Cuba: l'incendio a Matanzas è totalmente sotto controllo

Cuba: l'incendio a Matanzas è totalmente sotto controllo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo spaventoso incendio scoppiato la notte di venerdì scorso nella zona industriale della città di Matanzas che ha coinvolto grosse cisterne colme di carburante colpite da un fulmine, è finalmente sotto controllo. A renderlo noto è il presidente cubano Díaz-Canel, durante una riunione di governo per fare il punto sulle misure adottate per combattere l'incendio.

"Il popolo cubano, con la collaborazione dei nostri fratelli messicani e venezuelani, ha saputo affrontare e spegnere l'incendio nella ‘Base de Supertanqueros’ di Matanzas”, ha dichiarato il presidente, secondo quanto riportato sul sito web del governo, aggiungendo che la priorità continua ad essere data ai feriti e alle famiglie dei dispersi, "il cui salvataggio inizierà non appena le condizioni lo permetteranno".

Inoltre, durante la riunione è stata segnalata la morte di un vigile del fuoco avvenuta mercoledì sera. "Elier Correa, giovane ufficiale dei Vigili del Fuoco cubani, un altro eroe dell'impresa di Matanzas, è deceduto ieri sera, dopo diversi giorni in condizioni critiche. Grazie all'abilità di uomini come lui, l'incendio fu messo sotto controllo. Le mie condoglianze ai suoi cari", ha scritto Díaz-Canel sul suo account Twitter.

Il presidente cubano ha evidenziato che dietro questo risultato c'è uno sforzo eroico, c'è un'epopea; è un'epopea che dovrà essere raccontata, per il suo coraggio, per l'eroismo di tutti coloro che hanno partecipato a questo combattimento. Anche se oggi - evidenzia il quotidiano Granma - la stampa "libera", la stampa "obiettiva", non parla di eroismo; la stampa mainstream si limita a frasi quasi neutre come "l'incendio a Matanzas è sotto controllo”. 

Sui social network, gli haters hanno quasi goduto di quanto stava accadendo a Matanzas, hanno parlato di uno "Stato fallito", di un "Paese in crisi"; ebbene, quello "Stato fallito", quel "Paese in crisi", il popolo cubano, i suoi specialisti, con la cooperazione dei Paesi fratelli, hanno controllato l'incendio e stanno avanzando nella sua liquidazione, ha poi evidenziato Díaz-Canel. 

Durante la riunione di governo a cui hanno partecipato anche Susely Morfa González, primo segretario del Comitato provinciale del Partito a Matanzas, e Mario Sabines Lorenzo, governatore della provincia, oltre a ministri e alti funzionari delle FAR e del Minint, il Presidente della Repubblica ha nuovamente riconosciuto ed apprezzato gli sforzi compiuti da varie categorie e organizzazioni, in particolare i trasportatori, i cui sforzi eccezionali, ha detto, hanno permesso di garantire l'accoglienza della cooperazione internazionale per via aerea e marittima. Si sono impegnati a fondo, hanno lavorato instancabilmente e lo hanno fatto con grande efficacia ed efficienza, ha sottolineato.

Infine, Díaz-Canel ha esortato a continuare a "dare priorità ai feriti e alle famiglie dei dispersi". Aggiungendo che dobbiamo seguire da vicino gli studi di monitoraggio ambientale nei prossimi giorni”. 

La battaglia continua, ma Cuba come sempre accade in questi casi è pronta lottare strenuamente. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale di Paolo Desogus La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino di Alberto Fazolo Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

Libia, le 685 mila bugie (in prima pagina) del Corriere di Michelangelo Severgnini Libia, le 685 mila bugie (in prima pagina) del Corriere

Libia, le 685 mila bugie (in prima pagina) del Corriere

La lotta francese e i tradimenti in Italia di Pasquale Cicalese La lotta francese e i tradimenti in Italia

La lotta francese e i tradimenti in Italia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Carl Philipp Trump: sbarca a Berlino LSD legale! di  Leo Essen Carl Philipp Trump: sbarca a Berlino LSD legale!

Carl Philipp Trump: sbarca a Berlino LSD legale!

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina di Damiano Mazzotti Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina