Base “militare” cinese a Gibuti: si pensa ad una rivoluzione colorata?

Base “militare” cinese a Gibuti: si pensa ad una rivoluzione colorata?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Una delle possibili risposte diversificate della Cina popolare al terrorismo di matrice islamica che l’ha colpita direttamente (esecuzione dell’ostaggio da parte dell’Isis e morte di tre dirigenti di una azienda statale nell’attentato in Mali) è quella di aumentare la propria presenza militare in aree/rotte commerciali strategiche e approfondire l’impegno in missioni internazionali come quelle contro la pirateria.

In questo quadro rientra l’accordo con Gibuti, Paese africano situato nel golfo di Aden all’ingresso del Mar Rossi e di fronte al martoriato Yemen, per la costruzione di strutture militari di supporto ad una flotta che in questi anni ha effettuato missioni di scorta con 21 flotte impegnando più di 60 navi. La notizia ha ovviamente destato l’attenzione della stampa di tutto il mondo, sebbene proprio Gibuti da anni ospiti una grande base militare Usa con 4.000 militari, perché indicativa della reale messa in opera delle nuove priorità di Pechino nella sua proiezione estera: la protezione dei propri interessi economici e della sicurezza dei propri cittadini all’estero. 

E non può essere certo un caso che proprio ora, diversi quotidiani, puntino il dito accusatore verso il piccolo Stato africano (che, ripetiamo, da anni ospita basi militari Usa e francesi), il cui presidente Gulleh, al potere da 16 anni, è a capo di uno dei "regimi più repressivi" d'Africa colpevole di aver schiacciato ogni forza di opposizione e ogni forma di informazione indipendente. Che dite, dopo 16 anni di altrettanto silenzio, esportiamo un poco di democrazia?
 
Diego Angelo Bertozzi

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti