Black Lives Matter a difesa della sovranità e autodeterminazione di Cuba

Black Lives Matter a difesa della sovranità e autodeterminazione di Cuba

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Attraverso un comunicato il movimento Black Lives Matter ha condannato «l’inumano» comportamento del governo statunitense nei confronti del popolo cubano costretto a patire indicibili sofferenze a causa di un criminale embargo, in vigore da oltre sessant’anni, perché ha deciso di scegliere la strada della sovranità e dell’autodeterminazione. 

Questo il comunicato:

«Black Lives Matter condanna l’inumano trattamento del governo USA contro i cubani, e chiede che con urgenza sia rimosso l’embargo. Questa politica crudele e inumana, istituita con l’esplicita intenzione di destabilizzare il paese e impedire ai cubani di scegliere il loro governo, è il cuore della crisi attuale. Dal 1962 gli Stati Uniti hanno imposto dolore e sofferenza al popolo cubano bloccando forniture di cibo, medicine e approvvigionamenti, cagionando alla piccola nazione insulare un danno di 130 miliardi di dollari. 

Senza questo denaro, è difficile per Cuba acquistare il materiale sanitario necessario alla produzione dei propri vaccini contro il Covid-19 e gli strumenti per la produzione di cibo. Nonostante questo il paese ha creato una ottima assistenza sanitaria e inviato i propri medici e infermieri in ogni parte del mondo dove è avvenuto un disastro. 

Il popolo di Cuba subisce la punizione del governo USA perché ha mantenuto sovranità e autodeterminazione. I leader statunitensi hanno provato per decenni a rovesciare questa Rivoluzione.  Invece di amicizia, rispetto e cooperazione, il governo degli Stati Uniti ha provocato sofferenze a 11 milioni di persone - 4 milioni dei quali neri e mulatti. 

Cuba ha storicamente dimostrato solidarietà ai popoli oppressi afro-discendenti, proteggendo rivoluzionari come Assata Shakur concedendogli asilo politico, supportando la lotta di liberazione dei neri in Angola, Mozambico, Guinea Bissau e Sudafrica. 

Chiediamo al presidente Biden la fine dell’embargo. L’embargo è una clamorosa violazione dei diritti umani e deve finire». 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti