Co-fondatore di Dogecóin ammette: "Criptovalute la parte peggiore del sistema capitalista"

Co-fondatore di Dogecóin ammette: "Criptovalute la parte peggiore del sistema capitalista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Jackson Palmer, uno dei creatori della valuta digitale dogecóin, ieri ha pubblicato un thread sul suo account Twitter in cui ha espresso il motivo per cui non vuole tornare sul mercato delle criptovalute.

In particolare, il programmatore australiano ha sostenuto che "la criptovaluta è una tecnologia ipercapitalista intrinsecamente di destr , costruita principalmente per amplificare la ricchezza dei suoi difensori attraverso una combinazione di evasione fiscale, ridotta supervisione normativa e scarsità imposta artificialmente". 

Ha aggiunto che il mercato è attualmente controllato da "un potente cartello di figure benestanti" e incorpora "le stesse istituzioni legate al sistema finanziario centralizzato esistente che avrebbero dovuto sostituire".

Di conseguenza, è un sistema di distribuzione dei profitti estremamente diseguale che prospera sulle risorse di novellini "ingenui e finanziariamente disperati" attirati dal culto "di diventare ricchi in fretta", ha spiegato Palmer.

"Lo sfruttamento finanziario esisteva indubbiamente prima della criptovaluta, ma la criptovaluta è costruita quasi intenzionalmente per rendere l'imbuto del profitto più efficiente per chi era al vertice e meno protetto per i più vulnerabili."

Per dimostrare come l'etica dominante nella sfera favorisca i ricchi, Palmer osserva che i piccoli investitori non sono protetti, mentre i giocatori chiave si esaltano: "Hai perso la password del tuo conto di risparmio? Colpa tua. Sei stato una vittima di una truffa? Colpa tua . I miliardari manipolano i mercati? Sono dei geni ”.

"È come prendere le parti peggiori dell'attuale sistema capitalista (ad esempio corruzione, frode, disuguaglianza) e utilizzare 'software' per limitare tecnicamente l'uso di interventi (ad esempio, audit, regolamentazione, tasse) che fungono da protezione o reti sicurezza per la persona media", conclude il programmatore.

Insieme all'americano Billy Markus - anche lui uscito dal progetto - Palmer ha creato il dogecóin nel 2013, quando aveva 26 anni. Come ha disse nel 2018 in un'intervista con The Sydney Morning Herald, è stato critico nei confronti delle criptovalute fin dall'inizio e ha creato il "token" per scherzo. "Ma poi è diventato rapidamente legittimo ... e a quel punto ho pensato: 'Oh mio Dio, ora mi sento responsabile di questo scherzo'", ha ricordato precisando di aver ridistribuito tutti i dogecoin.

"Avevo qualche milione di dogecoin, che non era niente. Valevano cinque o diecimila dollari. E ho dato tutto agli enti di beneficenza che sosteniamo dall'inizio", ha concluso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti