Bielorussia, Nagorno-Karabakh e adesso Kirghizistan. L'accerchiamento della Russia

Bielorussia, Nagorno-Karabakh e adesso Kirghizistan. L'accerchiamento della Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Quanto accade in Kirghizistan sarebbe strettamente legato all’obiettivo di cingere la Russia d’instabilità. Quindi vi sarebbe un solo filo rosso a legare Bielorussia, Nagorno-Karabakh dove Armenia e Azerbaigian sono allo scontro militare aperto e adesso il Kirghizistan.

 

A spiegarlo è Il vicepresidente della Commissione per gli affari internazionali della Camera dei rappresentanti dell'Assemblea nazionale bielorussa Oleg Gaidukevich ai microfoni dell’agenzia BelTa: “C'è anche l'aspetto della politica estera da considerare. Pensate alla Bielorussia: un tentativo di forze straniere di inscenare una rivoluzione colorata e interferire. Poi c'è il Nagorno-Karabakh e il Kirghizistan. Vediamo perfettamente come alcune forze stiano cercando di creare una zona di instabilità intorno alla Russia. È il risultato del confronto geopolitico. Ci saranno elezioni negli USA. Il risultato non è ancora chiaro. Il mondo viene nuovamente diviso. È in corso una lotta per le zone di influenza. E la Bielorussia è nel bel mezzo di esso perché siamo un paese europeo”.

 

Il parlamentare bielorusso ha inoltre affermato che “se una rivoluzione colorata è consentita in un paese, ne seguirà un'altra. Lasciatemi spiegare perché. È avvenuta una rivoluzione. Un colpo di Stato. Se alcune persone possono organizzare una rivoluzione, perché altre persone non possono fare lo stesso? Significa che accadrà di nuovo tra un anno o due. Lo vediamo nei paesi dell'ex Unione Sovietica. Parliamo ad esempio dell'Ucraina. Quante rivoluzioni colorate e colpi di Stato ci sono già stati? Lo stesso vale per il Kirghizistan. Non parlerò di ciò che tutti sanno già. Un sistema di clan, famiglie che combattono altre famiglie, combattimenti tra il nord e il sud: tutto esiste. Ma la cosa più importante è che hanno permesso che accadesse una volta”. 

 

Che fare adesso. Secondo Gaidukevich a questo punto la Bielorussia dovrebbe pensare al proprio consolidamento per poi passare alle “riforme politiche, la modifica della Costituzione. In secondo luogo, dobbiamo prevenire le interferenze straniere. Terzo, dovremmo collaborare con la Russia per rafforzare le relazioni tra gli Stati dell'Unione perché comprendiamo cosa significano e qual è la posta in gioco. E, cosa più importante, più forti sono le relazioni tra Stati dell'Unione, più forte è la nostra sovranità”.  

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti