Caso Seldowitz: arrestato l'ex funzionario di Obama

Caso Seldowitz: arrestato l'ex funzionario di Obama

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il filmato virale di Stuart Seldowitz che attacca il gestore di un carretto di cibo Halal con offese islamofobiche e invoca la morte di altri bambini palestinesi ha messo a nudo il legame tra l'estremismo e la politica estera statunitense. 

Seldowitz, ex consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Obama e numero due del Dipartimento di Stato per gli affari israelo-palestinesi, è stato sorpreso per le strade di New York a vomitare bigottismo nudo e crudo su arabi e musulmani che violentano le loro figlie, scrive The Grayzone.

"Hai violentato tua figlia come ha fatto Maometto?". Seldowitz è stato sorpreso mentre chiedeva a un lavoratore di un carretto alimentare in una fredda notte di novembre a New York. "Se abbiamo ucciso 4.000 bambini palestinesi, non è stato abbastanza".


Ma il riprovevole episodio che vede Seldowitz protagonista non è stato un incidente isolato. Anzi, è la personificazione del connubio tra il bigottismo di rango e l'estremismo assiomatico del consenso trasversale delle fazioni della politica estera statunitense. Prima della sua ascesa alla celebrità di Internet, Seldowitz ha trascorso almeno un anno a molestare maliziosamente le diplomatiche russe e ha persino tentato di insidiare il cane dell'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyanskiy. 

L'ambasciatore ha dichiarato a The Grayzone che vedere il filmato di Seldowitz è stata una "rivelazione" per lui, perché lui e la sua squadra sono stati "molestati da lui per più di un anno e non siamo riusciti a identificarlo". 

Secondo Polyanskiy, Seldowitz ha persino cercato di "molestare" il suo cane durante una passeggiata. "Il che è troppo per me", ha aggiunto l'ambasciatore.

Seldowitz faceva parte di un gruppo di manifestanti contro la Russia alle Nazioni Unite dopo l'avvio dell'operazione militare in Ucraina e si appostava all'ingresso della missione russa per seguire e insultare i diplomatici che uscivano dal loro posto di lavoro.


"Era insistente e personale. Questo è il problema", ha insistito Polyanskiy. "Non abbiamo problemi se qualcuno esprime preoccupazioni o disaccordi con le nostre politiche, ma quando la cosa diventa personale e una persona molesta e pedina le donne, insultandole, dicendo loro che sono 'puttane' e tutte queste cose, è qualcosa che non potremmo sopportare", ha affermato a The Grayzone.

In un video ottenuto da The Grayzone, si vede Seldowitz aggredire verbalmente una persona che sta facendo una pausa sigaretta fuori dalla missione russa alle Nazioni Unite. Seldowitz definisce la collega donna "puttana", poi le si avvicina e le chiede: "Sei una delle prostitute di Putin?".

Secondo Polyanskiy, il Dipartimento di Polizia di New York non ha fatto nulla per fermare Seldowitz o assistere la squadra diplomatica nell'identificazione del suo molestatore seriale, liquidando il tutto come un problema di libertà di parola. Seldowitz ha smesso solo quando "gli statunitensi comuni hanno cercato di ragionare con lui e di dirgli che sta facendo cose fuori posto".

A questo punto sarebbe  troppo facile liquidare i commenti razzisti come demenza senile. Invece, l'ex alto funzionario statunitense con i suoi comportamenti ha gettato la maschera, mostrando il vero volto dell'Occidente ‘democratico’.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti