamentato di quel comandante ed era stato ucciso, insieme ad altri due marines, da uno degli uomini del militare accusato” (probabile che al tempo l’assassinio sia stato addebitato ai talebani).

Se i comandanti americani chiudevano tutti e due gli occhi su crimini tanto gravi, si può immaginare che altrettanto accadesse per crimini di minore o uguale portata, come stupri, furti, vessazioni, furti e omicidi (ed è ovvio che i responsabili di tali crimini, che erano legione, insieme alla rete degli informatori Usa, altra legione, vogliano scappare dal Paese, mischiandosi a quanti ne fuggono per disperazione).

Forse questa deriva, forse non solo afghana, spiega più di altro il tasso monstre di sucidi tra i veterani di guerra dell’esercito degli Stati Uniti: un rapporto del Dipartimento dei veterani riporta che nel 2019 se ne erano stati registrati 17 al giorno, in crescita rispetto agli anni precedenti, che pure registravano cifre di poco inferiori.

In parallelo alla pedofilia, durante l’occupazione Usa, fiorivano altri crimini. Non per colpa diretta degli Stati Uniti, magari, ma certo della destabilizzazione permanente causata dalla loro presenza militare. Destabilizzazione che ha gettato un Paese già povero nella miseria più assoluta.

Ricordo un documentario della Rai in cui alcuni afghani raccontavano di fuoristrada dai vetri oscurati che rapivano giovani e bambini, che poi venivano ritrovati privi di qualche organo.

Non ho ritrovato quegli antichi documentari e solo il ricordo non basta. Ma ho trovato articoli sul traffico di organi in Afghanistan, in particolare dei reni, tanto che Arab News definisce questo Paese “la nazione da un rene solo” (sulla vendita dei reni vedi anche il Nyt: “In Afghanistan il boom del commercio dei reni depreda i poveri“).

Certo, sul traffico dei reni si può scrivere più liberamente, più arduo toccare il traffico di organi più vitali, come cuore, fegato e altro, perché questo uccide gli sventurati “donatori”: Ma chi commercia in reni, in genere, gli affianca altri “prodotti”. Cercheremo ancora, per vedere se da qualche parte questo traffico oscuro è stato registrato.

Durante questi anni è poi fiorito il traffico di bambini. Tanti, denunciava nel 2011 Save the children, in Afghanistan i pargoli “venduti, che vengono sfruttati sul lavoro e, spesso, sono costretti a prostituirsi”.

Siamo sicuri che il regime dei talebani sia una prospettiva peggiore degli orrori a supervisione Usa che l’hanno preceduto?

 

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note
a cura di Davide Malacaria

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti