Assad: la vittoria della Russia è anche quella della Siria

Assad: la vittoria della Russia è anche quella della Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato oggi un'intervista alla rete Russia Today in cui ha affermato che la Siria resisterà a qualsiasi invasione turca contro il suo territorio e ha ribadito che qualsiasi pezzo di terra siriana occupato dai turchi o dai terroristi saranno liberati.

Ha anche ricordato che la forza della Russia oggi contribuisce a ristabilire l'equilibrio internazionale e ha sottolineato che la Siria trarrà vantaggio dalla vittoria della Russia come Paese alleato".

Ha rivelato nell'intervista che le relazioni tra la Siria ei paesi arabi durante la guerra non sono cambiate molto nella sostanza, poiché la maggior parte di questi paesi ha mantenuto il proprio rapporto con Damasco e l'ha sostenuta moralmente.

La vittoria della Russia è anche quella della Siria

Il presidente siriano ha spiegato che "la Russia sta affrontando una guerra iniziata non solo con l'espansione della NATO, ma molto prima del comunismo e della prima guerra mondiale".

"È una guerra continua e la forza della Russia oggi contribuisce a recuperare l'equilibrio internazionale (...) La Russia è un alleato e se vincerà la sua guerra guadagnerà più forza sulla scena internazionale e questo avvantaggia la Siria e i piccoli paesi".

Inoltre, per il leader siriano il Consiglio di sicurezza è controllato dalle potenze occidentali, guidate in particolare dagli Stati Uniti, e che l'ordine unipolare iniziò dopo la Seconda guerra mondiale e si rifletteva nella conferenza di Bretton Woods, che fece del dollaro il leader mondiale in termini di monetari.

Senza il dollaro, gli Stati Uniti non saranno in alcun modo una superpotenza

D'altra parte, ha assicurato che senza il dollaro gli Stati Uniti non sarebbero in alcun modo una superpotenza. "Il dollaro rimarrà un mezzo di blocco fintanto che sarà una valuta globale", ha affermato.

"Gli americani hanno promesso dopo la guerra mondiale che il dollaro avrebbe avuto un saldo aureo e all'inizio degli anni '70 gli Stati Uniti hanno deciso di separare il dollaro dall'oro, e così è diventato carta senza valore, ma gli Stati Uniti possono comprare tutto ciò che vuoi da tutto il mondo con questa carta senza valore, questa è una vera rapina, e questa rapina vale per tutti. Oggi gli Stati Uniti hanno alzato il tasso di interesse e così tutte le altre valute sono scese, e i paesi economicamente più deboli sono stati colpiti".

Ha assicurato che questo dollaro continuerà ad essere un mezzo d'assedio finché rimarrà una valuta globale e finché questo dollaro passerà attraverso le banche statunitensi o la cosiddetta Federal Reserve statunitense, e attraverso di esse, i paesi continueranno a essere alla mercé di questo dollaro come popoli, società ed economie.

La Siria resisterà all'invasione turca

Assad ha ribadito che la Siria resisterà a qualsiasi invasione turca dei suoi territori e che, in caso di invasione, ci sarà una resistenza popolare nella prima fase.

"È naturale che ci sia resistenza popolare quando c'è territorio occupato e se le circostanze sono favorevoli per uno scontro diretto, lo faremo".

“Due anni e mezzo fa c'è stato uno scontro diretto tra l'esercito siriano e quello turco e l'esercito siriano è riuscito a distruggere alcuni obiettivi delle forze turche che sono entrate in territorio siriano e questo avverrà anche con altre potenze occupanti secondo le nostre capacità, e l'altra alternativa sarebbe la resistenza popolare”, ha ricordato.

Quanto alla provincia di Idlib, Assad ha risposto che è come qualsiasi altra terra occupata ed è soggetta ai piani politici e militari siriani per la liberazione. "La questione è risolta, qualsiasi terra occupata da turchi o terroristi sarà liberata nel tempo".

Le relazioni della Siria con qualsiasi Paese non sono in discussione

Ha rivelato che le relazioni tra la Siria e i paesi arabi durante la guerra non sono cambiate molto in sostanza, poiché la maggior parte di questi paesi ha mantenuto le proprie relazioni con Damasco e l'ha sostenuta moralmente.

"I paesi arabi in generale sono soggetti a pressioni esterne e quindi il ritorno della Siria o l'annullamento della sospensione della sua appartenenza alla Lega Araba diventa qualcosa di minore che potrebbe avere dei vantaggi, ma non scommettiamo su questo,” ha chiarito.

Ha aggiunto che le relazioni della Siria con nessun paese non sono oggetto di dibattito con nessuna parte in questo mondo.

Nessuno determina con chi costruisce relazioni e con chi no, non interferiscono nelle nostre decisioni e noi non interferiamo nelle loro decisioni. Questa questione non è negoziabile e non è sul tavolo, l'abbiamo addirittura respinta dall'inizio quando è stata sollevata", ha spiegato.

Riguardo al prossimo vertice arabo che si terrà in Algeria, il presidente ha commentato che "l'unico peso di questo vertice sarà che si terrà in Algeria". Questo è un dato di fatto perché le relazioni della Siria con l'Algeria in ogni circostanza dall'indipendenza dai francesi a dall'inizio degli anni Settanta ad oggi è un rapporto stabile”.

Ha evidenziato come che la Lega Araba non ha ottenuto nulla negli ultimi tre decenni, ma ha fornito copertura per l'aggressione contro Libia, Siria e altre nazioni.

“Sarò felice di visitare qualsiasi Paese arabo, ma questo non avviene senza un invito. "È naturale ed ovvio che penso di visitare i Paesi arabi, perché nonostante tutta la brutta situazione araba, dobbiamo mitigare i danni ed evitare ulteriori cadute, il dialogo con i Paesi arabi e con i funzionari arabi è essenziale".

Il processo di ricostruzione è iniziato, anche se in un quadro ristretto

Assad ha precisato che il processo di ricostruzione è iniziato, anche se in un quadro ristretto, o attraverso investitori, aziende e persone che stanno ricostruendo le loro strutture, oppure attraverso lo Stato, che sta ricostruendo le principali arterie della vita economica in alcune importanti città.

Ha denunciato che ci sono tentativi di colpire ogni passo che Damasco compie nel campo dello sviluppo. "Abbiamo la capacità di affrontare tutti questi tentativi che vengono dall'estero per fermare la crescita in Siria".

In un contesto correlato, ha affermato che l'assistenza sanitaria rimane gratuita e l'istruzione rimane la stessa nonostante l'abbassamento del livello dovuto alle circostanze; e allo stesso modo, il sussidio rimane fondamentale per la politica del governo.

Per noi il terrorista è l'esercito israeliano

Il presidente al-Assad ha sottolineato che "per noi, il terrorista rappresenta l'esercito israeliano, e quando questo terrorista ha iniziato a fare marcia indietro e il loro morale è crollato, è servito l'intervento di Israele per alzare il loro morale e mobilitarlo di nuovo, e le azioni di" Israele" si verificano in questo contesto e non in qualsiasi altro".

"In Siria, dall'inizio del processo di pace negli anni '90, abbiamo respinto il termine normalizzazione e consideriamo il suo obiettivo quello di incoraggiare gli arabi a fare concessioni a 'Israele' per niente", ha così risposto Assad alla domanda sulla normalizzazione delle relazioni arabe con Israele.

Ritiene che le normali relazioni siano legate al processo di pace. "Il processo di pace è legato al ritorno dei diritti, questa è una questione risolta", ha aggiunto

"Siamo contrari al rapporto con Israele, da quando è iniziato con l'Egitto a metà degli anni '70 e fino ad oggi, e penso che la normalizzazione abbia danneggiato la nostra causa siriana e anche quella palestinese".

Ha concluso l'intervista ribadendo che la Siria non cambierà posizione finché avrà un territorio occupato, e quando tornerà il Golan parleremo di relazioni normali che rispondono alla volontà del popolo e di come le vuole.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti