/ CNN: Con i dazi di Trump al Messico, gli USA perderanno 400.000 p...

CNN: Con i dazi di Trump al Messico, gli USA perderanno 400.000 posti di lavoro

 

I dazi sui prodotti messicani promessi dal presidente Donald Trump potrebbero costare agli Stati Uniti circa 400.000 posti di lavoro, secondo un nuovo rapporto della CNN.


Secondo una nuova analisi dal gruppo di Perryman, una società di consulenza economica, pubblicato oggi dalla CNN spagnola, l'espansione della guerra commercio globale di Trump in Messico comporterebbe gravi conseguenze economiche per i lavoratori nord-americani, in particolare nello stato meridionale del Texas.
 
All'entrata in vigore di dazi USA del 5% su tutti i prodotti messicani, oltre 400.000 persone saranno disoccupate negli Stati Uniti. Queste misure costerebbero solo al Texas più di 117.000 posti di lavoro.
 
La scorsa settimana, Trump ha annunciato che imporrà, dal 10 giugno una tariffa del 5% su tutte le merci che entrano dal Messico se l'arrivo di immigrati clandestini negli Stati Uniti non viene arrestato, e aggiungendo che le tariffe sarebbero salite ogni mese fino a raggiungere il 25% ad ottobre, a meno che il paese limitrofo non contenga il flusso migratorio attraverso il confine comune.
 
Attualmente, gli Stati Uniti sono il principale partner commerciale del Messico, che ha esportato tra gennaio e novembre 2018 ai propri prodotti per un valore vicino settentrionale 328 000 milioni di euro, che rappresentano quasi l'80% del totale delle esportazioni.
 
"Per imporre dazi su tutti i prodotti del nostro principale partner commerciale, ci sono aumenti significativi dei costi e altri danni per l'economia (...) Le conseguenze potrebbero essere molto maggiore nel corso del tempo", ha dichiarato esponendo la relazione Ray Perryman, direttore della società di consulenza.
 
Uno dei settori più colpiti sarà la vendita al dettaglio, che copre tutti i livelli dai negozi di abbigliamento e arredamento ai ristoranti e ai rivenditori di ricambi auto.
Quell'industria potrebbe perdere 136.516 posti di lavoro, ha avvertito Perryman.
 
D'altra parte, più di 50.000 posti di lavoro potrebbero scomparire dall'industria manifatturiera, il settore che il magnate di New York ha promesso di sostenere in parte attraverso la sua aggressiva agenda commerciale.
 
I danni economici sarebbero ancora maggiori se il vicino del sud vendicasse imponendo tariffe sui prodotti statunitensi, causando un calo delle esportazioni statunitensi, secondo l'analisi.
 
Attualmente, gli Stati Uniti e il Messico mantengono dialoghi volti a raggiungere un accordo sull'immigrazione che soddisfi Trump, che insiste sul fatto che il Messico debba fare di più a riguardo.
 
Fonte: CNN
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa