Documenti declassificati: Brasile complice degli USA nel golpe contro Allende

Documenti declassificati: Brasile complice degli USA nel golpe contro Allende

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Diversi documenti di intelligence declassificati hanno rivelato come la dittatura militare brasiliana sia intervenuta con gli Stati Uniti per rovesciare il governo del presidente Salvador Allende in Cile.

In occasione del 57° anniversario del colpo di stato militare in Brasile, il 31 marzo 1964, il centro National Security Archive, con sede a Washington, ha pubblicato  questi documenti dell'intelligence da Brasile, Cile e Stati Uniti.

Si citano, ad esempio, i cablogrammi che Raúl Rettig, l'allora ambasciatore cileno in Brasile, inviò nel 1971 al Ministero degli Affari Esteri del suo Paese, nei quali si legge: "Esercito brasiliano potrebbe condurre studi sull'introduzione della guerriglia in Cile".

Nel suo rapporto, Rettig spiegava che "apparentemente" l'esercito brasiliano aveva inviato in Cile "diversi agenti segreti , che sarebbero entrati nel Paese come turisti, con l'intenzione di raccogliere dati sulle possibili regioni in cui potrebbe operare un movimento di guerriglia".

"Consolidare il potere"

Il National Security Archive fa riferimento anche al libro "Il Brasile contro la democrazia: dittatura, colpo di stato in Cile e guerra fredda in Sud America", del brasiliano Roberto Simon.

Simon denuncia il ruolo clandestino del regime militare brasiliano nel colpo di stato dell'11 settembre 1973 che portò al potere il generale Augusto Pinochet, nonché il suo contributo all'apparato repressivo del Cile durante i 17 anni di dittatura. 

"Il libro mostra come la dittatura militare brasiliana ha lavorato attivamente per minare la democrazia in Cile durante gli anni di Allende e, dopo il 1973, per aiutare la giunta cilena a consolidare il suo potere", ha spiegato l'autore al centro.

In altri documenti, sempre raccolti nel libro, si fa riferimento a un incontro privato tenuto alla Casa Bianca, nel dicembre 1971, dal presidente degli Stati Uniti Richard Nixon e dal generale brasiliano Emílio Garrastazu Médici, dove discussero degli sforzi per deporre Allende. 

Medici disse a Nixon che Allende sarebbe stato deposto "per le stesse ragioni per cui Joao Goulart era stato rovesciato in Brasile".

Il presidente brasiliano Joao Goulart fu rovesciato dal colpo di stato militare del 1964, dando inizio alla dittatura militare che terminò nel 1985. Il presidente deposto morì nel 1976 in Argentina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti