Co-fondatore di Dogecóin ammette: "Criptovalute la parte peggiore del sistema capitalista"

Co-fondatore di Dogecóin ammette: "Criptovalute la parte peggiore del sistema capitalista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Jackson Palmer, uno dei creatori della valuta digitale dogecóin, ieri ha pubblicato un thread sul suo account Twitter in cui ha espresso il motivo per cui non vuole tornare sul mercato delle criptovalute.

In particolare, il programmatore australiano ha sostenuto che "la criptovaluta è una tecnologia ipercapitalista intrinsecamente di destr , costruita principalmente per amplificare la ricchezza dei suoi difensori attraverso una combinazione di evasione fiscale, ridotta supervisione normativa e scarsità imposta artificialmente". 

Ha aggiunto che il mercato è attualmente controllato da "un potente cartello di figure benestanti" e incorpora "le stesse istituzioni legate al sistema finanziario centralizzato esistente che avrebbero dovuto sostituire".

Di conseguenza, è un sistema di distribuzione dei profitti estremamente diseguale che prospera sulle risorse di novellini "ingenui e finanziariamente disperati" attirati dal culto "di diventare ricchi in fretta", ha spiegato Palmer.

"Lo sfruttamento finanziario esisteva indubbiamente prima della criptovaluta, ma la criptovaluta è costruita quasi intenzionalmente per rendere l'imbuto del profitto più efficiente per chi era al vertice e meno protetto per i più vulnerabili."

Per dimostrare come l'etica dominante nella sfera favorisca i ricchi, Palmer osserva che i piccoli investitori non sono protetti, mentre i giocatori chiave si esaltano: "Hai perso la password del tuo conto di risparmio? Colpa tua. Sei stato una vittima di una truffa? Colpa tua . I miliardari manipolano i mercati? Sono dei geni ”.

"È come prendere le parti peggiori dell'attuale sistema capitalista (ad esempio corruzione, frode, disuguaglianza) e utilizzare 'software' per limitare tecnicamente l'uso di interventi (ad esempio, audit, regolamentazione, tasse) che fungono da protezione o reti sicurezza per la persona media", conclude il programmatore.

Insieme all'americano Billy Markus - anche lui uscito dal progetto - Palmer ha creato il dogecóin nel 2013, quando aveva 26 anni. Come ha disse nel 2018 in un'intervista con The Sydney Morning Herald, è stato critico nei confronti delle criptovalute fin dall'inizio e ha creato il "token" per scherzo. "Ma poi è diventato rapidamente legittimo ... e a quel punto ho pensato: 'Oh mio Dio, ora mi sento responsabile di questo scherzo'", ha ricordato precisando di aver ridistribuito tutti i dogecoin.

"Avevo qualche milione di dogecoin, che non era niente. Valevano cinque o diecimila dollari. E ho dato tutto agli enti di beneficenza che sosteniamo dall'inizio", ha concluso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti