/ America Latina: un nuovo modello di controinsurrezione per la reg...

America Latina: un nuovo modello di controinsurrezione per la regione?

 


Mision Verdad

L'ambiguità è stato il segno politico del governo di Lenín Moreno da quando è entrato in carica, affrontando allo stesso tempo il non riconoscimento, la protesta e il fallito tentativo di destabilizzare i partiti e i settori oligarchici (media, finanze) che lo avevano attaccato quando era stato eletto e che ora sono la base politica che lo sostiene.

 
Lo stesso si può dire di coloro che "a sinistra" e nell'ambito del complesso industriale delle ONG o dei movimenti identitari che all'epoca erano anche in opposizione politica alla “Rivoluzione dei cittadini”, sotto la direzione del presidente Correa. E che dopo il breve ma intenso (primo?) ciclo di proteste è ora effettivamente distribuito in quello che si è rivelato essere anche il processo di ufficializzazione di un'opposizione controllata.
 
Un circolo vizioso in cui la “relazione” è autogestita e ha prodotto quella dissonanza che ha portato a negoziare con una parte dell'opposizione mentre espressamente ha bandito l'altra.

 
Il punto è che l'ovvio processo di smantellamento nazionale che l'Ecuador sta attraversando oggi, che Lenin Moreno ha iniziato una volta nominato presidente e con Rafael Correa, il leader della rivoluzione dei cittadini e del il suo partito, Alianza País, che ha lasciato il paese mentre si rompono le relazioni politiche.
 
Quest'ultimo, il partito, il primo punto focale indispensabile della divisione perché l'amministrazione Moreno potesse avviare la sua apparente politica di ambiguità, che in sostanza è una demolizione controllata in cui, nel profondo, il paese entra in una fase di entropia sociopolitica.
 
Allo stesso modo, nella dimensione delle grandi potenze, l'Ecuador ha preso l'autostrada del riallineamento verso gli Stati Uniti, forse a una velocità che persino lo stesso Moreno sospettava di raggiungere.
 
Tuttavia, a fronte della chiusura del ciclo che, ad esempio, rappresenta le prossime elezioni in Argentina, la velocità distruttiva, vista nel suo insieme (Ecuador, Brasile), è un modello comune della corsa per invertire il maggior numero di conquiste sociali o segni di indipendenza politica nella regione. Considerati come un gruppo, sono un compito storico chiaro e definito.
 
Macri, Moreno e Bolsonaro sono presidenti d’eccezione. Sono i sovrani dell'interregno descritti nella chiave gramsciana: l'esatto punto geografico tra ciò che muore e ciò che è nato, l'intervallo di sintomi malsani, privato della poesia idiota con cui sono stati fatti tentativi di sublimare la frase di Gramsci in passato.
 
 
 
 
Il crollo dei modelli in Perù e Cile, si muovono nella stessa direzione (e tutti i percorsi del desiderio oligarchico portano al FMI) fanno anche parte dell'ovvio momento di crisi del consenso neoliberale. E visti quelli che sembrano essere i modelli di gestione di quel conflitto, non solo #LosPueblosAwaken ma anche # LasOligarquías.
 
Il caso ecuadoriano, per l'area controversa in cui si trova, costituisce un sistema esemplificativo dei giochi di manipolazione della percezione, come nei giorni delle violenze, dal 2 al 13 ottobre, l'amministrazione del conflitto ha anche costituito, a quanto pare, sbloccare un rinnovato livello di reazione, un modello di contro-insurrezione intelligente attraverso il modo visibile in cui combinava risorse morbide con violenza pura e dura.
 
POLITICA DI CALCE E SABBIA
 
Alcuni fatti della gestione di Moreno sembrano gettare un’anticipazione di un modello nel processo di inversione che oggi ha portato all'FMI. Il 18 ottobre, il Fondo ha chiarito che si aspetta che il nuovo decreto continui ad andare avanti.
 
L'Ecuador è stato così esemplare nell'austerity che al centro della discussione soggetta al decreto c'è l'erogazione di una seconda tranche del prestito, poiché per l'FMI sono già state raggiunte le condizioni per proseguire le riforme.
 
Il punto è che la tattica del governo di "gestione della percezione" ha marciato meravigliosamente fintanto che non ha toccato immediatamente e direttamente il popolo, come ha fatto il decreto 833 e tutto ciò che esso implica.
 
Fino a quel momento, l'amministrazione Moreno, attraverso l'ambiguità, era stata in grado di pilotare parte dell'impatto sull'opinione pubblica oscurando tra gli estremi, avviando una riforma hardcore insieme a una misura "inclusiva" con un grande sostegno dall'eufemismo che chiamano "la comunità internazionale ".
 
Un modo, forse, per produrre distanza e indolenza per la costruzione del consenso. Moreno non ha il problema che Correa aveva con i media corporativi ecuadoriani. Pertanto, le misure di shock godono del vantaggio della trama trapuntata.
 
Il processo giudiziario contro Jorge Glas e contro Julian Assange, la migrazione venezuelana (e Chavismo, in un unico lotto indifferenziato) come capro espiatorio o le fasi aggravate della subordinazione dell'Ecuador al comando Sur statunitense e il suo processo di riapertura della regola delle basi militari sul suo territorio, non hanno lo stesso impatto della strada.
 
Alcune misure possono essere messe a tacere o astratte, in particolare se si tratta di qualcosa nel campo della politica estera o della "lotta contro la corruzione". L'agenda di comunicazione può essere coordinata mitigando alcuni effetti a beneficio della distanza, ma è dimostrato ancora una volta che ci sono limiti chiari una volta che entra in contatto con il concreto.
 
A questo punto, per controllare la situazione, è necessario combinare quelle risorse morbide con metodi duri.
 
La prima pietra miliare della politica di ambiguità si trova nel referendum vinto del 2018. La composizione del referendum (più "consultazione popolare") aveva cinque domande con criteri di cecchino che in modo non manifesto (ma esplicito) hanno attaccato direttamente il governo precedente, poiché ha "corretto" presunti aspetti in materia fiscale.
 
La "lotta contro la corruzione", contro la "rielezione indefinita", il rinnovo del Consiglio di partecipazione dei cittadini (un organo di controllo) sono stati combinati con la "protezione dei minori" e un emendamento "per vietare senza eccezioni l'estrazione di metalli in tutti palcoscenici, in aree protette, aree immateriali e centri urbani ", oltre a due domande non di approvazione, ma di" consultazione popolare ": la legge sugli utili di capitale e l'espansione territoriale del progetto Yasuní.
 
Una combinazione barocca di domande in cui coloro che hanno redditi più elevati sono assolti dalla responsabilità fiscale (Surplus Value Law), istituzionalizza / formalizza il divieto del governo precedente (corruzione, rielezione indefinita, Consiglio di partecipazione dei cittadini composto principalmente da funzionari del regime antico ) più questioni di soluzione facile e giustificazione morale immediata (infanzia, ecologia).
 
Così, una consultazione di alto livello politico con un peso determinante è divenuta una festa rosa di ingombro morale. Ma l'obiettivo principale è stato raggiunto (organizzare il campo di battaglia tra "il bene e il male"), mentre il secondario (le questioni universalmente e liberalmente corrette) è tornato all'irrilevanza contro il potere.
 
Come prodotto della "situazione umanitaria" in Venezuela, ma anche per la ricerca di "indipendenza" politica, l'Ecuador lascia l’Alba ad agosto 2018 e il mese successivo entra a far parte del Gruppo Lima.
 
Il paese passa un anno dopo al cartello politico / gruppo di pressione creato dal Ministero degli Esteri canadese una volta consolidata la nuova situazione interna. Tale è stato il desiderio di indipendenza di Moreno che entro luglio di quest'anno l'Alleanza per il Pacifico (il contrappeso ad Alba sollevato dagli Stati Uniti) apre le sue porte.
 
I ministri dell'Alleanza del Pacifico partecipano a gruppi di lavoro con stati di osservatore (Foto: Alleanza del Pacifico)



Il 2019 è l'anno in cui le "sottigliezze ossimoroniche" raggiungono dimensioni monumentali. Una breve raccolta può darci una misura di come appare uno schema piuttosto che una coincidenza nel tempo.
 
La velocità con cui l'amministrazione Moreno è progredita quest'anno può essere compresa da due importanti dati di contesto: scarso rendimento nelle elezioni sezionali e chiusura della barriera legale derivante dallo scandalo INA Papers, dove molti dei "Leninfuntionary" hanno iniziato a essere citati per quello che alla fine avrebbe portato a un processo per corruzione contro lo stesso Moreno. Elementi che indubbiamente hanno pesato nella decisione di accelerare i passaggi (che erano già in atto comunque).
 
Mentre il 24 febbraio viene alla luce la prima denuncia, quasi un mese dopo, il 30 marzo, il caso era già nelle mani di un giudice che aveva convocato 153 funzionari per testimoniare. Questo può essere preso come il nostro punto di partenza. Il punto di arrivo verrà sviluppato in dettaglio in seguito.
 
Parallelamente a questa situazione, i negoziati tra il governo e il FMI avevano già concordato un salvataggio finanziario pochi giorni prima dello scoppio dei documenti INA e, tra le due date, il governo annuncia la partenza dell'Ecuador da Unasur.
 
L'11 aprile, la minaccia di espellere Julian Assange, direttore e fondatore di Wikileaks, dall'ambasciata dove si rifugiava a Londra si è concretizzata.
L'11 giugno, Oswaldo Jarrín ha dichiarato in una conferenza stampa che le forze aeree degli Stati Uniti potranno utilizzare la pista di atterraggio dell'aeroporto dell'isola di San Cristóbal a Galapagos. Il ministro ha chiarito che sarà utilizzato solo dagli aeroplani con compiti di spionaggio e che si concentrerà sulla "lotta contro il traffico di droga". Già l'anno precedente il governo aveva concordato la creazione di un Ufficio per le indagini sui crimini transnazionali e, pochi mesi dopo, nel contesto delle Galapagos, un Ufficio per la cooperazione in materia di sicurezza con il Comando meridionale.
Ma il mese successivo, il 9 luglio, dopo un paio di sentenze della Corte costituzionale (vicino all'orbita dell'attuale presidente), viene approvato il matrimonio paritario.
Il 17 settembre, l'Assemblea nazionale ratifica l'effettivo ritiro dal paese di Unasur, dando un colpo fatale all'organizzazione regionale, il cui quartier generale si trovava proprio in mezzo al mondo (dove l'equatore segna zero gradi) alla periferia da Quito. Il ritiro delle strutture non ha risparmiato aggressioni simboliche, in particolare alle fotografie della statua di Nestor Kirchner.
Il giorno successivo arriva la notizia che l'Assemblea stessa depenalizza l'uso e la produzione di marijuana medica.
Il 1 ° ottobre, il governo riferisce di essere pronto a ritirarsi dall'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) dal 1 ° gennaio 2020.
Il 2 ottobre viene annunciato il pacchetto di riforme che continua il percorso verso l'ortodossia e l'austericidio (la partenza dell'OPEC si armonizza con la "responsabilità fiscale" dell'FMI), firmando il decreto esecutivo 833, che all'interno della combinazione di riforme, è stato incluso un drammatico aumento del prezzo del carburante, con le conseguenze sulla strada note a tutti.
Sono già passati cinque giorni a Guayaquil (i poteri che sostengono il governo hanno appreso la lezione storica, sapendo che mentre le cose stavano andando, se fosse rimasta a Quito, è caduta), il 12 ottobre, allo stesso tempo richiede un dialogo e decreta un tocco coprifuoco, militarizzando la capitale. Riconosce un'opposizione mentre l'altra, allo stesso tempo, la sopprime.
Come si evince da questa enumerazione incompleta, le decisioni di capovolgimento geopolitico o sociale si alternano o vengono attenuate con piccole concessioni politicamente corrette: la strumentalizzazione opportunistica delle rivendicazioni riguardanti i diritti di identità, nella teoria sociale " avanzata".
 
La sfumatura narcotica che mitiga il vero umore e gli scopi dell'amministrazione, in modo che ai media viene escluso il racconto di quello che sarebbe un volgare governo neoliberista, repressivo, autoritario e antinazionalista. Gestione della percezione. Un'operazione informativa. Una specie di dissonanza cognitiva concentrata e massiccia.
 
Ma, come detto sopra, ciò che può funzionare in una dimensione più distante di giorno in giorno non è efficace con le azioni politiche che impattano sulla vita quotidiana della società, lontano dagli andirivieni di ciò che si gioca nelle sale del potere.
 
Questo cambio di repertorio ha costretto un approccio più forte che ha favorito la gestione dei conflitti. Quello che ha dimostrato, soprattutto nella prima fase dal 2 al 7 ottobre, di mettere in atto l'amministrazione Moreno.
 
Cosa è che ha fatto in modo che in Ecuador le proteste delle strade fossero reindirizzato verso un altro porto, più sicuro per il governo che si era già dimostrato nient'altro che un veicolo dell'FMI e delle concentrazioni capitaliste?
 
La differenza essenziale tra un movimento e un altro si trova nello spostamento di coloro che hanno accompagnato senza durezza lo sviluppo di questa tattica fino al giorno delle proteste, dove ex alleati, almeno per un certo periodo, specialmente nella prima fase delle manifestazioni, sono stati collocati in campo antagonista, in opposizione al decreto.
 
Queste chiave di lettura potrebbero essere svelate ricostruendo approssimativamente una sequenza di eventi, concentrati più che sul comportamento dei media, analizzati qui.
 
CRONOLOGIA DELLA VIOLENZA POLITICA E DEL "LAVORO IN CORSO"
 

1) Prime reazioni delle parti in conflitto
 
Lo scoppio esplode attraverso l'anello più debole della catena: il sussidio alla benzina, un fattore essenziale di coesione sociale che è stato mantenuto per 10 anni sotto l'amministrazione di Rafael Correa.
 
Sapendo questo, lo Stato ecuadoriano doveva almeno anticipare la risposta del settore dei trasporti e di alcuni settori politici del paese. Tuttavia, alla luce delle decisioni estreme prese in termini di garanzia del controllo, possiamo dedurre che non immaginava l'espansione che avrebbe avuto a tutti i livelli sociali.
 
Il settore dei trasporti è stato il primo gruppo identificabile organizzato contro il decreto 833, a causa degli ovvi effetti dell'eliminazione della sovvenzione nella corporazione. E’ stato rapidamente represso combinando l'uso della polizia e della forza giudiziaria.
 
A poche ore dall'emissione del decreto, i trasportaori hanno annunciato uno sciopero indefinito iniziato in sincronia con l'applicazione della legge.
 
In due giorni, vengono neutralizzati e rimessi sotto la corsia. Molti dei leader degli scioperi vengono arrestati con processi discutibili.
 
Questo è il caso di Jorge Calderón, presidente di Fedotaxi a Quito; de Mesías Vicuña, segretario generale del sindacato dei conducenti ad Azuay; e di Manolo Solís, presidente della camera di trasporto di Cuenca, tutti con l'accusa di "paralizzare il servizio di trasporto".
 
Pagina 12, quotidiano argentino, ha scritto un articolo sulle irregolarità commesse nell'arresto di Calderón. Suo nipote, Alejandro Calderón, ha detto ai media che la causa non è andata avanti perché "la misura adottata dall'industria dei taxi stava cercando di sospendere le attività, non di paralizzarle. È una misura coperta dalla legge costituzionale".
 
L'efficace controllo dell'agitazione dei trasporti è in contrasto con le crescenti mobilitazioni degli ecuadoriani che stavano conquistando la capitale.
 
Le loro motivazioni non si fermavano in una misura specifica, ma erano l'espressione generalizzata di una popolazione che manifestava contro una crisi sistemica che comprendeva il problema economico, politico e sociale, come sintetizzato da Francisco Herrera Arauz, direttore generale del portale immediato dell'Ecuador, in un'intervista per Sputnik.
 
Per questo motivo, Moreno avanzò con il decreto dello stato di eccezione, riconoscendo la forza e la minaccia, non solo del gruppo dei trasporti che bloccava le strade in alcune aree del paese, ma degli ecuadoriani in generale che stavano scendendo nelle strade.
 
Alla fine lo stato di eccezione viene invocata per criminalizzare le proteste. Contrasta con il Venezuela, dove in diversi cicli, i livelli di violenza delle manifestazioni erano estreme, ma con la differenza cardinale che a Caracas e in altre città lo stato di eccezione non era stato decretato in nessun momento.
 
La ministro del governo, María Paula Romo (opposizione femminista e di sinistra al governo precedente), afferma che la decisione è presa per garantire la "mobilità di tutti i cittadini", gestendo la storia della salvaguardia dell'ordine pubblico.
 
Il ministro sarà al centro dell'attenzione mediatica i seguenti giorni per due motivi: riciclerà le misure repressive che verranno eseguite e promuoverà la teoria della cospirazione del "colpo di stato" coordinato da Rafael Correa e dal governo venezuelano. La "dura" dimostrazione di questa accusa sarà l'arresto dei 17 tassisti venezuelani, subito rilasciati a causa della mancanza di prove.
 
Il 4 ottobre, il ministro della Difesa Oswaldo Jarrín appare, insieme a Romo, per un primo bilancio dei due giorni di stato di eccezione: "Lo scopo fondamentale di ripristinare l'ordine e la pace sociale è stato raggiunto".
 
Jarrín appare nel rapporto della Commissione per la verità che raccoglie le violazioni dei diritti umani commesse nei governi prima di Rafael Correa. Sotto il suo comando, le forze armate e la polizia nazionale saranno coordinate per "ridurre l'intensità delle aggressioni e della violenza". È il canale diretto con gli Stati Uniti.
 
350 persone vengono arrestate, di cui 90 perseguite dal procuratore, a causa del vandalismo.
 
È sorprendente che questa istituzione rilasci Marlon Santi, uno dei leader indigeni che in seguito si siederà per parlare. Questione che non si accompagna alla persecuzione dei politici legati alla Revolucion Ciudadana.
 
In ogni caso, lo sciopero dei trasportatori termina ufficialmente quel giorno: 4 ottobre. Ma i movimenti indigeni vengono ad alleviarlo, rilevando il Conaie, il movimento meglio strutturato (budget, quadri operativi) e di portata nazionale.
 
Nel frattempo, gli eccessi della polizia stanno diventando virali all'interno e all'esterno del paese attraverso i social network, poiché i media privati e statali proiettano solo la narrazione dei manifestanti come saccheggiatore e terrorista.
  2) Il sistema immunitario delle istituzioni risponde
 
Ma questa fuga verso la barriera dei media costringe le istituzioni a stabilire una posizione.
L'accusa avvia un primo comunicato per gli eccessi della forza pubblica, che rimane solo nell'avvertimento che il codice penale sanziona queste extralimitazioni degli agenti di sicurezza, ma non vengono attivate indagini contro i loro membri.
 
L'ufficio del difensore civico fa anche eco all'equilibrio della violenza. Il 6 ottobre, ha pubblicato il seguente rapporto: "485 persone sono state arrestate a livello nazionale. Di questa cifra l'80% delle persone è stato rilasciato, il che evidenzia un uso eccessivo della forza da parte della polizia nazionale e delle forze armate".  
Da quel momento in poi, due realtà parallele si uniranno. Da un lato, quello del governo "dialoghista" che offre di stabilire un ponte con i gruppi indigeni in segno di protesta all'interno della capitale, sotto un cappello con le Nazioni Unite, la Chiesa cattolica e alcune università.
 
Dall'altro lato, quello che guiderà le forze di sicurezza nelle strade, una volta che Moreno lascerà Carondelet e si proteggerà nella città di Guayaquil.
 
Con il sostegno dell'OAS e protetto a Guayaquil, il governo di Moreno fa notare che Nicolás Maduro è responsabile di queste mobilitazioni: "Il satrapo di Maduro ha attivato il suo piano di destabilizzazione con Correa". Dà forza alla presunzione del colpo di stato e di conseguenza alle misure di sicurezza del caso.
 
La polizia e le forze armate stanno gonfiando gli eccessi e gli abusi sui civili, generalizzando il resto degli 11 giorni della giornata insurrezionale. Impongono il pacchetto del FMI con fuoco e sangue a spese della criminalizzazione delle proteste popolari e impediscono loro di avere una leadership politica dei gruppi politici collegati a Correa.
 
Ora il passo è quello di istituire le istituzioni che iniziano a negoziare con nazionalità e popoli, basandosi sull'iniziativa delle Nazioni Unite che viene offerta come mediatore per finalizzare il dialogo.
 
I leader dei movimenti indigeni, il secondo settore che continua a condurre le dimostrazioni, sono isolati dalle "idee estremiste", tra cui quella per chiedere le dimissioni di Moreno, che corre tra le fazioni dei loro gruppi.
 
In che modo il governo influenza la leadership di Conaie e di altri movimenti sociali? Gli fu consigliato almeno da un intermediario che conosceva molto bene la struttura e il comportamento dei movimenti indigeni, come apprese in seguito filtrando l'audio dell'ex rettore dell'Università andina, Enrique Ayala Mora, storico dirigente del Partito socialista dell'Ecuador e famoso proprietario terriero dalla provincia di Imbabura.
 
Inoltre, ci sono diverse attività svolte dal Segretariato per i Diritti Umani in relazione alle persone colpite dalla violenza, in seguito al parere delle organizzazioni internazionali per i diritti umani di conformarsi al profilo di "buona volontà": incontra i rettori del università che accolgono gli indigeni e accompagnano alcune delle donne detenute, valutando che i loro diritti sono garantiti nei centri di detenzione.
 
In questo modo, la narrazione continua a ridurre la crisi politica generalizzata a un conflitto sindacale indigeno.
 
Le università associate alla Chiesa cattolica svolgono un ruolo fondamentale: il loro intervento impedisce agli attacchi delle forze armate di lasciare maggiori vittime nei manifestanti indigeni, l'opposizione resa visibile dal governo di Quito.
 
Precisamente, la Pontificia Università Cattolica dell'Ecuador (PUCE) e l'Università Politecnica Salesiana ospitano gruppi indigeni, donne, bambini feriti, in particolare, che arrivano dall'interno del paese alla capitale ecuadoriana. Dichiarano le strutture del loro campus come "zona di pace".
 
Quando vengono attaccati con bombe ai gas lacrimogeni dalla polizia nazionale, immediatamente il rettore del PUCE, Fernando Ponce León, interviene riducendo la tensione della violenza ed evidenziando la "reazione corretta del ministro Romo".
 
María Romo emette persino delle scuse pubbliche per questo evento e ordina di indagare sugli agenti di polizia coinvolti. Quindi, intendiamo gli studiosi religiosi come articolatori in modo che la violenza venga interrotta nei punti focali necessari e possano verificarsi mediazioni. La distribuzione controllata dei ruoli "tra le parti" inizia ad armonizzarsi.
 
Il governo può facilmente rifugiarsi in queste istituzioni "autonome" senza affiliazione politica per dimostrare la propria disponibilità a comprendere con la controparte in conflitto.
 
 
c) Terzo atto: l'interlocutore "intermedio"
 
La Conaie si adatta come legittima opposizione: cosa può essere più antagonista, almeno in linea di principio e in astratto, per le società e gli interessi finanziari delle popolazioni native? Fu con loro e non con la comunità imprenditoriale che Moreno stava creando canali per il consenso.
 
Tuttavia, nessuna delle molteplici richieste sono divenute un blocco omogeneo di rifiuto del modello neoliberista. La risoluzione finale non è stata superata dai margini imposti dal governo. Solo le idee di dimissioni di Moreno, altri alti funzionari militari e Jarrín e Romo dei rispettivi portafogli, o il rovesciamento totale del pacchetto, sono stati etichettati come "correistas", tracciando il posto della periferia "radicale", incontrollata, violento e supervisionato dal binomio Correa-Maduro.


Il tempo che trascorsero separandosi da questa forza politica per non essere sfollati da essa nella conduzione dell'epidemia, né per perdere la principale attenzione accordata loro dal governo, è stato sfruttato dal team di Moreno che ha portato portavoce compiacenti nei loro ranghi.
 
Salvador Quishpe è stato incaricato di consegnare una lettera a nome dei movimenti indigeni ai delegati delle Nazioni Unite in Ecuador.
  Quando si esamina il profilo di Quishpe, si comprende che il governo lo preferisce a scapito di altri portavoce: rende la condizione derogatoria più flessibile alla "almeno revisione" del documento e nel suo account Twitter lancia opinioni che lavano la colpa di Moreno, indicando che La repressione militare è dovuta alla pressione da parte di settori di destra che non le consentono di "riconciliarsi con il movimento indigeno".
 
Il controllo della destra imprenditoriale e bancaria è incredibile, che non consente al Presidente di prendere le proprie decisioni sulla revisione del decreto 886. A questi settori ritardati non interessa la vita delle persone, ma solo le loro tasche.
  Inizialmente il Conaie nega di aver accettato di negoziare, per poi accettare il dialogo dopo che le università coinvolte confermeranno l'incontro con le Nazioni Unite e convalideranno la lettera.
 
In questo modo, la Conaie, per i media rappresentati come "gli indigeni", passa a un processo di consenso in cui le regole sono stabilite dallo Stato. Partecipano solo all'abrogazione di un decreto (che sarà riformulato) e non vi è spazio per la consultazione su ciò che verrà a sostituire tale misura.
 
Quishpe, dall'altra parte della strada, ha messo il suo granello di sabbia per denunciare che il "correísmo" si era appropriato delle manifestazioni impedendo loro di negoziare. E il ruolo del Conaie, nella migliore delle ipotesi, per coincidenza, è stato ambiguo.
 
Primo oppositore dei governi di Correa, il Conaie non ha avuto problemi a schierarsi dalla parte del colpo di stato durante l'assalto del 2010. Nel 2013 ha sostenuto l'espulsione degli Usaid dall'Ecuador, ma qui si manifesta anche una relazione almeno contraddittoria pubblicamente, dal momento che né si può dire di aver chiuso le porte all'agenzia statunitense in passato.
 
Tuttavia, dato il loro punto di shock (il sussidio alla benzina) c'è una rettifica del governo (che già controlla i margini volatili), che convalida la narrazione della vittoria delle proteste.
 
Allo stesso modo, essere all'avanguardia delle richieste in quei giorni gli ha anche permesso di guadagnare un punto come opzione politica. L'annuncio di voler fondare un partito e apparire alle elezioni presidenziali del 2021 lo conferma. Una soluzione per la clientela vestita con un linguaggio virtuoso.
 
Ormeggiato nel settore morbido dell'opposizione, il governo Moreno dà il comando all'esercito di essere responsabile per spazzare il popolo lasciato nelle strade, coprifuoco e intensificare l'assedio contro i leader legati a "correísmo" che si è sviluppato in parallelo.
 
L'aumento della repressione era proporzionale all'entità della rivolta contro il governo. Il coprifuoco decretato a Quito l'8 ottobre era parallelo all'intermediazione delle Nazioni Unite, della Chiesa cattolica e delle università.
 
Il 9 ottobre, lo sciopero nazionale è stato formalizzato su iniziativa del Conaie, venduto nei media di ogni segno come "gli indigeni" e non come un gruppo politico con chiari interessi, accolto dai manifestanti a Quito. Il comando congiunto delle forze armate, a sua volta, raddoppia la scommessa esentandosi dalla responsabilità per le azioni che intraprenderebbero e assegnando le conseguenze dei prossimi giorni agli "attori che generano lo sconvolgimento sociale".
 
Le forze repressive si sono scagliate contro quella parte del paese che stava cercando un cambiamento radicale alla Fondomonetizzazione del governo e del paese.
 
4) Navigare nell'ambiguità: fare un nemico per le tue esigenze
 
A questo punto sarebbe necessario smettere di aggiungere informazioni sul contesto: l'uso progressivo della forza da parte degli agenti di sicurezza è entrato in discussione nel gennaio di quest'anno, quando una donna incinta è stata uccisa da un venezuelano mentre era circondata dalla polizia. Quindi, Maria Romo dichiarò che la morte della donna "avrebbe dovuto essere evitata con l'uso delle forze di polizia".
 
L'impatto causato nella popolazione, con una copertura che supportava le più selvagge sfumature di giallo che il sensazionalismo avrebbe potuto avere, non solo servì in quel momento ad approfondire la xenofobia contro i venezuelani, ma questo caso è servito anche per giustificare gli eccessi della polizia, ancor di più forzando l'idea di "infiltrati venezuelani" nelle proteste. Il tutto contro tutti a Ibarra a metà gennaio, a posteriori, è stato un test.
 
5) La "buona causa" dietro la violenza
 
La violenza protratta per più di una settimana non è passata inosservata davanti allo sguardo internazionale. Secondo l'Ufficio del Mediatore, gli 11 giorni di manifestazioni hanno provocato la morte di 7 persone, 1.340 feriti e 152 152 arrestati.
 
Misura che fu presa a caldo da Moreno per manovrare il suo mandato al potere. Quando la tensione sociale si attenua e il dialogo trova un canale, allontana il capo del comando congiunto delle forze armate, Roque Moreira, e il comandante dell'esercito, Javier Pérez, ma il suo ministro della sicurezza e il suo ministro della difesa restano al loro posto ( le sue dimissioni erano parte delle rivendicazioni delle proteste).
 
Questa apparente "finezza" potrebbe dirci di più sull'umore all'interno dell'esercito. Kintto Lucas afferma che la scissione non è solo sociale ma che "le forze armate non danno più il pieno sostegno" al governo di Lenín Moreno.
 
Quanto sarà il reale impatto del minare la sovranità, i nuovi accordi di sicurezza con gli Stati Uniti e il trattamento semi-ufficiale (rafforzato dal rinnovo del comando) dei responsabili della violenza nelle caserme e negli uffici di comando?
 
Sia Jarrín (nel 1969) che i due nuovi generali designati, Luis Lara e Luis Altamirano, seguirono i corsi alla School of the Americas come cadetti (rispettivamente nel 1982 e nel 1983).
 
María Paula Romo è messa in discussione dall'ondata di violenza segnata dallo spiegamento di agenti di sicurezza nelle strade. Allo stesso modo, l'Associazione venezuelana in Ecuador sta facendo una campagna per ritirare false accuse contro i venezuelani e la loro detenzione arbitraria.
 
Da parte sua, il ministro della Difesa ha scatenato polemiche in uno dei punti più alti delle proteste viralizzando un video in cui minaccia l'uso di armi letali per proteggere le "strutture strategiche" dei cittadini ecuadoriani che si qualifica come terroristi.
 
"Non dimenticare che abbiamo esperienza di guerra", ha avvertito, facendo chiare allusioni al cosiddetto Conflitto della False Paquisha (1981) e alla Guerra di Cenepa (1995), due guerre di confine con il Perù in aree remote e scarsamente popolate, dove Jarrín era Capo delle operazioni del secondo. Esisteva un armamento letale, contro i civili (e alla fine in difesa di un'entità internazionale), e difficilmente poteva essere considerato equivalente a una guerra tra eserciti professionali in un Advanced Theatre of Operations.
 
6) Saldi gattopardiani
 
È molto difficile immaginare che il governo non abbia considerato nei suoi calcoli la dimensione che la risposta in strada potrebbe avere rispetto alle misure contemplate dal decreto 833; si poteva ammettere che non era prevista una reazione in grado di evacuare la sede del governo, lo stesso nella vera composizione demografica delle mobilitazioni e delle proteste, molto più ampia e meno limitata del risultato finale, chiaramente capitalizzato dalla Conaie, garantendo che la leadership di base aveva molto a che fare con quella che considerava la leadership istituzionalizzata dell'organizzazione.
 
Fu una rivolta popolare con tutte le sue lettere, con il suo carico diffuso sulla guida (non c'era direzione politica, ma sindacale) in cui il governo poteva anticipare in aspetti essenziali, se consideriamo che nel trattamento delle informazioni, gli attori dei media si sono fatti avanti agli eventi che delineano il filo narrativo confermatamente predeterminato che porta al dialogo, alla divisione della protesta, ai progressi nella detenzione / repressione dell'alto comando della Revolucion Ciudadana ancora nel paese, abrogando il famoso decreto (per ora), mantenendo l'attuale governo al potere e pacificando il paese.
 
In termini, ad esempio, di guerra ibrida, il governo è stato in grado di interrompere il ciclo OODA (Observe, Organize, Decide, Act) o il principio di mobilitazione di Floyd.
 
Questo è stato calcolato come un contraccolpo, perché era previsto un colpo di forza. E il grado di successo (anche se è di breve durata) lo vediamo in questo, andando indietro con la misura, è avanzato in altri modi: neutralizzando gli avversari, sterilizzando il contenuto politico e le responsabilità dirette delle misure, nel sistema di privilegi in cui il Conaie è uscito come il principale vincitore (con un gioco nuovo di zecca) mentre l'idea che "gli indigeni" (una mezza verità) trasformasse la partita è stata venduta con tutta l'efficacia. Una situazione seguita da vicino (supervisionata?) dagli Stati Uniti.
 
Ma per arrivare a questo punto, in breve,
 
hanno avuto il tempo di contenere per mesi le prove del processo di consegna del paese;
stavano formulando un nuovo nemico interno ibrido, una combinazione di migrazione venezuelana e "correísmo" (avevano avuto l'opportunità di testarlo, mesi prima);
hanno fatto passi da gigante nella riforma strutturale dell'economia, al punto da essere elogiata dallo stesso FMI;
sono stati in grado di testare la capacità di risposta, la forza, l'organizzazione e la logistica della popolazione per possibili scenari futuri;
sono diventati l'epicentro di una manovra diplomatica che ora cercano di estendere al resto della regione, gettando le basi per una nuova idea di sicurezza regionale emergente;
L'esperienza recente costituisce un modello di esportazione, capace di muoversi nelle acque del Gatopard, "cambiando tutto in modo che tutto rimanga uguale";
mentre il ritorno del sequestro è garantito, così Moreno lascia indebolito ma alla luce dei mezzi "rinnovati" nella sua posizione di potere, e il FMI, come sempre, intatto.
 
UN RINNOVATO MODELLO DI DOTTRINA DI SICUREZZA NAZIONALE PER L'ERA DELLA RABBIA?
 
"Di fronte a questa imminente minaccia, le forze armate continueranno a prepararsi a distruggere l'intenzione di imporre, attraverso la sovversione urbana e il terrorismo, i loro interessi criminali"
Fidel Araujo, maggiore dell'esercito processato per l'assalto del 30 settembre 2010.
 
Il 22 ottobre, il giornale Expreso pubblica una nota dal titolo "La difesa si sta preparando ad affrontare l'insurrezione" con il titolo abbreviato "I cambiamenti nella cupola [militare] puntano a tale obiettivo. L'ultimo sciopero ha evidenziato gruppi violenti".
 
"Nel paese ci sono gruppi di ribelli, è la nuova realtà dell'Ecuador. È stato riflesso dalle azioni violente che i gruppi criminali hanno compiuto nella protesta indigena che ha paralizzato il paese per quasi 12 giorni e ha lasciato sei morti, oltre 1.300 feriti e un numero simile di arrestato ", apre la nota.
 
In una sosta militare dove si è presentato al nuovo comando dell'esercito e dello stato maggiore, il ministro Jarrín ha dichiarato che "l'obiettivo concreto" è "affrontare l'insurrezione del paese", poiché, secondo le notizie, la gestione è una preoccupazione della crisi, dato che il ministro ha condotto visite negli Stati Uniti e nel Regno Unito per conoscere i modelli di uscita di crisi che offrono in quei paesi.
 
"Inoltre, per sapere come agire in atti di terrorismo, una commissione si è recata in Spagna e Israele per apprendere come i piani sono sviluppati e gestiti in situazioni di antiterrorismo. Cerca di prevenire e anticipare situazioni come quelle che si sono verificate nello sciopero", afferma. Nota espressa.
 
Il presidente cileno, Sebastián Piñera, ha dichiarato nel contesto delle proteste sociali che il suo governo (che potrebbe essere letto come un'estensione dell'oligarchia neoliberista che lo controlla) è in guerra "contro un nemico potente, che è disposto a usare la violenza senza nessun limite "aggiungendo che" siamo ben consapevoli che hanno un grado di organizzazione, logistica, tipico di un'organizzazione criminale ".
 
Per un po 'di tempo, dalla Colombia all'Argentina, al Forum di San Paolo è stato assegnato un ruolo di governo, che secondo questa logica della cospirazione attualmente opererebbe in un'istanza parallela, il Gruppo Puebla, per "minare le basi" del Gruppo di Lima. Questa specie di esaltazione fondamentalista promuove il circuito di politici, combattenti mediatici e soldati della guerra fredda imbevuti, come lo stesso Jarrín, di questa narrazione.
 
Poiché sembra essere una condizione sine qua non che a rischio, come a livello di governo, casi come l'Ecuadoriano che nell'attuale riallineamento politico della vita, lo stesso accade anche a livello individuale dei presidenti, qualcosa che diventa una battaglia esistenziale, in cui gli ordini emessi dall'ambasciata probabilmente devono essere adempiuti.
 
Macri, Moreno, Bolsonaro (più Cunha e Temer), Duque (e Uribismo), Fujimori e il governo di Vizcarra, Mario Abdo Terán, Juan Orlando Hernández e apparentemente Juan Guaidó, sono tutti appesi in un filo giudiziario con due fili molto pesanti, al punto che, non seguendo la linea, in un istante cadono in prigione se i gringos lo vogliono.
 
Pertanto, un'estrema combinazione di necro-politica, capitalismo di zombi e collettività di colletti bianchi guida i governi che ora toccano i limiti del metabolismo neoliberista. Il caso ecuadoriano è descrittivo poiché, a differenza del Cile, si trova in una chiara situazione di transito tra il paradigma del cambiamento di epoca e quello del restauro neoliberista. E il Cile è la culla dell'esperimento neoliberista.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa