/ "Dopo l'errore strategico di Trump", Consigliere Khamenei si reca...

"Dopo l'errore strategico di Trump", Consigliere Khamenei si reca a Mosca e Pechino

 

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri iraniano, Bahram Ghassemi, ha affermato che "dopo l'errore strategico del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l'uscita dall'accordo sul nucleare, l'Iran ha deciso di inviare un certo numero di inviati speciali con i messaggi degli alti funzionari per spiegare le opinioni e posizioni dell'Iran su questo comportamento arrogante e contrario alle convenzioni internazionali di altri paesi".


Il consigliere iraniano per gli affari internazionali, Ali Akbar Velayati, si reca a Mosca e Pechino per consegnare una lettera congiunta della Guida suprema iraniana Ali Khamenei e dal presidente della Repubblica dell'IRan Rouhani al presidente russo Vladimir Putin.
 
Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri, Bahram Ghassemi, ha affermato che "dopo l'errore strategico del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l'uscita dell'accordo sul nucleare, l'Iran ha deciso di inviare un certo numero di inviati speciali con i messaggi degli alti funzionari per spiegare le opinioni e le posizioni dell'Iran su questo comportamento arrogante e contrario alle convenzioni internazionali di altri paesi."
 
"Come vicini di casa, Mosca e Teheran condividono interessi diversi a livello regionale e internazionale. Pertanto, il signor Velayati si incontra al Cremlino con il presidente russo Vladimir Putin e l'invio di messaggi dei massimi leader iraniani può essere molto importante", ha dichiarato il diplomatico.

 
Da parte sua, i media iraniani hanno anche dato grande importanza al viaggio di Velayati, considerando che si terrà alla vigilia del prossimo vertice NATO a Bruxelles così come prima della riunione di Putin e del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il prossimo 16 luglio in Finlandia.
 
L'ayatollah Ali Khamenei e il presidente iraniano Hassan Rouhani hanno preso una posizione ferma dopo la violazione dell'accordo nucleare di Washington.
 
Il leader iraniano ha dichiarato che il suo paese eserciterà il suo diritto di riprendere le sue attività nel campo dell'energia nucleare se i suoi interessi non sono garantiti dopo il ritiro di Washington dall'accordo.
 
Fonte: Al Mayadeen
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa