Bielorussia, Nagorno-Karabakh e adesso Kirghizistan. L'accerchiamento della Russia

Bielorussia, Nagorno-Karabakh e adesso Kirghizistan. L'accerchiamento della Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Quanto accade in Kirghizistan sarebbe strettamente legato all’obiettivo di cingere la Russia d’instabilità. Quindi vi sarebbe un solo filo rosso a legare Bielorussia, Nagorno-Karabakh dove Armenia e Azerbaigian sono allo scontro militare aperto e adesso il Kirghizistan.

 

A spiegarlo è Il vicepresidente della Commissione per gli affari internazionali della Camera dei rappresentanti dell'Assemblea nazionale bielorussa Oleg Gaidukevich ai microfoni dell’agenzia BelTa: “C'è anche l'aspetto della politica estera da considerare. Pensate alla Bielorussia: un tentativo di forze straniere di inscenare una rivoluzione colorata e interferire. Poi c'è il Nagorno-Karabakh e il Kirghizistan. Vediamo perfettamente come alcune forze stiano cercando di creare una zona di instabilità intorno alla Russia. È il risultato del confronto geopolitico. Ci saranno elezioni negli USA. Il risultato non è ancora chiaro. Il mondo viene nuovamente diviso. È in corso una lotta per le zone di influenza. E la Bielorussia è nel bel mezzo di esso perché siamo un paese europeo”.

 

Il parlamentare bielorusso ha inoltre affermato che “se una rivoluzione colorata è consentita in un paese, ne seguirà un'altra. Lasciatemi spiegare perché. È avvenuta una rivoluzione. Un colpo di Stato. Se alcune persone possono organizzare una rivoluzione, perché altre persone non possono fare lo stesso? Significa che accadrà di nuovo tra un anno o due. Lo vediamo nei paesi dell'ex Unione Sovietica. Parliamo ad esempio dell'Ucraina. Quante rivoluzioni colorate e colpi di Stato ci sono già stati? Lo stesso vale per il Kirghizistan. Non parlerò di ciò che tutti sanno già. Un sistema di clan, famiglie che combattono altre famiglie, combattimenti tra il nord e il sud: tutto esiste. Ma la cosa più importante è che hanno permesso che accadesse una volta”. 

 

Che fare adesso. Secondo Gaidukevich a questo punto la Bielorussia dovrebbe pensare al proprio consolidamento per poi passare alle “riforme politiche, la modifica della Costituzione. In secondo luogo, dobbiamo prevenire le interferenze straniere. Terzo, dovremmo collaborare con la Russia per rafforzare le relazioni tra gli Stati dell'Unione perché comprendiamo cosa significano e qual è la posta in gioco. E, cosa più importante, più forti sono le relazioni tra Stati dell'Unione, più forte è la nostra sovranità”.  

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti