Da Chomsky a Roger Waters: l'Opcw chiarisca manipolazione armi chimiche a Douma

Da Chomsky a Roger Waters: l'Opcw chiarisca manipolazione armi chimiche a Douma

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Qualcuno ci potrebbe accusare di propaganda e affibbiarci bollini rossi per la nostra disinformazione.

 

Ma come si fa ad ignorare un allarme lanciato attraverso un appello del whistleblower Courgae Fondation, firmato da eminenti personalità della politica, della cultura, del giornalismo, e da ex militari USA?

 

Tra i firmatari di questo appello figurano: l'ex candidata alle primarie Dem per le Presidenziali USA, Tulsi Gabbrd, uno dei più grandi pensatori e intellettuali viventi Noam Chomsky, l'informatore del Pentagon Papers Daniel Ellsberg, il giornalista e regista John Pilger e uno dei fondatori della band musicale Pink Floyd e attivista Roger Waters.

 

Veniamo ai fatti.

 

È in ballo la credibilità di un organismo delle Nazioni Unite, ovvero l'organizzazione per la proibizione e lo sviluppo delle armi chimiche: OPCW.

 

La Courage Fondation si riferisce alle ombre che gravitano sul presunto uso di armi chimiche da parte dell'esercito siriano a Douma, sobborgo di Damasco, il 7 aprile 2018.

 

Giusto ricordare che, senza aspettare nessuna indagine indipendente, USA, Gran Bretagna e Francia bombardarono la Siria qualche giorno dopo.

 

La CF cita le ombre che sono calate sullo sviluppo delle successive indagini dell'OPCW sui fatti di Douma, dove si ricorda che "gli ispettori dell'OPCW coinvolti nell'indagine hanno identificato gravi irregolarità procedurali e scientifiche, la fuga di una quantità significativa di documenti corroboranti e dichiarazioni schiaccianti fornite alle riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. È ormai ben stabilito che alcuni ispettori senior coinvolti nell'indagine, uno dei quali ha svolto un ruolo centrale, rifiutano il modo in cui l'indagine ha tratto le sue conclusioni, e la direzione dell'OPCW è ora accusata di accettare risultati infondati o forse manipolati con i più seri dubbi politici e implicazioni per la sicurezza."

 

Il primo a sollevare dubbi sull'indagine fu, addirittura, il primo direttore generale dell'OPCW, José Bustani, e successivamente un numero significativo di personalità eminenti ha chiesto trasparenza e responsabilità all'OPCW. 

 

Si ricorda, tra l'altro, che a Bustani è stato impedito da membri chiave del Consiglio di Sicurezza di partecipare ad un'audizione in merito sulle armi chimiche usate a Douma.

 

Il nodo dell'appello di CF è in questo passaggio: "l'alta dirigenza dell'OPCW non è riuscita a rispondere adeguatamente alle accuse contro di essa e, nonostante abbia rilasciato dichiarazioni contrarie, si capisce che non abbia mai adeguatamente permesso che le opinioni o le preoccupazioni dei membri della squadra investigativa fossero ascoltate o addirittura incontrato con la maggior parte di loro. Ha, invece, aggirato la questione avviando un'indagine su un documento trapelato relativo al caso Douma e condannando pubblicamente i suoi ispettori più esperti per aver parlato."

 

Si denunciano, nell'appello, anche i vari tentativi mediatici di discredito contro Bustani ed altri ispettori che hanno contestato il rapporto finale su Douma.

 

A tal proposito la CF ribadisce che "La questione in esame minaccia di danneggiare gravemente la reputazione e la credibilità dell'OPCW e minare il suo ruolo vitale nel perseguimento della pace e della sicurezza internazionali. Semplicemente non è sostenibile per un'organizzazione scientifica come l'OPCW rifiutarsi di rispondere apertamente alle critiche e alle preoccupazioni dei propri scienziati pur essendo associata a tentativi di screditare e diffamare quegli scienziati. Inoltre, la controversia in corso sul rapporto Douma solleva anche preoccupazioni riguardo all'affidabilità dei precedenti rapporti FFM, compresa l'indagine sul presunto attacco a Khan Shaykhun nel 2017."

 

Infine, i firmatari dell'appello lanciato dalla CF, chiedono "al Direttore generale dell'OPCW di trovare il coraggio di affrontare i problemi all'interno della sua organizzazione relativi a questa indagine e di garantire che gli Stati e le Nazioni Unite siano informati di conseguenza. In questo modo speriamo e crediamo che la credibilità e l'integrità dell'OPCW possano essere ripristinate."

 

 

 

 

Elenco Firmatari appello lanciato da Courage Fondation:

 

José Bustani, Ambassador of Brazil, first Director General of the OPCW and former Ambassador to the United Kingdom and France.

 

Professor Noam Chomsky, Laureate Professor U. of Arizona and Institute Professor (em), MIT.

 

Andrew Cockburn, Washington editor, Harper’s Magazine.

 

Daniel Ellsberg, PERI Distinguished Research Fellow, UMass Amherst. Former Defense and State Department official. Former official of Defense Department (GS-18) and State Department (FSR-1).

 

Professor Richard Falk, Professor of International Law Emeritus, Princeton University.

 

Tulsi Gabbard, former Presidential candidate and Member of the US House of Representatives (2013-2021).

 

Professor Dr. Ulrich Gottstein, on behalf of International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW-Germany).

 

Katharine Gun, former GCHQ (UKGOV), whistleblower.

 

Denis J. Halliday, UN Assistant Secretary-General (1994-98).

 

Professor Pervez Houdbhoy, Quaid-e-Azam University and ex Pugwash.

 

Kristinn Hrafnnson, Editor in Chief, Wikileaks.

 

Dr. Sabine Krüger, Analytical Chemist, Former OPCW Inspector 1997-2009.

 

Ray McGovern, ex-CIA Presidential Briefer; co-founder, Veteran Intelligence Professionals for Sanity.

 

Elizabeth Murray, former Deputy National Intelligence Officer for the Near East, National Intelligence (rtd); member, Veteran Intelligence Professionals for Sanity and Sam Adams Associates for Integrity in Intelligence.

 

Professor Götz Neuneck, Pugwash Council and German Pugwash Chair.

 

Dirk van Niekerk, former OPCW Inspection Team Leader, Head of OPCW Special Mission to Iraq

 

John Pilger, Emmy and Bafta winning journalist and film maker.

 

Professor Theodore A. Postol, Professor Emeritus of Science, Technology, and National Security Policy, Massachusetts Institute of Technology.

 

Dr. Antonius Roof, former OPCW Inspection Team Leader and Head Industry Inspections.

 

Professor John Avery Scales, Professor, Pugwash Council and Danish Pugwash Chair.

 

Hans von Sponeck, former UN Assistant Secretary General and UN Humanitarian Co-ordinator (Iraq).

 

Alan Steadman, Chemical Weapons Munitions Specialist, Former OPCW Inspection Team Leader and UNSCOM Inspector.

 

Jonathan Steele, journalist and author.

 

Roger Waters, Musician and Activist.

 

Lord West of Spithead, First Sea Lord and Chief of Naval Staff 2002-06.

 

Oliver Stone, Film Director, Producer and Writer.

 

Colonel (ret.) Lawrence B. Wilkerson, U.S. Army, Visiting Professor at William and Mary College and former chief of staff to United States Secretary of State Colin Powell.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti