/ Di fronte alla "massima pressione" degli Stati Uniti, l'Iran si č...

Di fronte alla "massima pressione" degli Stati Uniti, l'Iran si č opposto con la "massima resistenza"

 

L'Iran, alla politica di "massima pressione" degli Stati Uniti, si oppone alla "massima resistenza" e ha quindi dimostrato l'inefficienza di questa strategia elaborata da Washington.


In un editoriale di sabato scorso scritto sul The Washington Post, da Jason Rezaian, si sottolinea che la resistenza della nazione iraniana è stata sotto la pressione costante delle varie amministrazioni statunitensi sulla Repubblica islamica negli ultimi quattro decenni.

 
Il popolo iraniano ha risposto con "massima resistenza" alla politica di "massima pressione" del governo di Donald Trump. Questa strategia, che si è materializzata sotto forma di "terrorismo economico negli ultimi due anni", aveva lo scopo di spezzare la volontà degli iraniani e costringerli a sedersi per rinegoziare un nuovo accordo nucleare, ma ha fallito clamorosamente.
 
L'articolo non solo evidenzia l'inefficienza delle misure anti-iraniane del presidente degli Stati Uniti, ma precisa anche che non hanno nemmeno soddisfatto le aspettative di Trump sull'efficacia delle sue politiche economiche ostili nei confronti degli iraniani.

 
La comunità internazionale, secondo Rezaian, consapevole della gravità delle sanzioni contro l'Iran, la più grande mai imposta a una nazione, ha considerato la possibilità che, nell'ambito della 74a sessione dell'Assemblea generale di le Nazioni Unite (UNGA), di un incontro bilaterale tra le autorità dell'Iran e degli Stati Uniti per ridurre le tensioni, ma non è stato possibile, in quanto la delegazione persiana ha chiesto agli Stati Uniti di sospendere tutte le misure punitive imposte a Teheran prima di avviare un dialogo.
 
"Molti pensavano che l'Iran, disperato, avrebbe accettato la proposta di un incontro bilaterale, ma non è stato così", ha scritto l'editorialista del media nordamericano.
 
Rezaian richiama l'attenzione sul fatto che, mentre le parti in causa, negli Stati Uniti e i suoi alleati, da un lato, e la Repubblica islamica, dall'altro, concordano sul fatto che i negoziati sono inevitabili, ciò non accadrà se non verranno revocate le sanzioni, come richiesto da Teheran.
 
L'amministrazione Trump ritiene, secondo il giornale, che può spingere la Repubblica islamica al tavolo dei negoziati esercitando “la massima pressione e danneggiando l'economia iraniana, ma non è consapevole che il popolo persiano è già immune da queste misure restrittive, dal momento che ha sofferto negli ultimi quarant'anni, cioè dalla vittoria della rivoluzione islamica dell'Iran nel febbraio del 1979.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa