Caso Seldowitz: arrestato l'ex funzionario di Obama

Caso Seldowitz: arrestato l'ex funzionario di Obama

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il filmato virale di Stuart Seldowitz che attacca il gestore di un carretto di cibo Halal con offese islamofobiche e invoca la morte di altri bambini palestinesi ha messo a nudo il legame tra l'estremismo e la politica estera statunitense. 

Seldowitz, ex consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Obama e numero due del Dipartimento di Stato per gli affari israelo-palestinesi, è stato sorpreso per le strade di New York a vomitare bigottismo nudo e crudo su arabi e musulmani che violentano le loro figlie, scrive The Grayzone.

"Hai violentato tua figlia come ha fatto Maometto?". Seldowitz è stato sorpreso mentre chiedeva a un lavoratore di un carretto alimentare in una fredda notte di novembre a New York. "Se abbiamo ucciso 4.000 bambini palestinesi, non è stato abbastanza".


Ma il riprovevole episodio che vede Seldowitz protagonista non è stato un incidente isolato. Anzi, è la personificazione del connubio tra il bigottismo di rango e l'estremismo assiomatico del consenso trasversale delle fazioni della politica estera statunitense. Prima della sua ascesa alla celebrità di Internet, Seldowitz ha trascorso almeno un anno a molestare maliziosamente le diplomatiche russe e ha persino tentato di insidiare il cane dell'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyanskiy. 

L'ambasciatore ha dichiarato a The Grayzone che vedere il filmato di Seldowitz è stata una "rivelazione" per lui, perché lui e la sua squadra sono stati "molestati da lui per più di un anno e non siamo riusciti a identificarlo". 

Secondo Polyanskiy, Seldowitz ha persino cercato di "molestare" il suo cane durante una passeggiata. "Il che è troppo per me", ha aggiunto l'ambasciatore.

Seldowitz faceva parte di un gruppo di manifestanti contro la Russia alle Nazioni Unite dopo l'avvio dell'operazione militare in Ucraina e si appostava all'ingresso della missione russa per seguire e insultare i diplomatici che uscivano dal loro posto di lavoro.


"Era insistente e personale. Questo è il problema", ha insistito Polyanskiy. "Non abbiamo problemi se qualcuno esprime preoccupazioni o disaccordi con le nostre politiche, ma quando la cosa diventa personale e una persona molesta e pedina le donne, insultandole, dicendo loro che sono 'puttane' e tutte queste cose, è qualcosa che non potremmo sopportare", ha affermato a The Grayzone.

In un video ottenuto da The Grayzone, si vede Seldowitz aggredire verbalmente una persona che sta facendo una pausa sigaretta fuori dalla missione russa alle Nazioni Unite. Seldowitz definisce la collega donna "puttana", poi le si avvicina e le chiede: "Sei una delle prostitute di Putin?".

Secondo Polyanskiy, il Dipartimento di Polizia di New York non ha fatto nulla per fermare Seldowitz o assistere la squadra diplomatica nell'identificazione del suo molestatore seriale, liquidando il tutto come un problema di libertà di parola. Seldowitz ha smesso solo quando "gli statunitensi comuni hanno cercato di ragionare con lui e di dirgli che sta facendo cose fuori posto".

A questo punto sarebbe  troppo facile liquidare i commenti razzisti come demenza senile. Invece, l'ex alto funzionario statunitense con i suoi comportamenti ha gettato la maschera, mostrando il vero volto dell'Occidente ‘democratico’.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti