Caitlin Johnstone - Quello che la Casa Bianca teme con la tregua a Gaza

Caitlin Johnstone - Quello che la Casa Bianca teme con la tregua a Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Caitlin Johnstone


Israele e Hamas avrebbero concordato un cessate il fuoco di quattro giorni che prevede il rilascio di 50 ostaggi detenuti da Hamas in cambio di 150 ostaggi detenuti dalle forze israeliane. 

In un articolo intitolato "I funzionari dell'amministrazione Biden vedono la prova che la loro strategia sta funzionando nell'accordo sugli ostaggi", Politico descrive l'accordo come "la più grande vittoria diplomatica dell'amministrazione durante il conflitto" e riferisce che i funzionari della Casa Bianca lo definiscono una "rivendicazione" del processo decisionale di Biden - un livello di vanagloria del tutto inappropriato per un risultato minimo come quello di non uccidere bambini per qualche giorno (e che in realtà è stato negoziato dal Qatar).

In molti paragrafi di questo articolo è riportata una frase che sta ricevendo molta attenzione sui social media, secondo la quale, secondo le fonti di Politico, c'è stata una certa resistenza alla pausa tra le lotte all'interno dell'amministrazione per il timore di permettere ai giornalisti di entrare a Gaza per raccontare le devastazioni che Israele ha inflitto all'enclave. Politico ha riferito che:

"E c'era qualche preoccupazione nell'amministrazione per una conseguenza non voluta della pausa: che avrebbe permesso ai giornalisti un accesso più ampio a Gaza e l'opportunità di risaltare ulteriormente la devastazione del luogo e di rivolgere l'opinione pubblica contro Israele".

In altre parole, la Casa Bianca teme che una breve pausa nel massacro israeliano di civili a Gaza permetta ai giornalisti di riportare la verità sul massacro israeliano di civili a Gaza, perché danneggerebbe gli interessi informativi di Stati Uniti e Israele. Temono che il pubblico diventi più consapevole dei fatti e della verità.

Inutile dire che se si sta dalla parte giusta della storia non ci si preoccupa del fatto che i giornalisti riportino fatti veri su eventi attuali, danneggiando così il sostegno pubblico ai propri programmi.

Ma questo non è il lato da cui gli Stati Uniti e Israele si sono sempre schierati, ed è per questo che l'impero statunitense sta attualmente imprigionando Julian Assange per aver fatto del buon giornalismo sui crimini di guerra degli Stati Uniti e perché Israele ha una storia decennale di minacce e attacchi ai giornalisti.

Durante la campagna di bombardamenti israeliana a Gaza nel 2021, l'IDF avrebbe preso di mira più di 20 istituzioni giornalistiche palestinesi nell'enclave, oltre alla torre che ospitava i media  internazionali AP e Al Jazeera.

Durante l'attuale attacco Israele ha ucciso decine di giornalisti palestinesi, a volte bombardando attivamente le loro case dove vivono con le loro famiglie. La campagna dell'IDF per eliminare i giornalisti scomodi ha fatto sì che il Committee to Protect Journalists definisse questo conflitto il più letale mai registrato per i giornalisti, ovunque.

Sia gli Stati Uniti che Israele hanno attaccato la stampa in questo modo perché i loro governi sanno che chi controlla la narrazione controlla il mondo.

Hanno capito che il potere è controllare ciò che accade, ma il potere ultimo è controllare ciò che la gente pensa di ciò che accade. La coscienza umana è dominata dalle narrazioni mentali, quindi se si riesce a controllare le narrazioni dominanti della società, si può controllare l'uomo. 

Questo è il motivo per cui i potenti sono stati in grado di rimanere al potere nella nostra civiltà: perché lo capiscono, mentre noi, il pubblico, generalmente non lo capiamo.

È per questo che ci bombardano con la propaganda dei mass media senza sosta, è per questo che lavorano per censurare Internet, è per questo che Assange langue in prigione, è per questo che Israele uccide abitualmente i giornalisti ed è per questo che la Casa Bianca ha paura di ciò che accadrà se i giornalisti di tutto il mondo riusciranno a portare le loro telecamere a Gaza.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti