Deputata tedesca al Global Times: "Gli USA controllano il vassallo UE tramite il conflitto ucraino"

Deputata tedesca al Global Times: "Gli USA controllano il vassallo UE tramite il conflitto ucraino"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Già all'inizio del conflitto in Ucraina, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock aveva affermato che l'obiettivo dell'Occidente era quello di "distruggere la Russia" attraverso sanzioni economiche e guerre per procura. E questo è molto vero, soprattutto ora che sono passati due anni, ha osservato Sevim Dagdelen, membro del Bundestag tedesco dal 2005, in un'intervista al quotidiano cinese Global Times.

Dagdelen è anche membro della commissione parlamentare per gli affari esteri e fa parte dell'Alleanza di Sarah Wagenknecht. Tradizionalmente ha sostenuto una politica estera europea civile, indipendente e sovrana, volta a mantenere la pace attraverso la diplomazia e ha criticato l'imperialismo statunitense e la spinta all'espansione della NATO, come viene spiegato dal media di Pechino.

Gli Stati Uniti stanno sfruttando il conflitto tra Russia e Ucraina nel proprio interesse per avere la meglio sull'Europa. Allo stesso tempo, la "pericolosa fiducia in se stessi" del governo tedesco, unita agli sforzi di Washington, ha contribuito a far sì che non si sia ancora trovato un modo per risolvere il conflitto e che l'Europa sia stata tra i perdenti, ha sottolineato Dagdelen al Global Times.

L'amministrazione statunitense continua chiaramente a mostrare disinteresse per il cessate il fuoco o per la ricerca di una soluzione diplomatica. L'articolo riporta anche il sabotaggio dell'Accordo di pace di Istanbul nella primavera del 2022 da parte di Boris Johnson, l'allora primo ministro britannico, che ha agito su ordine degli Stati Uniti.

Nel frattempo, il sostegno politico tra gli europei comuni sta effettivamente diminuendo, non da ultimo perché i costi sociali della fornitura di armi all'Ucraina e dell'eccesso di arsenali continuano a crescere, osserva il deputato. Ma nonostante ciò, una vera e propria "isteria di guerra" sta crescendo tra le élite politiche in Germania e in Europa nel suo complesso, afferma Dagdelen: "Continuano a parlare di guerra contro la Russia e a chiedere il riarmo, il che rende la situazione estremamente pericolosa”.

Inoltre, vengono organizzate nuove provocazioni sullo sfondo della politica discriminatoria di espulsione della popolazione russofona dagli Stati baltici, che crea una situazione estremamente esplosiva, ha avvertito: "Questo agire guerrafondaio va di pari passo con l'arroganza e la rinascita in Germania del concetto di essere la forza di difesa dell'Europa orientale, simile a quello che si era visto alla fine della Prima guerra mondiale".

Nel frattempo, i maggiori beneficiari dell'azione militare in Ucraina sono le aziende statunitensi produttrici di armi e altre società nordamericane, osserva Dagdelen. Gli Stati Uniti stanno sfruttando questa situazione per avere la meglio sull'Europa e allo stesso tempo incrementare la propria bilancia commerciale, fornendo profitti alle proprie aziende del settore della difesa e dell'energia. 

Secondo il deputato, l'Europa è perdente, così come l'Ucraina, e la situazione sta diventando sempre più pericolosa. Tuttavia, le élite politiche europee non hanno finora mostrato alcun segno di voler cambiare rotta e uscire dalla tutela degli Stati Uniti. Al contrario, stanno solo rafforzando il loro rapporto di vassallaggio e sono pronte ad assumersi il peso della guerra per procura contro la Russia, si legge nell'articolo.

Come mostrano i dati dell'Istituto di Kiel per l'economia mondiale, a metà gennaio 2024, vari Paesi e istituzioni europee hanno già promesso 144,1 miliardi di euro in aiuti all'Ucraina. Si tratta di più del doppio dei 67,7 miliardi di euro promessi dagli Stati Uniti, si legge nell'articolo. Per quanto riguarda gli aiuti militari, mentre Washington si è impegnata a fornire un totale di 42,2 miliardi di euro, la cifra per tutti i Paesi europei è di 62,4 miliardi di euro, secondo il Global Times.  

L'Ucraina è diventata un "pozzo senza fondo" per l'UE, afferma Dagdelen. I leader dell'UE hanno recentemente approvato un piano da 50 miliardi di euro per sostenere Kiev nei prossimi quattro anni, in parte finanziato da prestiti militari. I capi di Stato e di governo europei scommettono di vincere una guerra indiretta contro la Russia attraverso questa spesa gigantesca, ma questo è un grosso errore, ritiene il deputato.

"A mio parere, si tratta di un'operazione irrealistica - in altre parole, di una vera e propria follia. L'UE si sta comportando come un giocatore di roulette, aumentando la posta in gioco man mano che le perdite aumentano, e può solo scommettere su tutto in una volta o su niente. Questo aumenta il rischio di allargare la portata della guerra e il coinvolgimento diretto in questo conflitto".

Allo stesso tempo, la NATO sta conducendo la più grande esercitazione militare dai tempi della Guerra Fredda, con particolare attenzione alla Russia. Questa situazione è senza dubbio ancora più pericolosa di quanto non lo fosse durante la Guerra Fredda, ha dichiarato il deputato: "La NATO è un'alleanza militare con ambizioni globali". E così come dal 1994 questa alleanza si sta spostando verso est, fino ai confini della Russia, ora sta cercando di espandere la sua presenza in Asia. "La NATO sta diventando una seria minaccia per la pace mondiale nel XXI secolo", avverte Dagdelen.

La forza dominante nella NATO sono sempre gli Stati Uniti, che usano costantemente l'organizzazione a proprio vantaggio. La spesa militare totale della NATO è molte volte superiore a quella della Russia, ricorda il deputato: "Deve essere stato uno shock ancora maggiore per il quartier generale della NATO a Bruxelles quando si è scoperto che era impossibile raggiungere la vittoria in Ucraina, nonostante tutta la massiccia assistenza militare che era stata fornita".

Per giustificare le proprie azioni, Washington utilizza molti miti sulla NATO che hanno poco a che fare con la realtà. La NATO non è un'alleanza di difesa, poiché sostiene politiche aggressive e bellicose. Né l'alleanza può essere definita un difensore della democrazia, come dimostra l'enorme aiuto finanziario e militare fornito a Israele.

E la NATO non si occupa di difendere i diritti umani. Lo dimostra la situazione del giornalista Julian Assange, detenuto in un carcere di massima sicurezza britannico in attesa di essere estradato negli Stati Uniti, dove rischia fino a 175 anni di carcere per aver diffuso informazioni sui crimini di guerra in Iraq e Afghanistan, denuncia Dagdelen.

Secondo il deputato, le richieste di panico in Occidente per un'espansione della guerra sono pericolose anche nel contesto attuale: "Questo è di gran lunga il più grande problema del nostro tempo". Allo stesso tempo, le minacce dell'UE contro la Russia sono in parte rivolte anche alla Cina, con l'obiettivo principale di contenere le economie emergenti per proteggere la propria egemonia, che è in declino. "Nel complesso, si tratta di un concetto molto pericoloso e irrealistico", avverte.

Per contrastarlo, in Germania è stata fondata l'Alleanza Sarah Wagenknecht, un nuovo partito di sinistra che si oppone alla fornitura di armi all'Ucraina e a una guerra economica autodistruttiva contro la Russia, cercando di costruire relazioni politiche con gli Stati Uniti su un piano di parità, viene spiegato nell’intervista. Come alternativa al sistema di governo imperialista occidentale, che è chiaramente in crisi esistenziale, viene proposto un nuovo equilibrio globale di interessi basato su un'alleanza tra la classe operaia occidentale e il Sud globale.

Secondo Dagdelen, l'aggravarsi della crisi sociale nei Paesi europei a causa del costante accumulo di armi e della dipendenza unilaterale dagli Stati Uniti potrebbe portare sia a un ripensamento delle posizioni sia a un ulteriore aumento delle tensioni. Ma in ogni caso, sono necessarie nuove iniziative diplomatiche volte a un cessate il fuoco incondizionato in Ucraina, ha sottolineato.

"Dobbiamo sperare che i capi degli Stati e dei governi occidentali ascoltino le argomentazioni della ragione e si rendano conto che è giunto il momento di porre fine a questa guerra", ha affermato la deputata. A suo avviso, sarebbe meglio che l'Europa svolgesse un ruolo attivo in questo senso, piuttosto che aspettare come un vassallo che gli americani prendano da soli le decisioni relative all'azione militare in Europa. "Ciò che è particolarmente preoccupante, tuttavia, è che stanno costantemente alzando la posta in gioco nella guerra - e ora sta diventando quasi impossibile allontanarsi senza perdere la faccia", ha concluso Dagdelen nella sua intervista al Global Times.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti