Il Financial Times e la "propaganda bellica" della Russia in Italia

Il Financial Times e la "propaganda bellica" della Russia in Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

 

Il Financial Times (FT) ha pubblicato un articolo lunedì dal titolo drammatico "La Russia scatena l'offensiva di propaganda bellica in Italia", in cui si racconta che il giorno prima 80 italiani si sono riuniti per vedere un film russo sull'Ucraina. L'articolo parla poi delle organizzazioni socio-culturali russe in Italia e della collaborazione tra il partito al governo e Russia Unita, partner della coalizione. Il pezzo è inframmezzato dall'accusa che la Russia abbia molti agenti stranieri in Italia..

La realtà è molto più semplice: gli italiani stanno diventando stanchi della guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l'Ucraina. Sono tradizionalmente un popolo pacifista con impulsi umanitari, come ha descritto i suoi connazionali uno dei legislatori dell'opposizione citati, e questi punti di vista si allineano con gli interessi della Russia nel raggiungere un compromesso per porre fine a questo conflitto. Non c'è nulla di nefasto in questo, poiché si tratta solo di una coincidenza di interessi, non il risultato di alcuna ingerenza o propaganda.

Tuttavia, questa tendenza fa paura agli eurocrati poiché temono che il sentimento popolare in Italia possa diffondersi nel resto dell'Europa occidentale e annunciare un cambiamento ancora maggiore nell'opinione pubblica rispetto a quello che si sta manifestando attualmente. A tal proposito, un importante gruppo di riflessione europeo ha appena pubblicato i risultati del suo sondaggio di gennaio che mostra che solo il 10% delle persone nei 12 paesi intervistati pensa che l'Ucraina possa vincere, con i dati per l'Italia particolarmente interessanti.

Solo il 6% di loro condivide questa opinione, mentre il 19% pensa che la Russia vincerà e il 43% si aspetta un compromesso. Inoltre, il 52% pensa che l'UE dovrebbe spingere per lo scenario citato in ultimo, rispetto al 18% che vuole che continui a sostenere il tentativo di riconquista di Kiev delle sue terre perdute. Se Trump venisse rieletto e riducesse il sostegno all'Ucraina, il 38% degli italiani vorrebbe che Roma facesse lo stesso, contro il 20% che vorrebbe che l'aiuto del loro paese rimanesse lo stesso e l'11% che spera che l'aiuto dell'UE sostituisca quello degli Stati Uniti.

L'ultimo dato significativo è che solo il 21% ritiene che l'UE abbia giocato un ruolo positivo in questo conflitto, mentre quasi il doppio (40%) ritiene che sia stato negativo. Rispetto a Francia e Germania, l'Italia ha un approccio molto più pragmatico e pacifico verso questo conflitto, con la Spagna che la rivaleggia solo in parte secondo il sondaggio, ma l'Italia è ancora molto avanti nella maggior parte di questi parametri. Non è nemmeno un attore economico o geopolitico insignificante, ed è per questo che gli eurocrati sono così spaventati.

L'articolo del FT conclude suggerendo che questi sentimenti potrebbero rendere più difficile per il Presidente del Consiglio Meloni, che ha stretto un accordo di sicurezza con l'Ucraina durante il fine settimana e ha accennato agli interessi del suo paese nei Balcani e in Africa, modernizzare le forze armate e rifornire le scorte esaurite. Sebbene ciò sia possibile, la tendenza più recente in Europa al giorno d'oggi, guidata dall'esempio tedesco, è che i leader vadano contro la volontà del loro popolo per promulgare politiche impopolari, comprese quelle militari.

Pertanto, non si dovrebbe dare per scontato che l'opinione pubblica influenzerà la formulazione della politica statale in questo senso, ma nel caso lo facesse, il FT sta già spargendo la narrativa della disinformazione secondo cui sarebbe il risultato dell'ingerenza e della propaganda russa. Questo è un insulto a quegli italiani che si sono allontanati indipendentemente dal conflitto ucraino e ora sono scettici su argomenti correlati come i piani di modernizzazione militare, ma la condiscendenza è tipica degli eurocrati e dei loro portavoce come il FT.

Traduzione de l'AntiDiplomatico 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti