/ Alessandro Di Battista contro i soliti 'intellettuali' campioni d...

Alessandro Di Battista contro i soliti 'intellettuali' campioni del politicamente corretto

 

L'esponente del M5S inoltre invita il governo a ritirare al più presto le truppe italiane dall'Afghanistan



di Alessandro Di Battista*
 

Ricordate i soliti “intellettuali” campioni del politicamente corretto e dei gesti simbolici farsi i selfie con la mano sul naso per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'utilizzo di armi chimiche in Siria? Macron disse anche: “Abbiamo le prove che Bashar Al Assad ha usato armi chimiche”.


A parte che rispondere ad un presunto attacco chimico con un altro attacco è una roba idiota comunque qualche giorno fa l'OPAC (l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) ha pubblicato i risultati della sua analisi fatta a Douma. Niente tracce di gas nervino né di suoi derivati. Sono state trovate tracce di cloro, da verificare la provenienza ovviamente.


Io non sono stato mai un fan né di Saddam, né di Gheddafi e né di Assad. Negli anni 80' a stringere la mano di Saddam e a offrigli aiuti in chiave anti-Iran ci andò persino Donald Rumsfeld (inviato da Reagen). Per non parlare di Gheddafi, ricorderete il baciamano da parte di B. in Italia o l'accoglienza incredibile che ricevette da Sarkozy all'Eliseo nel 2007. A Damasco, da Assad, ci andò direttamente il nostro ex-Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Quel giorno Napolitano definì Assad esempio di laicità e difensore delle libertà. Poi cosa è successo? I buoni sono diventati improvvisamente cattivi? Assolutamente no, erano dittatori prima e hanno continuato ad essere dittatori poi. Solo che, evidentemente, non erano più al servizio di qualche potente occidentale.


E così sono partiti i caccia-bombardieri spinti dalle menzogne propagandate dal sistema mediatico.

Solito schema. Saddam ammazzato, Gheddafi trucidato e soprattutto centinaia, forse milioni di morti civili in Iraq e Libia. E ovviamente l'aumento dei flussi migratori.


Ho letto pochi articoli sui risultati dell'OPAC in Siria e non so se le TV italiane ne abbiano parlato o meno. So che è compito dei popoli sovrani destituire i dittatori, non delle bombe straniere. Ma non è mica politicamente corretto tutto questo. Non è politicamente corretto parlare delle menzogne di Macron. Non è politicamente corretto ricordare che Sarkozy ha chiesto e ottenuto la testa di Gheddafi perchè temeva che questi potesse parlare dei denari che gli aveva dato per la sua campagna elettorale. Non è politicamente corretto dire che il premio Nobel per la Pace Obama sia stato in realtà un guerrafondaio. Molto meglio fare campagne di sensibilizzazione in realtà mai scomode!


Troppe guerre sporche, troppi disperati che fuggono da casa loro, troppa ipocrisia. Fino a che l'intellighenzia continuerà ad occuparsi esclusivamente degli effetti dell'immigrazione tacendo sulle cause reali, le ingiustizie continueranno. Mi auguro che questo governo sappia comportarsi in tal senso. Il ritiro delle truppe dall'Afghanistan va fatto al più presto perché l'esportazione di democrazia la stanno pagando sulla loro pelle troppe persone. Da chi vive nelle periferie delle nostre città a chi non ha più nulla a casa sua.

*post Facebook del 13/07/2018

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa