Bolivia: Arce afferma di aver avvisato Evo del tentativo di golpe

Bolivia: Arce afferma di aver avvisato Evo del tentativo di golpe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un incontro con i giornalisti nella Casa Grande del Pueblo, il presidente Luis Arce ha rivelato di aver avuto una "conversazione di un secondo" con Evo Morales per avvertirlo che si stava preparando un "colpo di Stato" e che avrebbe dovuto "prendere precauzioni".

"Era chiaro che stavano venendo per me e poi per lui", ha detto il presidente, quando gli è stato chiesto se avesse parlato con l'ex presidente, con il quale ha marcate differenze per quanto riguarda il controllo del Movimento verso il Socialismo (MAS).

Arce ha confermato che la principale differenza con Morales è che "noi crediamo che lo strumento politico appartenga alle organizzazioni sociali"; tuttavia, ha indicato di aver messo da parte le divergenze per metterlo in guardia dal "golpe".

"L'ho avvertito che stava avvenendo il colpo di Stato, perché era chiaro che stavano venendo per me ed era chiaro anche che stavano venendo per lui. L'ho chiamato per avvertirlo di prendere precauzioni", ha spiegato Arce.

Ha aggiunto che si è trattato di una "conversazione di pochi secondi" perché ha dovuto rispondere ad altre chiamate e messaggi su quanto stava accadendo nella Plaza Murillo di La Paz.

Nella sua conferenza stampa di giovedì, Arce ha ribadito la sua denuncia di un "tentativo di colpo di Stato" e ha respinto le versioni che indicano un "autogolpe", menzionando che il generale ha espresso il suo fastidio per il suo licenziamento, di cui era già a conoscenza prima del movimento militare.

Lula in Bolivia

Il Presidente brasiliano Lula Da Silva ha reso noto che visiterà la Bolivia il 9 luglio per "rafforzare (Luis) Arce e la democrazia", dopo il fallito colpo di Stato del 26 giugno. Incontrerà anche gli imprenditori boliviani per dimostrare che "solo la democrazia è in grado di far crescere la Bolivia".

"Sono contro il colpo di Stato, sono a favore della democrazia, per questo vado lì per rafforzare Luis Arce, per rafforzare la democrazia e per mostrare agli uomini d'affari che è molto importante che la Bolivia continui ad essere governata democraticamente", ha sottolineato giovedì Lula Da Silva in un'intervista a Radio Itatiaia.

"Conosco bene Evo (Morales), conosco bene Luis Arce, sono amico di entrambi, da prima che fossero presidenti, da prima che io fossi presidente. Il 9 sarò a Santa Cruz de La Sierra", ha dichiarato Lula.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti